Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Larrivo di qualsiasi nuovo TV OLED Panasonic è diventato motivo di grande entusiasmo nel mondo AV. Soprattutto da quando gli studi di mastering professionali hanno iniziato a utilizzare tali televisori durante la creazione dei loro capolavori cinematografici e televisivi. Essere in grado di acquistare schermi di questo tipo per il soggiorno è una storia da "Hollywood a casa tua" come potrebbe sperare un appassionato di home cinema.

Panasonic ha fatto progredire ulteriormente questa filosofia dellintenzione del regista con il GZ1500 da 55 pollici. Il suo nuovo motore di elaborazione HCX Pro è stato perfezionato per migliorare la gestione della TV dei dettagli appena sopra il nero (una delle cose più difficili da fare per uno schermo OLED) e fornire una gamma di colori più ricca, più sfumata e più accurata.

Il GZ1500 mette inoltre il consumatore davanti alla politica del settore supportando sia i formati Dolby Vision che HDR10+ premium ad alta gamma dinamica (HDR). Inoltre, per completare il fascino dellhome cinema, supporta la decodifica audio Dolby Atmos e dispone di una soundbar integrata.

Design

  • 4 ingressi HDMI
  • 3 porte USB multimediali
  • Opzioni di rete LAN e Wi-Fi

Non preoccuparti: solo perché il GZ1500 ha una soundbar integrata non significa che sia brutto. In effetti, la soundbar è unaggiunta piuttosto interessante al bordo inferiore dello schermo. Non da ultimo perché è sorprendentemente elegante per qualcosa apparentemente in grado di pompare 50 W di potenza di fuoco frontale.

A parte un quarto superiore super sottile o giù di lì, la parte posteriore del GZ1500 è un po più paffuta di quella della maggior parte dei televisori OLED. Forse per la necessità di ospitare un sistema di altoparlanti così potente. Dal davanti, però, la TV sembra ordinata e minimalista.

PanasonicPanasonic GZ1500 recensione immagine 3

Aggiungi un robusto ma elegante supporto in lamiera di metallo e una solida qualità costruttiva in tutto, e questo è un televisore che è chiaramente di fascia alta ma non vuole fare troppa canzone e ballare su di esso.

La connettività del GZ1500 è quella prevista per una TV di fascia alta nel 2019. Ci sono quattro HDMI, tre USB, un ingresso per sintonizzatore digitale, un jack per cuffie (che funge anche da uscita subwoofer) ed entrambi Wi-Fi e Bluetooth.

Le porte HDMI sono tutte realizzate secondo lo standard HDMI 2.0 anziché HDMI 2.1. Quindi non supporteranno i flussi a 48 Gbps che potrebbero apparire in futuri contenuti 4K con frame rate elevato dalla prossima generazione di giochi per console. Né supportano la funzionalità eARC di HDMI 2.1, per il passaggio di audio DTS-X e Dolby Atmos senza perdita di dati attraverso la TV alle soundbar e ai ricevitori collegati. Ma per la maggior parte delle persone questo non costituirà un problema.

Caratteristiche dellimmagine

  • Supporto HDR: HLG, HDR10, HDR10+, Dolby Vision
  • Motore di elaborazione: HCX Pro

Il semplice fatto che il GZ1500 utilizzi uno schermo OLED, in cui ogni singolo pixel produce luce e colore propri, sarà subito una grande attrazione per molti fan dellAV. Ma questo è solo linizio del fascino di questo set.

Offrendo anche un gradito sollievo dalla politica del settore è il supporto del GZ1500 sia per Dolby Vision che per HDR10+. Questi due formati HDR premium aggiungono informazioni sullimmagine scena per scena ai flussi video HDR che non sono forniti con il formato HDR10 standard del settore. Il che porta a immagini dallaspetto più dinamico e accurato.

Molte fonti sono ora disponibili in un formato o nellaltro, ma poiché poche fonti preziose supportano sia Dolby Vision che HDR10+, avrai bisogno di una TV a formato neutro come la GZ1500 per essere sicuro di ottenere sempre la migliore qualità dellimmagine da qualsiasi fonte HDR . Solo Panasonic e Philips attualmente offrono tali televisori.

