Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Il Philips 65OLED+935 non lascia nulla di intentato nella sua ricerca di essere allaltezza del suo status di TV di punta di Philips per il 2020.

È splendidamente progettato e costruito, è dotato del motore di qualità delle immagini Philips più avanzato di sempre e sfoggia persino un sensazionale sistema audio progettato dalle superstar dellhi-fi in buona fede, Bowers & Wilkins.

In effetti, a condizione che non ti lasci intimidire, è probabilmente la TV OLED più spettacolare fino ad oggi.

Design

  • 4 ingressi HDMI, 2 porte USB
  • Multimedia LAN e Wi-Fi

Tutto ciò che riguarda il design dellOLED+935 sembra premium. La finitura in alluminio spazzolato che fornisce il supporto del pannello OLED, ad esempio, è squisita. La cornice intorno allo schermo è abbastanza stretta da fornire a malapena qualsiasi distrazione dalle immagini esplosive del set, e lo schermo è anche profondo solo una manciata di millimetri ai suoi bordi.

La cosa più spettacolare di tutte è che lintero schermo è circondato da luce colorata grazie a una versione a quattro lati della tecnologia Philips Ambilight. Questo utilizza i LED montati sulla parte più spessa del pannello posteriore per pompare la luce che può sposarsi con il contenuto di colore delle immagini riprodotte sullo schermo.

Pocket-lintPhilips OLED+935 recensione foto 3

La precisione con cui Ambilight può posizionare e abbinare i toni di colore è davvero notevole, quindi a condizione che venga eseguito a un livello di luminosità abbastanza delicato, può migliorare lesperienza visiva in modo quasi spaventoso.

Altrettanto accattivante come il sistema Ambilight dellOLED+935 è linvolucro dellaltoparlante esterno che funge anche da supporto desktop della TV se non lo si monta a parete.

Questa custodia per altoparlanti è abbastanza grande da supportare la TV in modo stabile e dare ai diffusori allinterno spazio per lavorare, mentre sembra anche davvero bella grazie alla finitura in tessuto grigio Kvadrat del suo bordo anteriore e laspetto lungo il bordo superiore di uno dei distintivi B&W funzionalità tweeter in alto.

Questo non è solo lì per sembrare carino, ovviamente; separare gli alti dal resto del suono lo mantiene privo di colorazione dai driver medi e bassi.

La cassa dellaltoparlante ha anche alcuni trucchi meno ovvi nascosti allinterno, tra cui un grande woofer dedicato e un paio di altoparlanti upfiring sul bordo superiore a supporto della decodifica Dolby Atmos integrata del set.

Lunica cosa meno che stellare del design dellOLED+935 sono i suoi input. Questi sono abbastanza numerosi con quattro HDMI, due USB e supporto Wi-Fi/Bluetooth. Le porte HDMI, tuttavia, non supportano il 4K a 120Hz o le funzionalità di frequenza di aggiornamento variabile (VRR) che sono appena diventate un grosso problema con larrivo di Xbox Series X e PlayStation 5 (per non parlare della nuova generazione di dispositivi di fascia alta). schede grafiche per PC).

Caratteristiche dellimmagine

  • Supporto HDR: HDR10, HDR10+, Dolby Vision, HLG
  • Motore di elaborazione: motore P5 di quarta generazione

Philips ha abbracciato per la prima volta la tecnologia dellintelligenza artificiale (AI) con i suoi televisori OLED 2020. Lintelligenza artificiale è un processo che inizia nei laboratori Philips costruendo un vasto database di know-how sulla qualità delle immagini alimentando milioni di immagini diverse attraverso una rete neurale.

Nel caso di Philips, i risultati di questo processo sono stati utilizzati per consentire allOLED+935 di dividere i singoli oggetti nelle immagini in arrivo in cinque categorie: Natura, Volto, Movimento, Scuro e Altro.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 7

Gli oggetti filtrati nelle prime quattro di queste categorie ricevono una nuova elaborazione ottimizzata progettata per fornire risultati dallaspetto più naturale. Gli oggetti immagine filtrati in Altro ricevono più o meno lo stesso trattamento di elaborazione applicato alle immagini dai televisori Philips del 2019.

Anche la gamma di TV OLED805 più economica di Philips beneficia del nuovo funzionamento dellintelligenza artificiale. Gli OLED+935, però, vanno oltre. Per cominciare, sono dotati di un chip aggiuntivo dedicato allIA per migliorare la velocità e la precisione dellapplicazione AI.

