Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Guardando indietro ai televisori QLED di debutto di Samsung dello scorso anno, è difficile non pensare che siano usciti un anno troppo presto. Erano incredibilmente costosi e il loro uso della sola illuminazione a LED basata sui bordi alla fine sembrava vendere il potenziale della nuova tecnologia Quantum Dot rivestita di metallo di Samsung a breve.

Tutto ciò mette seriamente sotto pressione il Q9FN: il primo dei modelli QLED di seconda generazione di Samsung ad arrivare nelle nostre sale di prova. Può il set 2018 QE65Q9FNAT rendere la tecnologia QLED il battitore OLED che Samsung sembra così convinto di poter essere?

Design

  • 4 ingressi HDMI, 3 porte USB multimediali
  • Opzioni di rete LAN e Wi-Fi

Per quanto il Q9FN possa sfidare e persino superare lOLED per alcuni aspetti, non è un rivale sul fronte del design. Non ultimo perché mentre i televisori OLED tendono a sfoggiare estremità posteriori sottili che sfidano la fisica, il Q9FN ha uno dei culi più paffuti in circolazione.

Ha una buona scusa per questo nella forma: il suo sistema di illuminazione diretta a LED, che retroillumina lintera immagine. Ma avere una parte posteriore relativamente grande non è un grosso problema se un televisore viene utilizzato su un supporto da tavolo. I montatori a parete, tuttavia, potrebbero scoprire che il Q9FN sporgerà più di quanto non si sentano a proprio agio.

Il resto delle notizie sul design è comunque buono. Ad esempio, mentre la parte posteriore dello schermo può essere profonda, la cornice che lo avvolge è incredibilmente sottile. Si inclina anche verso lo schermo, esagerando laspetto appena visibile.

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q9FN QLED 10

Ancora meglio, grazie a una nuova scatola di connessioni esterne che ora incorpora anche il trasformatore di alimentazione della TV, un solo cavo passa nello schermo. Questo cavo è più grosso del cavo AV quasi invisibile utilizzato per collegare la scatola di connessione esterna sui modelli QLED dellanno scorso, ma la maggior parte delle persone preferirà un singolo cavo leggermente più largo ai due cavi di alimentazione/AV separati dellanno scorso.

La scatola delle connessioni esterne è cresciuta enormemente per incorporare lalimentatore e un sistema di raffreddamento senza ventola. Ma puoi semplicemente metterlo su uno scaffale del tuo rack AV o supporto TV come faresti con qualsiasi altro dispositivo esterno.

Un ultimo elemento chiave del design del Q9FN è la sua nuova modalità Ambient. Accessibile tramite un pulsante dedicato sul nuovo ed elegante telecomando intelligente a pulsante di Samsung, la modalità Ambient risolve il problema per cui i televisori di solito lasciano un grande buco nero nel muro quando non stai guardando, permettendoti di riempire lo schermo con entrambi unopera darte digitalizzata da una selezione incorporata nella TV o una delle tue foto.

Potresti persino scattare una foto del muro su cui è appoggiata la TV e utilizzare quella foto come salvaschermo in modalità ambiente, per ridurre al minimo la misura in cui la TV danneggia il tuo arredamento.

La modalità Ambient funziona in modalità a basso consumo in modo che le persone attente al design, si spera, non aumentino le bollette perché non spengono completamente la TV con la stessa frequenza.

Qualità della retroilluminazione completa

  • Supporto HDR: HDR10, HDR10+, HLG
  • Motore di elaborazione: Samsung Q Engine

Le modifiche introdotte da Samsung per il suo primo TV QLED 2018 non solo migliorano la qualità delle immagini QLED del 2017; lo trasformano.

Mentre tutti i televisori QLED del 2017 utilizzavano lilluminazione LED edge, dove le luci si trovano attorno al bordo dello schermo, il Q9FN passa allilluminazione LED diretta, dove le luci si trovano direttamente dietro lo schermo. Ecco perché è un po più grosso.

