Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Con alcuni produttori di TV LCD, incluso LG! - facendo una grande canzone e danza sullintroduzione della tecnologia di retroilluminazione Mini LED per il 2021, la pressione sui televisori OLED tradizionali per offrire il proprio sostanziale salto hardware che rimbomba da anni ormai è diventata particolarmente intensa.

Meno male, quindi, che lOLED G1 di LG si stia avvicinando al piatto con un nuovo design del pannello "Evo" che promette sia più luminosità che colori migliori rispetto a qualsiasi TV LG OLED è riuscita prima. Oltre a ciò, ha tutte le campane e i fischietti che cinefili, giocatori e designer brameranno in una TV a parete. Quindi quanto è buono?

Design

  • 4 ingressi HDMI 2.1, 3 porte USB
  • Opzioni multimediali LAN e Wi-Fi

Come per i televisori OLED Gallery di debutto di LG nel 2020, lOLED G1 - recensito qui nelle versioni da 65 pollici, ci sono anche versioni da 55 e 77 pollici - è progettato pensando al montaggio a parete. Tanto che viene spedito solo con una staffa a parete. Se vuoi posizionarlo sulle gambe del desktop, dovrai pagare un extra per loro. E anche in questo caso non renderanno giustizia al profilo sottile ed elegante del G1.

Pocket-lintLG G1 OLED Evo recensione foto 5

Il supporto a parete G1 è progettato per essere inserito in una rientranza sul retro della TV, consentendo allo schermo di essere appeso perfettamente a una parete. Il suo impatto sul tuo spazio abitativo è ulteriormente ridotto al minimo dallestrema ristrettezza della cornice dello schermo. Puoi anche scegliere di riprodurre le opere darte sullo schermo in modalità a basso consumo quando non le stai guardando, giustificando ulteriormente il nome della Galleria.

Lunico problema con il design, forse, è che la maggior parte delle persone in realtà non monta la TV a parete, ma potrebbe comunque voler mettere le mani sullesclusivo pannello ad alta luminosità della serie G1. Se suona come te, preparati a pagare un extra per quei piedini di supporto opzionali o un nuovo supporto da pavimento Gallery in stile treppiede che LG ha introdotto per il 2021.

Le connessioni dellOLED G1 fanno vergognare quelle della maggior parte dei rivali. Soprattutto quando si tratta dei suoi quattro HDMI, che soddisfano tutti le ultime specifiche HDMI 2.1 e quindi possono supportare tutte le ultime funzionalità di riproduzione 4K HDR a 120Hz, commutazione automatica della modalità a bassa latenza (ALLM) per tempi di risposta di gioco più rapidi e frequenze di aggiornamento variabili (VRR). Anche nel 2021 la maggior parte dei televisori premium rivali offre solo uno o due HDMI con specifiche complete.

Caratteristiche dellimmagine

  • Supporto HDR: HDR10, HLG, Dolby Vision
  • Motore di elaborazione: Alpha 9 Gen 4

I progressi del nuovo pannello Evo dellOLED G1 (esclusivo della serie G1) riguardano due aree principali.

Innanzitutto, è incluso un nuovo "elemento luminoso" per migliorare la luminosità senza utilizzare molta più energia o, secondo LG, aumentare la probabilità che lOLED G1 soffra del problema permanente di ritenzione dellimmagine che può influire sulla tecnologia OLED.

In secondo luogo, LG ha introdotto un nuovo strato verde nella costruzione del pannello dellOLED G1 che, insieme a nuove lunghezze donda più strette per gli elementi di colore rosso e verde, dovrebbe portare a colori più dinamici e precisi in tutto lo spettro.

Con Panasonic e Sony che utilizzano anche pannelli che migliorano la luminosità sulle loro gamme OLED premium per il 2021, tuttavia, LG ha unaltra parte della storia illustrata dellOLED G1 di cui è desideroso di parlare: il suo nuovo processore Alpha 9 di quarta generazione. Senza questo, sostiene LG, lOLED G1 non sarebbe in grado di sbloccare tutto il potenziale del nuovo pannello.