Pocket-lintPanasonic GZ1500 recensione immagine 7

Naturalmente il GZ1500 riproduce anche il formato HDR10 "di base" e supporterà il formato HLG (Hybrid Log Gamma) utilizzato dalle emittenti, sebbene attualmente solo la BBC nel Regno Unito.

Panasonic ha sempre sostenuto che i suoi televisori OLED sono in grado di fornire immagini "come il regista intendeva che apparissero". Sta raddoppiando su quelle affermazioni con il GZ1500.

Per cominciare, il nuovo processore HCX Pro è stato perfezionato e rielaborato in risposta diretta al feedback della comunità cinematografica di Hollywood tramite lHollywood Laboratory di Panasonic. Inoltre, la TV è stata sintonizzata dal famoso colorista professionista Stefan Sonnenfeld, il cui lavoro include la creazione degli intermedi digitali per titoli piuttosto popolari come Avengers: Endgame e il recente (e del tutto meno acclamato dalla critica) remake del Re Leone.

Anche il GZ1500 ha ottenuto la certificazione THX, a dimostrazione del fatto che ha superato centinaia di severi test sulle prestazioni video THX basati sulla precisione. E come se tutto questo non fosse già abbastanza, include anche una modalità calibrata Netflix, che modifica le impostazioni della TV in modo che assomiglino a quelle utilizzate da Netflix quando si controllano i suoi programmi TV.

Unultima caratteristica utile per le immagini del GZ1500 è il supporto per la modalità automatica a bassa latenza relativa ai giochi (ALLM), che commuta la TV in modalità di gioco a bassa latenza ogni volta che viene rilevata una sorgente di gioco.

In realtà, le uniche caratteristiche dellimmagine che il GZ1500 non ha sono il supporto per i giochi a frequenza di aggiornamento variabile e il pannello ultra-luminoso di nuova concezione che Panasonic ha progettato esclusivamente per il 2019, che si trova solo sulla gamma GZ2000 notevolmente più costosa.

Funzioni intelligenti

  • Sistema intelligente: My Home Screen 4.0, Freeview Play

Il lato positivo è che lultima interfaccia intelligente My Home Screen di Panasonic è molto facile da usare e personalizzare. Laspetto negativo è che manca un po della raffinatezza offerta da alcuni rivali.

La schermata iniziale principale comprende inizialmente solo un trio di icone, che portano a menu più approfonditi dellapp, del sintonizzatore e dei dispositivi collegati. Ma è molto semplice aggiungere altre icone di app a questo elenco della schermata iniziale.

Uninnovazione chiave per il GZ1500 rispetto alle smart TV Panasonic dellanno scorso è laggiunta di cinque livelli di collegamenti che possono essere fatti scorrere verso il basso dalla schermata principale. Questi per impostazione predefinita forniscono collegamenti diretti ai contenuti di Netflix, YouTube e Freeview Play, mentre un ulteriore mazzo fornisce alcuni strumenti di base per personalizzare linterfaccia multi-deck. È possibile, ad esempio, regolare quale di questi deck appare per impostazione predefinita nella schermata Home.

PanasonicPanasonic GZ1500 recensione immagine 2

Nonostante questi nuovi livelli siano apprezzati, il sistema My Home Screen non è ancora così facile da navigare come quelli offerti da LG e Samsung. Questi essenzialmente presentano tutte le app chiave in ununica riga di facile navigazione, quindi generano secondi livelli contestuali di icone di contenuto diretto a seconda dellapp selezionata nella riga inferiore.

Le app principali supportate sulla piattaforma My Home Screen includono YouTube (4K HDR), Amazon Prime Video (4K HDR), Netflix (4K HDR), Rakuten e tutte le app di recupero della TV terrestre del Regno Unito (fornite allinterno dellutile e facile per sfogliare lombrello Freeview Play).

Tuttavia, ci sono alcune app assenti, in particolare Now TV, BT Sport e Apple TV. Per essere onesti, solo i televisori Samsung attualmente hanno lapp Apple TV. Ma Panasonic non è attualmente nellelenco dei marchi che affermano di aggiungere il supporto per Apple TV entro la fine dellanno.

Panasonic ha integrato il supporto vocale in My Home Screen 4.0, con Google Assistant e Alexa disponibili in aggiunta con laggiunta di un appropriato dispositivo di ascolto esterno.