Cè anche una funzione extra di gestione del colore, chiamata AI Smart Bit Enhancement 2.0. Questo afferma di essere in grado di elevare i video a 8 bit a livelli di precisione vicini a 14 bit, rimuovendo le bande che possono apparire in sottili miscele di colori senza sacrificare la nitidezza e i dettagli.

Unaltra esclusiva dellOLED+935 è la nitidezza dellapprendimento automatico dellintelligenza artificiale. Questo valuta il miglior livello di nitidezza da applicare a diversi elementi di un dato fotogramma, piuttosto che applicare un singolo algoritmo di nitidezza monolitico su tutto lo schermo. Un processo che dovrebbe tradursi in unimmagine finale più tridimensionale e meno rumorosa.

Anche il sistema Perfect Natural Motion (PNM) di Philips per la conversione di sorgenti di gamma dinamica standard in HDR riceve una spinta dallelaborazione ispirata allintelligenza artificiale dellOLED+935. In effetti, Philips può persino dare un numero al livello di miglioramento, affermando che, grazie alla nuova tecnologia di rilevamento e miglioramento delle alte luci di PNM, la nitidezza percepita è del 30% superiore rispetto a prima.

Unultima caratteristica dellimmagine chiave esclusiva dei modelli OLED+935 di Philips potrebbe essere per alcune persone la più significativa: la tecnologia anti burn-in. Poiché i pannelli OLED utilizzano materiali organici, sono suscettibili di bruciare: fantasmi ombrosi di elementi luminosi dellimmagine statica che possono iniziare a essere incisi in modo permanente sullo schermo nel tempo. LOLED+935 afferma di ridurre il potenziale di bruciatura dello schermo utilizzando la sua potenza di elaborazione per dividere limmagine in 32.400 zone separate, cercando parti dellimmagine che non si muovono e attenuando delicatamente tali parti.

Pocket-lintPhilips OLED+935 recensione foto 4

Le nuove ed esclusive funzionalità di immagine AI dellOLED+935 sono unite ai principi di elaborazione video dei "cinque pilastri della qualità dellimmagine" implementati sulle precedenti generazioni di TV Philips. Questi partono dal presupposto che una buona qualità dellimmagine può essere ridotta a cinque elementi chiave: rilevamento della sorgente, gestione del movimento, nitidezza, colore e contrasto. Philips applica quindi una serie di elementi di elaborazione diversi a ciascun pilastro, nellordine in cui è probabile che fornisca i migliori risultati finali.

Come al solito con i televisori Philips, la maggior parte delle sue funzioni di elaborazione delle immagini può essere disattivata o regolata la potenza. Anche se vale la pena notare che laggiunta dellintelligenza artificiale significa che tale ritocco manuale è sia meno necessario che in realtà più rischioso di quanto non lo sia stato sui precedenti televisori Philips. Ciò è dovuto principalmente al fatto che lintelligenza artificiale sta già fornendo unimmagine più equilibrata e sfumata, quindi qualsiasi regolazione manuale può potenzialmente eliminare il bilanciamento dellintelligenza artificiale.

Unultima attrazione del grande schermo dellOLED+935 è la sua capacità di riprodurre tutti i grandi formati HDR. Quindi, oltre ai formati HDR10 e HLG ormai standard, può anche gestire Dolby Vision e HDR10+. Questi due formati HDR premium aggiungono dati extra scena per scena al flusso video per aiutare i televisori compatibili a fornire immagini HDR sempre più accurate e dinamiche. La maggior parte dei marchi rivali, tuttavia, supporta solo HDR10+ o Dolby Vision, non entrambi.

Funzioni intelligenti

  • Sistema intelligente: Android TV
  • Riproduzione in freeview

Lepico viaggio di Android TV dallo spettacolo horror della TV intelligente allinterfaccia TV intelligente piuttosto pratica avanza di un altro miglio utile con lOLED+935.

La navigazione nei menu ora è fluida come il burro rispetto allesperienza lenta e balbuziente di Android nei tempi passati. È anche molto meno soggetto a crash e glitch rispetto al passato, aiutato dal pesante sovraccarico di elaborazione che il gigantesco cervello dellOLED+935 può mettere a sua disposizione.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 6

Sono stati compiuti sforzi anche con lultima versione di Android TV 9.0 (Pie) per porre maggiormente laccento sui servizi di streaming video che sono il pane e il burro di qualsiasi esperienza di smart TV. Ci sono ancora oltre 5000 app piuttosto intimidatorie da trovare su Android TV se qualcuno si preoccupa di cercarle, ma fortunatamente ora sembrano unavventura che gli utenti possono scegliere di avere piuttosto che una frustrante distrazione dalle cose veramente importanti.