Il processore Alpha 9 Gen 4 vanta anche alcune nuove modifiche di immagine più generali potenzialmente importanti. Questi includono nuove modalità di elaborazione del movimento Natural e Cinema Movement e miglioramenti alle opzioni di ottimizzazione automatica dellimmagine e del suono sia AI Picture Pro che AI Sound Pro di LG.

Sul fronte AI Picture Pro, lultimo processore può ora utilizzare lapprendimento AI per identificare quando unimmagine può mostrare una scena di una città, un paesaggio o uno scatto notturno e applicare di conseguenza regole specifiche allimmagine. Può persino applicare "regole" a oggetti specifici o aree di contenuto specifico allinterno di qualsiasi immagine complessiva, creando un effetto più tridimensionale e naturale di quanto sarebbe possibile semplicemente applicando equamente le regole di elaborazione su tutta limmagine.

Luso da parte dellOLED G1 di un pannello OLED anziché LCD - nessuna sorpresa dato il nome, eh? - porta con sé anche vantaggi innati nella qualità dellimmagine. Ad esempio, può essere guardato da quasi tutte le angolazioni senza che la saturazione del colore o il contrasto si deteriorino in modo significativo. Può anche fornire il controllo della luce fino al livello dei singoli pixel, in modo che i neri più scuri di cui è capace il pannello possano apparire letteralmente accanto ai bianchi più luminosi, senza alcun compromesso tra oscuramento/grigio/retroilluminazione. Questo tipo di controllo della luce locale non è possibile con i televisori LCD, nemmeno quelli che utilizzano la tecnologia Mini LED.

Come di consueto con una TV LG premium, lOLED G1 supporta i formati Dolby Vision e HLG della tecnologia High Dynamic Range (HDR), insieme al formato HDR10 standard del settore. Non cè supporto per il formato HDR10+ più raro (in termini di origine).

LOLED G1 riprende da dove i famosi OLED della serie X 2020 dellazienda avevano interrotto quando si tratta di giochi, continuando a offrire risoluzione 4K, HDR, aggiornamento a 120Hz e frequenze di aggiornamento variabili (VRR) su tutti e quattro gli HDMI.

Pocket-lintLG G1 OLED Evo recensione foto 3

Introduce anche un elenco di nuove opzioni di gioco tramite un "cruscotto" dellottimizzatore di gioco. Queste opzioni includono una serie di preimpostazioni di immagini selezionabili basate sul genere di gioco, una modalità AI Game Sound, modifiche separate per gli estremi luminosi e scuri della grafica di gioco, unopzione Riduci luce blu per spostare la grafica di gioco su una tonalità di colore più calda e meno faticosa, e opzioni separate di riduzione del ritardo di input Standard e Boost che offrono tempi di risposta eccezionalmente rapidi di appena 12,4 ms e 9,4 ms rispettivamente.

Cè anche una nuova opzione Fine Tune Dark Areas per i giochi VRR che fornisce una contromisura alla tendenza dei televisori OLED a mostrare livelli di nero elevati durante la riproduzione di immagini VRR. Quindi LG è chiaramente deciso a mantenere la legione di fan dei giochi che ha raccolto con la sua lungimirante serie LG OLED 2019 e 2020.

Funzioni intelligenti

  • Sistema intelligente: WebOS 6.0

Dopo anni passati a perfezionare la sua tanto amata piattaforma webOS, LG ha finalmente introdotto alcuni cambiamenti davvero significativi sullOLED G1.

Una nuova interfaccia a schermo intero prende il posto della vecchia e familiare striscia di icone delle app nella parte inferiore dello schermo. Questa interfaccia si concentra principalmente sulla raccomandazione di contenuti basati sulle abitudini di visione delle famiglie e sui programmi attualmente popolari dallampia gamma di app supportate dalla TV. Cè anche una casella sostanziale in alto a destra, che ti porta a una pagina di ricerca di contenuti ben presentata e di ampio respiro.