Qualità dellimmagine

La forza combinata della nuova elaborazione delle immagini di Panasonic, la messa a punto di Hollywood e il formato HDR insolitamente ampio si fondono sul GZ1500 in una prestazione dellimmagine davvero fantastica.

La chiave del suo successo è laspetto delle immagini meravigliosamente raffinate in quasi tutti i reparti. I livelli di nero, ad esempio, non sono solo neri come linchiostro (come lo sono praticamente su tutti i televisori OLED di oggi), sono anche quasi completamente privi del rumore di blocco e dellinstabilità di luminanza che può apparire su scene molto scure, specialmente con video in streaming - su molti altri televisori OLED al momento.

Ciò mostra un controllo senza precedenti delle prestazioni quasi nere del GZ1500, superando in gran parte una delle sfide tecnologiche più difficili della tecnologia OLED. Questo aspetto straordinariamente pulito delle aree scure è vero, inoltre, indipendentemente dal fatto che la TV stia riproducendo contenuti standard (SDR) o HDR.

Il GZ1500 rende anche i colori magnificamente. Tutto, dai toni della pelle al tipo di tonalità vibranti, pure e audaci associate ai film danimazione HDR, sembra ricco e incisivo, ma anche pieno di sfumature e il tipo di sottigliezza tonale che conferisce alle immagini 4K il loro caratteristico senso di tridimensionalità.

Le immagini della Panasonic non perdono contrasto o colore nemmeno se viste da unangolazione severa, riaffermando un altro vantaggio innato della tecnologia OLED rispetto allLCD.

Anche le sorgenti HDR beneficiano di una gestione della luce davvero impressionante. Ciò consente al GZ1500 di riprodurre qualsiasi cosa, dai minimi dettagli nelle scene scure fino ai picchi più luminosi con unautorità impressionante. La sua rappresentazione dei dettagli delle ombre è particolarmente efficace, aiutata comè dai pixel auto-emissivi di OLED e dal controllo quasi nero del processore HCX Pro.

PanasonicPanasonic GZ1500 recensione immagine 6

Come con tutti i televisori OLED, cè un limite alla luminosità del GZ1500. Le misurazioni mostrano che raggiunge un picco di circa 700-770 nits di luminosità di picco. Ciò si confronta con i 2000 nit possibili su uno o due televisori LCD di fascia alta, come il Samsung Q90R . Tuttavia, la mappatura dei toni del GZ1500 (che aiuta a mappare lHDR ad alta luminosità alle sue capacità dello schermo) si dimostra estremamente efficace, evitando laspetto svasato e con dettagli ridotti alle aree HDR più luminose che gli schermi meno capaci possono soffrire.

Ancora meglio, poiché il GZ1500 supporta sia HDR10+ che Dolby Vision, può utilizzare i metadati extra per fornire i risultati più dinamici possibili senza perdere il controllo di entrambe le estremità dello spettro luminoso HDR. Indipendentemente dal formato in cui un particolare contenuto potrebbe essere masterizzato. La maggior parte dei marchi rivali, ovviamente, offrirà solo il vantaggio del singolo formato HDR dinamico che supportano, poiché scelgono di non supportare entrambi.

Le immagini del GZ1500 appaiono nitide, pulite e adeguatamente dettagliate con sorgenti 4K native, e per la maggior parte questa chiarezza è supportata da prestazioni di movimento piuttosto buone. Una balbuzie momentanea occasionale durante la visione di contenuti a 24 fps impedisce al set di Panasonic di ottenere elogi più alti qui, soprattutto perché la balbuzie è in realtà resa più evidente se viene chiamata lelaborazione del movimento Intelligent Frame Creation di Panasonic, altrimenti decente.

A parte il piccolo difetto di movimento notato in precedenza, ci sono solo un paio di altri pignoli con le immagini del GZ1500. Innanzitutto, e la cosa più sorprendente, data limpressionante finezza che la TV mostra generalmente, è che occasionalmente sottili miscele di colori nelle immagini HDR possono sembrare leggermente a strisce. In secondo luogo, le immagini HDR non offrono tanto impatto e dinamismo quanto quelle degli ultimi televisori OLED di LG, come il C9 . Tuttavia, una compensazione sostanziale per questo deriva dalla gestione superiore di Panasonic dei contenuti delle immagini quasi nere, un talento che aiuta a fornire unimmagine meravigliosamente coerente che si intona bene con lesperienza che presumibilmente i coloristi apprezzano quando controllano i loro contenuti su monitor professionali.