Questa serie di luci è importante perché lapproccio allilluminazione diretta offre costantemente colori neri più profondi e coerenti e bianchi più luminosi e più contrastati, due ingredienti essenziali in una buona prestazione HDR (High Dynamic Range).

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q9FN QLED 9

Altrettanto importante, Samsung ha associato lilluminazione diretta con loscuramento locale, in cui diversi settori delle luci possono emettere diverse quantità di luce in un dato momento. Ancora una volta, lesperienza suggerisce che questo dovrebbe avere un effetto trasformativo sul contrasto del 9FN, soprattutto perché il suo numero di zone di illuminazione controllate separatamente è eccezionalmente alto.

Samsung non confermerà un numero esatto, ma sembra che ci sia da qualche parte nella regione di 450. Questo è da due a tre volte il numero di zone di attenuazione separate del Sony XF9005, ad esempio. Questo numero estremamente elevato di singole zone di attenuazione significa che non cè praticamente nessuna fioritura che si ottiene con i televisori a illuminazione diretta che utilizzano sostanzialmente meno zone di attenuazione (o barre di retroilluminazione che si ottengono con i televisori con illuminazione laterale).

Il Q9FN misura anche picchi di luminosità (certamente solo per un breve periodo) di quasi 2.500 nits - di gran lunga il valore più alto misurato da qualsiasi TV attuale, e uno che dovrebbe dargli un serio vantaggio quando si tratta di mostrare contenuti HDR. I televisori OLED, al confronto, raggiungono il massimo in termini di luminosità a poco meno di 1000 nit (ma poiché ogni pixel offre il proprio livello di luce, questo può aiutare le loro immagini a sembrare ancora estremamente intense e ricche di contrasto).

Contrasto, luminosità e colore incredibili

Di conseguenza, il contrasto del Q9FN è semplicemente il migliore che sia mai stato visto su una TV LED. Livelli di nero incredibilmente profondi condividono lo spazio sullo schermo con i colori e i bianchi più brillanti mai prodotti da un televisore di consumo. La TV soffre quasi del tutto con il comune fenomeno HDR del ritaglio, in cui le parti molto luminose dellimmagine perdono dettagli e si allargano. Semplicemente non cè modo in cui qualsiasi TV LED con illuminazione laterale potrebbe avvicinarsi alla combinazione di colori neri così profondi con punti salienti così luminosi.

Vale la pena coprire rapidamente la tecnologia QLED di Samsung. Il termine QLED non è in realtà di proprietà di Samsung; può essere applicato a qualsiasi marca di TV che utilizza Quantum Dots per creare colori anziché filtri colorati tradizionali. I televisori QLED di Samsung, tuttavia, sono attualmente gli unici a utilizzare i nuovi punti quantici circondati da una guaina metallica, che consente loro di essere spinti più forte (per offrire più luminosità e volume di colore).

Un punto chiave della luminosità del Q9FN e della tecnologia QLED, quindi, è che consente di fornire i colori a livelli di luminosità più estremi rispetto a qualsiasi altra tecnologia di visualizzazione attuale, senza perdere la saturazione. Samsung afferma che ora può raggiungere il 100% dello spazio colore utilizzato nei cinema digitali commerciali, un obiettivo chiave per i televisori che vogliono ottenere il massimo dallHDR di oggi e dalle sorgenti con ampia gamma di colori (come i Blu-ray 4K).

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q9FN QLED 4

In effetti, il Q9FN apre nuovi orizzonti nel reparto colore, offrendo una tavolozza di colori dinamica senza precedenti, ampia e mozzafiato con sorgenti HDR. Questa resa cromatica si estende anche agli angoli bui dellimmagine, poiché lassenza dellopacità della retroilluminazione normalmente associata ai televisori a LED significa che ci sono poche opportunità per i colori scuri di avere i loro toni influenzati da un grigiore a basso contrasto. Le aree scure dellimmagine beneficiano anche di una perdita di dettagli delle ombre notevolmente ridotta rispetto agli standard LCD.

In effetti, le immagini del Q9FN sono quasi simili a quelle dellOLED nel modo in cui controllano la loro luce, nonostante le parti più luminose dellimmagine sembrino più luminose e più sature di quanto farebbero su una TV OLED.