LGLG G1 OLED Evo recensione foto 4

Sebbene in questi giorni abbia senso spostare lattenzione di webOS sulla fornitura di contenuti consigliati curati da tutte le app supportate piuttosto che far sì che gli utenti esplorino i contenuti in base allapp, il layout e la "ponderazione" della nuova schermata iniziale non sembrano del tutto corretti . In particolare, le tre opzioni di collegamento lungo la parte superiore dello schermo sembrano avere più peso di quanto non giustifichino.

La striscia dellicona della sorgente webOS della firma continua ancora lungo la parte inferiore della nuova home page a schermo intero e puoi scorrere verso il basso da lì fino a una piccola selezione di ulteriori scaffali contenenti un elenco di tutti i tuoi dispositivi collegati e collegamenti diretti al contenuto ad alcuni delle app di streaming più popolari. Stranamente, tuttavia, non esiste uno scaffale Netflix al momento della scrittura e non è possibile modificare lordine in cui appaiono gli scaffali.

Le funzionalità di controllo e riconoscimento vocale di LG - Amazon Alexa, Google Assistant e le opzioni ThinQ di LG sono tutte disponibili - continuano ad essere eccellenti. Così come il livello di supporto delle app del sistema, con tutti i principali servizi di streaming coperti. Ciò include i servizi di catch-up delle emittenti terrestri del Regno Unito tramite Freeview Play.

Qualità dellimmagine

LOLED G1 offre senza dubbio una qualità dellimmagine complessivamente migliore rispetto a qualsiasi TV OLED 2020 di LG. Tuttavia, se offre il miglioramento che alcuni trimestri avrebbero potuto sperare, è unaltra domanda.

Il nuovo pannello Evo colpisce in due modi. Innanzitutto, laddove unimmagine HDR, come uno scatto di un cielo azzurro baciato dal sole, presenta una luminosità quasi a schermo intero, cè un livello leggermente più alto di intensità complessiva dellimmagine rispetto ai modelli LG del 2020. In secondo luogo, le parti più luminose delle immagini HDR - lampadine e luci nude, riflessi su vetro o metallo, nuvole assolate e simili - sembrano più incisive e, di conseguenza, più naturali.

LGLG G1 OLED Evo recensione foto 11

È anche evidente che, poiché il pannello Evo è progettato per gestire picchi di luminosità leggermente più leggeri, in genere offre dettagli e ombreggiature più sottili nelle aree HDR più luminose.

Queste differenze, insieme a una tavolozza di colori dei contenuti HDR leggermente più ricca e raffinata, sono più evidenti durante la riproduzione di console HDR e giochi per PC rispetto ai video tipici.

Anche con i giochi più incisivi, tuttavia, lOLED G1 fa un passo avanti rispetto agli OLED LG del 2020 non eleva le prestazioni OLED del marchio in un parco giochi completamente nuovo. È più raffinatezza che rivoluzione. Anche se inizialmente sembra un po deludente, non ci vuole molto a vivere con lOLED G1 per iniziare a pensare che questa valutazione iniziale sia un po sciocca.

Dopotutto, lOLED G1 offre un aumento delle prestazioni HDR del 10-20% ai televisori OLED LG del 2020, che sono stati a loro volta prestazioni sensazionali. E questo è in realtà un risultato piuttosto notevole in un mondo di TV premium ora così buono che anche i più piccoli miglioramenti dovrebbero essere abbracciati come parenti perduti da tempo.

Inoltre, i miglioramenti dellimmagine del G1 non sono dovuti solo al suo nuovo pannello Evo. Anche il nuovo processore Alpha 9 Gen 4 ha la sua parte da svolgere, su due livelli.