La home page di Android occupa ancora lintero schermo, il che sembra un po goffo rispetto alla maggior parte dei sistemi di smart TV rivali. Il suo uso di icone grandi limita anche il numero di collegamenti diretti ai contenuti che può fornire sullo schermo contemporaneamente, e non è ancora così intelligente come alcuni rivali nellimparare ciò che gli utenti amano guardare e nel formulare raccomandazioni mirate di conseguenza.

È facile da leggere, tuttavia, e ora sono disponibili più strumenti per personalizzarne il layout. Google Assistant è a bordo per fornire anche comode scorciatoie per il controllo vocale e, come con tutti i TV Android, lOLED+935 supporta il Chromecasting diretto da dispositivi intelligenti compatibili.

Lenorme quantità di app che Android TV trasporta ora include quasi tutti i grandi successi: Netflix, Amazon Prime Video, YouTube, Rakuten e così via. Philips è finalmente riuscita ad aggiungere anche Freeview Play alle sue opzioni intelligenti, quindi tutte le principali app di catch-up delle emittenti terrestri del Regno Unito sono presenti e corrette. Lunico vero assente in corso è Apple TV.

Qualità dellimmagine

Laggiunta dellintelligenza artificiale allelaborazione delle immagini per impieghi gravosi di Philips è trasformativa, mantenendo laggressività del marchio Philips ma aggiungendo un nuovo straordinario livello di raffinatezza ed equilibrio che contrasta brillantemente la vecchia tendenza Philips a volte di spingere le cose un po troppo oltre.

Questo nuovo effetto di "controllo e bilanciamento" del sistema AI è più evidente con la gestione del colore dellOLED+935. I toni sembrano ancora estremamente vibranti e ricchi, almeno quando si utilizzano le preimpostazioni di immagine Natural o, soprattutto, Vivid consigliate da Philips, ma ora i toni raramente si allontanano in un territorio sgargiante o si sentono fuori dal comune con i loro vicini. Il risultato è una rappresentazione più organica ed equilibrata del colore attraverso tutti i tipi di diversi tipi di fonti.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 1

È una storia simile con la nitidezza e i dettagli dellOLED+935. Quindi, anche se limmagine potrebbe non sembrare complessivamente così nitida come quella dei set OLED 2019 di Philips, la nitidezza varia di più nelle diverse parti dellimmagine. Esattamente come sarebbe nel mondo reale in base a diversi livelli di illuminazione e distanze degli oggetti. Quindi i risultati sembrano più naturali, più tridimensionali e con molta meno probabilità che qualsiasi parte dellimmagine appaia innaturalmente troppo nitida o granulosa.

Il contrasto, nel frattempo, è semplicemente glorioso. Philips è stata straordinariamente brava a ottenere un po più di dinamismo dalle immagini OLED ad alta gamma dinamica (HDR) per un paio di generazioni ormai. LOLED+935, tuttavia, alza nuovamente la posta iniettando in qualche modo ancora più intensità locale nei punti salienti più luminosi delle immagini HDR: riflessi del sole sul metallo, stelle nel cielo notturno, lampioni e così via.

Inoltre, poiché ciò è stato ottenuto senza sacrificare le fenomenali capacità del livello di nero di OLED, gli scatti e le sequenze HDR ricchi di contrasto risultano abitualmente più intensi e dinamici rispetto ai televisori LCD premium, nonostante quei televisori LCD vantano livelli di luminosità di picco molto più elevati.

In effetti, lOLED+935 può fornire brevemente unimpressionante luminosità (secondo gli standard OLED) di 900 nits. Ma lintelligenza dellelaborazione basata sullintelligenza artificiale spesso fa sembrare che stia raggiungendo livelli di luminosità molto più alti, almeno in piccole aree dello schermo.

Ci può essere un tocco di perdita di dettaglio nelle aree dellimmagine più scure, ma questo accade così raramente ed è così sottile che non dovrebbe essere considerato un grosso problema. La gestione del contenuto delle immagini quasi nere da parte del set è in genere eccezionale, mantenendo il rumore al minimo ed evitando i "salti" improvvisi del livello di nero che alcuni televisori OLED rivali possono esibire durante scene molto buie.