Ci sono anche HDR e HDR+, ma con questultimo ci sono poche preziose fonti disponibili per testare questo sistema. In effetti, solo Amazon offre i metadati dinamici extra scena per scena di HDR10+ per aiutare i televisori a fornire unimmagine HDR più precisa e incisiva. E poiché Amazon non ti consente di passare da HDR10 a HDR10+ sulla stessa TV, non cè modo di giudicare efficacemente quanta differenza faccia davvero HDR10+.

Lultimo motore di elaborazione di Samsung produce un notevole miglioramento della finezza tonale che porta un nuovo senso di chiarezza e definizione alle sorgenti 4K native più precise e dettagliate. Mentre il QE65Q9FN è al suo meglio imperioso con le sorgenti HDR 4K, è anche eccezionale con la gamma dinamica standard, le immagini sub-4K, grazie al suo motore di upscaling.

Samsung offre anche unopzione di elaborazione HDR+ in grado di convertire le immagini della gamma dinamica standard in qualcosa che si avvicina allHDR. Il sistema HDR+ continua a essere il più aggressivo dei sistemi di conversione SDR-HDR del mondo TV, spingendo davvero a fondo la luminosità e la saturazione del colore. Tuttavia, lo fa con risultati più equilibrati e naturali rispetto al sistema equivalente dellanno scorso, oltre a fare un lavoro migliore nel limitare il rumore nelle aree scure.

Unultima caratteristica chiave delle immagini del Q9FN è la loro resistenza alla luce ambientale e ai riflessi sullo schermo. Samsung ha dotato la TV di un nuovo filtro che assorbe le interferenze luminose in modo quasi bizzarro.

Qualche problema?

Ci sono un paio di problemi da segnalare con il Q9FN.

Innanzitutto, sebbene supporti angoli di visualizzazione leggermente più ampi rispetto al suo predecessore, non può essere guardato da molto più di 30 gradi prima che la saturazione del colore si riduca e la fioritura della retroilluminazione diventi aggressivamente esagerata.

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q9FN QLED 5

In secondo luogo, a volte le aree medio-scure dellimmagine possono sembrare tremolanti o pulsare, come se il sistema di retroilluminazione non fosse in grado di decidere quali livelli di luce distribuire. Avendo segnalato questultimo problema a Samsung, tuttavia, il marchio sembra fiducioso di sapere come risolverlo. Cerca un aggiornamento a questa recensione se una tale correzione si materializza davvero.

Infine, non cè supporto per la piattaforma Dolby Vision HDR, il che è senza dubbio un peccato visto quanto i contenuti Dolby Vision possano apparire buoni sui televisori che lo supportano (come i set OLED di LG).

Questi inconvenienti non sminuiscono in modo significativo quelle che, nel complesso, sono le immagini HDR 4K più emozionanti, precise e drammatiche che qualsiasi TV abbia mai prodotto.

Funzioni intelligenti

  • Samsung Eden e Smart Things

Dopo un paio di generazioni di perfezionamenti utili e aggiunte di funzionalità, linterfaccia smart TV di Samsung è ora davvero potente.

Per cominciare, la sua schermata iniziale offre un accesso rapido a molte fonti di contenuto senza consumare molto spazio sullo schermo. Il suo approccio a due livelli simile ad Apple TV, in cui il livello superiore mette in evidenza i contenuti correlati/contenuti allinterno dellapp o della fonte che hai selezionato nel livello inferiore, funziona in modo più fluido e con una gamma più ampia di fornitori di contenuti rispetto a prima pure.

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q9FN QLED 6

È facile personalizzare ciò che va dove nelle barre delle app della schermata iniziale e Samsung ha fatto un buon lavoro questanno nel rendere la TV in diretta una parte molto più integrante del motore di navigazione dei contenuti.