Se Panasonic può mantenere la finezza e il naturalismo del GZ1500 sui suoi prossimi modelli GZ2000, che utilizzano anche un nuovo design esclusivo del pannello ad alta luminosità, quei set di punta potrebbero rivelarsi davvero molto speciali.

Suono

  • Soluzione soundbar integrata da 50 W

Nonostante il suo design compatto, la soundbar Blade integrata del GZ1500 offre prestazioni audio potenti ed efficaci. Il modo in cui i driver a fuoco in avanti spingono il suono nel tuo salotto piuttosto che indietro verso il tuo muro ha un impatto immediato. Il suono è più diretto e coinvolgente, inserendoti nel mix piuttosto che lasciarti come uno spettatore distante.

Larray di altoparlanti riesce anche a diffondere il suono in alto e in largo, creando un muro di suoni che si estende ben oltre i confini fisici della TV. Il suono rimane coerente e riesce a includere molti dettagli ben posizionati, specialmente quando si sfrutta la decodifica Dolby Atmos della TV.

PanasonicPanasonic GZ1500 recensione immagine 10

Alcuni utenti GZ1500 stanno segnalando un problema scoppiettante con alcune fonti (in particolare Netflix) sia sugli altoparlanti interni che sugli altoparlanti collegati tramite ARC. Durante questa recensione si è sentito solo un clic occasionale, ma Panasonic ha riconosciuto un problema con quello che descrive come "un lotto" dei suoi attuali televisori OLED e sta lavorando a una correzione del software. Nella nostra esperienza, e ignorando il problema segnalato con altri apparecchi, il suono del GZ1500 si distingue per la sua assenza di distorsioni e rumori del cabinet.

I bassi, prevedibilmente, sono la parte più debole del suono del GZ1500. Tuttavia, è abbastanza buono da rendere laggiunta di un sistema audio esterno unopzione piuttosto che una necessità. Inoltre, non dimenticare che Panasonic ha fornito la possibilità di aggiungere un subwoofer esterno tramite il jack per le cuffie per chiunque desideri aumentare il volume dei bassi.

Prime impressioni

Il TX-55GZ1500 è facilmente il miglior TV OLED di Panasonic (qualcosa che solo il GZ2000 potrebbe interrompere, non appena sarà disponibile).

La potenza di elaborazione perfettamente focalizzata del GZ1500 e la dedizione alla causa "come intendeva il regista" gli conferiscono una ragion dessere unica e splendidamente consegnata nel mondo OLED sempre più affollato. I suoi livelli appena sopra il nero vanno semplicemente oltre ciò che la concorrenza può offrire.

Aggiungi un sistema audio Dolby Atmos sorprendentemente soddisfacente e quellimportantissimo doppio supporto Dolby Vision e HDR10 +, e il prezzo di £ 1999 del GZ1500 inizia a sembrare davvero molto ragionevole. È un cracker OLED, questo è certo.

Considera anche

SamsungImmagine recensione TV Samsung Q90 1

Samsung Q90R

squirrel_widget_148516

Se desideri che lHDR sia fornito con luminosità e volume del colore più coerenti, il TV LCD da 55 pollici di punta di Samsung, con i suoi 2000 nit di luminosità di picco, è la TV che fa per te. Offre anche livelli di nero simili a OLED e ampi angoli di visualizzazione per una TV LCD. Tuttavia, il set perde un po di dettagli nelle ombre nelle sue preimpostazioni dimmagine altrimenti più piacevoli, e talvolta deve anche attenuare piccoli oggetti luminosi per evitare la fioritura della retroilluminazione, cosa che lOLED di Panasonic non deve fare.

LGRecensione Tv LG Oled C9 image 1

LG OLED C9

squirrel_widget_148726

LOLED55C9 offre immagini HDR dallaspetto leggermente più incisivo e, come il 55GZ1500, implementa la decodifica del suono Dolby Atmos su un sistema audio di alta qualità. In effetti, suona ancora meglio, nonostante vanti un design a base di vetro davvero adorabile. Tuttavia, può soffrire di rumore e instabilità su fonti quasi nere. Contenuti particolarmente trasmessi in streaming.

Scritto da John Archer.