Le scene HDR luminose mantengono una maggiore intensità a schermo intero di quanto non facciano in genere anche sui televisori OLED, persino più di quanto non facciano sui televisori Philips del 2019 o sulla serie Philips OLED805 step-down per il 2020.

È bello godere di questo tipo di intensità anche da uno schermo OLED, sapendo che le nuove misure anti burn-in di Philips si spera stiano facendo la loro parte per limitare la possibilità che lintensità dello schermo riduca la sua durata. Anche se non è possibile, ovviamente, testare effettivamente questo aspetto delle prestazioni dellOLED+935 senza tenere la TV per mesi o addirittura anni.

Con il contrasto, come per quasi tutto il resto delle immagini dellOLED+935, il nuovo smalto AI assicura che anche gli scatti con il contrasto più elevato non sembrino forzati. E poiché il potenziale per rendere occasionalmente le immagini un po artificiali è stato a lungo lunico neo nella qualità delle immagini dei televisori Philips, limpatto di questa nuova consistenza e naturalismo non può essere sopravvalutato.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 2

Anche il movimento - a lungo oggetto degli sforzi di elaborazione più controversi di Philips - gode di una nuova prospettiva di vita sullOLED+935. Il nuovo processore riduce gli effetti collaterali digitali associati alle tradizionali opzioni di elaborazione del movimento di Philips, per cominciare. Ma ciò che è veramente eccitante è laggiunta di una nuova opzione Pure Cinema che fa un lavoro miracoloso al limite di massaggiare il sussulto in eccesso senza generare effetti collaterali di distrazione o levigare eccessivamente limmagine al punto in cui i film sembrano soap opera.

I fan della precisione standard delle immagini preoccupati per lapproccio ancora aggressivo dellOLED+935 alle immagini, anche con lIA coinvolta, dovrebbero notare che la modalità Film del set disattiva la stragrande maggioranza degli strumenti di elaborazione delle immagini. In effetti, è la modalità Filmmaker di UHD-Alliance indipendente in tutto tranne che nel nome, il che significa che è progettata per offrire unesperienza strettamente allineata con laspetto e la sensazione con cui i creatori di contenuti stavano lavorando quando hanno padroneggiato i loro contenuti.

Sembra probabilmente un po strano spendere così tanto su una TV di punta ricca di elaborazione e poi disattivare tutta quellelaborazione. Ma è sempre il benvenuto quando i televisori offrono così tanta scelta sullaspetto delle loro immagini.

Allo stesso modo, lOLED+935 può sembrare stupendo con i valori di contenuto della gamma dinamica standard (SDR), ma anche apparire notevolmente sicuro e divertente con la sua conversione da SDR a HDR in gioco. Tanto più che lelaborazione AI è ora a disposizione per attenuare i potenziali eccessi di colore della conversione HDR e applicare un approccio più organico e basato sugli oggetti allupscaling delle sorgenti HD del set.

Inevitabilmente, anche laggiunta di AI non ha eliminato tutti i problemi di immagine dellOLED+935. Come notato in precedenza, i dettagli delle ombre a volte si perdono nella ricerca di livelli di nero perfetti. La modalità Vivid può ancora spingersi troppo oltre con alcuni colori e aree di luce di punta. Anche gli elementi di elaborazione della riduzione del rumore possono risultare un po forti, anche con lIA in gioco (creano il maggior caos nel preset AI HDR dedicato). Di conseguenza, è meglio spegnerli o mantenerli alle impostazioni di potenza più basse quando si guarda una sorgente di qualità decente.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 5

I 36,5 ms di input lag misurati nella modalità Game della TV sono relativamente alti per gli standard TV odierni. E infine, mentre regolare regolarmente le impostazioni dellimmagine è molto meno necessario ora rispetto al passato grazie allintelligenza artificiale, gli utenti molto sensibili a volte vorranno perfezionare un po le cose. A quel punto sia la complessità dei menu della TV che la cura che deve essere presa per non sbilanciare lIA possono creare alcune sfide.

Qualità del suono

La cassa dellaltoparlante progettata da B&W ha un aspetto serio e suona meglio. Con i film Dolby Atmos, ad esempio, la portata, la scala e il dinamismo del palcoscenico sonoro che produce sono ridicoli per un sistema audio TV integrato. In effetti, ci sono un sacco di soundbar di fascia alta che non possono reggere il confronto.