Il sistema di riconoscimento/controllo vocale di Samsung continua a impressionare notevolmente, dalla sua precisione nel riconoscere ciò che dici, fino alla misura in cui si integra in ogni aspetto della funzionalità della TV. Non cè più nemmeno bisogno di imparare strutture di frasi complesse per comunicare con la TV; spesso basta una sola parola.

Unaltra cosa importante da menzionare, anche se è più uno strumento per i prossimi mesi che per ora, è la nuova funzione Smart Things di Samsung. Ciò consente alla TV di comunicare e persino controllare altri dispositivi intelligenti sulla rete domestica, dai frigoriferi alle luci, aspirapolvere robot, bollitori e così via.

Qualità del suono

Samsung sembra aver fatto un buon uso audio della robusta carrozzeria del Q9FN.

Il set produce un palcoscenico sonoro potente, ben diffuso ma anche ben controllato, dinamico e abbastanza completo da gestire anche scene dazione complete senza sembrare aspro, sottile o fangoso.

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q9FN QLED 8

Il dialogo sembra sempre bloccato sul movimento delle labbra sullo schermo piuttosto che vagare vagamente nella parte anteriore della stanza. I livelli dei bassi sono abbastanza profondi e puliti da soddisfare con tutte le colonne sonore tranne quelle più estreme. E gli altoparlanti riproducono dettagli sonori più che sufficienti per rendere i film e i programmi TV convincenti e coinvolgenti.

Tuttavia, il suono non proietta molto in avanti. Inoltre, suoni molto intensi e striduli possono generare una leggera vibrazione indesiderata nella cornice del televisore. Tuttavia, nessuno di questi problemi impedisce al Q9FN di suonare molto meglio della normale TV a schermo piatto.

Prime impressioni

Samsung aveva bisogno di rimettere in sesto la sua storia QLED rapidamente dopo il debutto incostante della tecnologia lo scorso anno. Fortunatamente il Q9FN raggiunge questo obiettivo, e anche alcuni.

Il passaggio a uno schermo a illuminazione diretta con uneccezionale tecnologia di attenuazione locale libera finalmente i Quantum Dots di Samsung, lasciando che il loro colore pieno, il contrasto e il potenziale di luminosità risplendano letteralmente. Nessun altro televisore prima ha offerto così tanto del potenziale dellHDR.

Alcune persone continueranno a preferire la splendida tecnologia rivale di precisione della luce a livello di pixel che la tecnologia TV OLED può raccogliere, specialmente se sono più interessate alla riproduzione della gamma dinamica standard rispetto allHDR. Alcune persone potrebbero anche decidere che non possono vivere senza Dolby Vision, nonostante il supporto di Q9FN per HDR10+ e prestazioni notevoli con HDR10 (standard).

La linea di fondo, tuttavia, è che il Q9FN è almeno un degno rivale per qualsiasi TV OLED vista fino ad oggi. Per il suo impatto HDR puro e genuino, al momento non cè nulla che possa eguagliarlo.

Alternative da considerare

LGImmagine TV OLED LG E7 4K 1

LG E7

Questo modello di fascia media della gamma di TV OLED 2017 di LG offre un contrasto impareggiabile, colori ricchi e un sorprendente audio Dolby Atmos integrato da uno dei design più sottili e belli che il mondo della TV abbia mai visto. Le funzionalità intelligenti sono fornite anche dalla superba piattaforma webOS di LG. Gli angoli di visualizzazione sono migliori di quelli di qualsiasi rivale LCD, anche se il Samsung Q9FN è molto più luminoso (importante per lHDR) e copre una gamma di colori più ampia.

Sony ZD9

Questo TV LCD Sony da 65 pollici è stato il re dellHDR sin dal suo lancio nel 2016, motivo per cui Sony continua a venderlo ora. In realtà utilizza più zone di oscuramento locale rispetto al QE65Q9FN e combina questo impressionante controllo della retroilluminazione con colori splendidi e quantità estreme di luminosità. Il QE65Q9FN lo migliora con la sua maggiore luminosità e il ridotto offuscamento della retroilluminazione, ma ora la Sony può essere acquistata a prezzi aggressivi - attualmente sotto i 3000 £

Scritto da John Archer.