I driver anteriori spingono le informazioni del canale sinistro, destro e centrale nella stanza con uneccezionale immediatezza e impatto, ma senza sembrare minimamente aspro o denso, anche a livelli di volume ben oltre qualsiasi cosa la maggior parte dei televisori - o soundbar - possa sognare di tentare.

Il suono si gonfia enormemente dallistante in cui lascia anche le unità di azionamento, assicurando che il suono non sia bloccato in modo distratto allinvolucro dellaltoparlante e, cosa ancora più importante, che le voci non suonino come se provenissero da sotto lo schermo.

Tuttavia, il suono non si limita a guidare in avanti. Si estende anche ben oltre i confini dello schermo, a sinistra, a destra e verso lalto.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 10

Altri televisori hanno integrato driver di accensione nei loro sistemi audio integrati. Nessuno, tuttavia, si è avvicinato a sembrare convincente nel presentare il caratteristico senso di altezza Dolby Atmos come fa lOLED + 935. Sia in termini di come gli effetti di altezza raggiungano realmente il soffitto, sia di come gli strati di effetti di altezza siano posizionati in modo convincente in questo soundwall.

Anche in questo caso non cè alcun accenno di nitidezza o topping anche alleffetto di posizione più lontano in un mix Atmos, e lenorme dinamica dei medi e la purezza degli alti è sostenuta da livelli di bassi difficili da conciliare con il fatto che la TV non distribuisce un subwoofer esterno.

Naturalmente cè un limite a ciò che lOLED935 può fare con Atmos, in quanto mentre hai un senso di effetti sonori al tuo lato, non cè molto da fare dietro di te. Allo stesso modo, quando gli oggetti si spostano sopra la testa, non si ha davvero la sensazione di alcuna transizione da davanti a dietro o da dietro a davanti. Ma questo è prevedibile senza altoparlanti posteriori in gioco.

PhilipsPhilips OLED+935 recensione foto 12

I talenti audio dellOLED+935 sono, se non altro, ancora più straordinari con la musica. La potenza, la scala e la dinamica sono ancora lì, ma ti rendi anche conto di quanto sottile dettaglio e musicalità abbia il suono, in termini sia di tempismo che di modo coeso ma espressivo in cui presenta sia gli elementi più delicati che quelli più aggressivi di ogni miscela.

È difficile immaginare come qualsiasi marchio TV avrebbe potuto combinare il tipo di potenza fornito dallOLED+935 con una sensibilità davvero hi-fi senza linput (chiaramente ampio) di un marchio di altoparlanti acclamato come B&W.

Prime impressioni

Se sei un giocatore accanito, la mancanza di supporto per le funzionalità di gioco di nuova generazione e il ritardo di input leggermente elevato dellOLED+935 potrebbero pesare a sfavore.

Per tutti gli altri, tuttavia, la sua combinazione di una qualità dellimmagine estremamente buona ispirata allintelligenza artificiale, una qualità del suono quasi incredibile progettata in bianco e nero e uno splendido design Ambilight senza sforzo è quasi irresistibile.

Considera anche

LGFoto alternativa 2

LG OLED CX

squirrel_widget_230157

Mentre Philips ha un ottimo rapporto qualità-prezzo per una TV OLED che sembra così bella e rimuove la necessità di aggiungere una soundbar esterna, se non puoi correre al suo prezzo richiesto, puoi ottenere il super CX di LG per un po meno. Questo set trasporta il più recente e più grande motore di elaborazione delle immagini di LG, implementa il sistema smart webOS di LG e, soprattutto, supporta tutte le principali funzionalità di gioco di nuova generazione, come VRR, 4K a 120Hz e commutazione automatica della modalità a bassa latenza.

SonyFoto alternativa 1

Sony A8

squirrel_widget_210852

La televisione OLED di Sony è molto più minimalista e sobria rispetto alla Philips. Il suo design è fondamentalmente solo uno schermo su un paio di piedini, evita gli altoparlanti visibili facendo vibrare il suo schermo per produrre il suo suono (in realtà molto potente) e le sue immagini evitano la luminosità della maggior parte dei rivali OLED a favore di livelli dolorosamente belli di raffinatezza e genuinità. Tuttavia, manca di funzionalità di gioco di nuova generazione e non supporta HDR10+.

Scritto da John Archer. Modifica di __LASSAVED.