Innanzitutto, la nuova opzione AI Picture Pro è un sostanziale progresso rispetto al suo predecessore. La sua capacità di applicare miglioramenti più efficaci su una base più locale produce immagini che sembrano sia più accattivanti che più naturali. Questa combinazione accattivante/naturale è fondamentale, poiché mentre lelaborazione AI di LG ha precedentemente apportato miglioramenti a colore, nitidezza e contrasto, tali miglioramenti sono sempre stati accompagnati da effetti collaterali fastidiosi. SullOLED G1 i miglioramenti non solo sono più pronunciati, ma non sono praticamente a scapito di aspetti negativi.

Ci sono, ovviamente, persone che non utilizzeranno la modalità AI Picture Pro perché non amano lidea che il processore di un televisore prenda il controllo dellaspetto di unimmagine. E per quelle persone, lOLED G1 supporta ancora tutti gli strumenti di calibrazione e laccuratezza delle altre generazioni LG recenti. Tuttavia, vale la pena provare lAI Picture Pro molto migliorato per la maggior parte degli utenti.

Laltro miglioramento chiave dellelaborazione deriva dalle nuove opzioni di movimento di LG. La nuova modalità di elaborazione del movimento naturale utilizzata per impostazione predefinita con la maggior parte dei preset delle immagini dellOLED G1 è un po troppo fluida e può causare effetti collaterali di elaborazione indesiderati. La nuova modalità Cinematic Movement, tuttavia, fa un lavoro superbamente ben bilanciato nel ridurre delicatamente il sussulto piuttosto "duro" con sorgenti di film a 24p che i televisori OLED possono mostrare senza creare effetti collaterali davvero fastidiosi. È eccezionale.

LGLG G1 OLED Evo recensione foto 10

I miglioramenti dellOLED G1 non hanno, fortunatamente, compromesso nessuno dei tradizionali punti di forza dellOLED di LG. I livelli di nero sembrano ancora inchiostro, in realtà mostrano un rumore leggermente inferiore nelle aree con dettagli quasi neri, nonostante mostrino anche più dettagli in ombra nella maggior parte dei preset delle immagini.

I colori non sembrano quasi mai forzati o esagerati nonostante il leggero aumento della luminosità e una presentazione leggermente più pura, e la nitidezza è leggermente migliorata senza rendere limmagine fragile o dura. Con le sorgenti HD, in particolare, il nuovo upscaling Alpha 9 Gen 4 guadagna davvero il suo mais offrendo una finitura nettamente più nitida rispetto a quella vista con le precedenti generazioni di LG OLED senza esagerare il rumore.

Tuttavia, le immagini dellOLED G1 non sono completamente perfette. Cè un notevole sfarfallio nelle scene scure quando si gioca in VRR, per cominciare. Tutti i preset Dolby Vision (bar Vivid) possono causare una frantumazione dei dettagli nelle aree scure. Cè un nuovo accenno di magenta sulle immagini anche se guardi da un grandangolo, sebbene il contrasto e lintensità del colore beneficino ancora del vantaggio dellangolo di visione dellOLED rispetto allLCD in questarea.

LOLED G1 può anche esagerare il rumore di compressione nelle scene in streaming scure (di solito SDR), e anche con il G1 è ancora importante sottolineare che mentre lOLED è intoccabile quando si tratta di contrasto locale (come in pixel per pixel), LCD premium I televisori possono ancora diventare significativamente più luminosi con contenuti HDR sia di picco che a schermo intero.

Qualità del suono

Poiché LG non si unisce a Sony nellutilizzo delle superfici dello schermo dei suoi TV OLED premium per produrre suoni, non cè molto spazio nel design super sottile dellOLED G1 per un grande vecchio set di altoparlanti. Con questo in mente, tuttavia, in molti modi lOLED G1 suona abbastanza bene.

Per cominciare, un nuovo sistema di upconversion Virtual 5.1.2 introdotto dal processore Alpha 9 Gen 4 fa un lavoro sorprendentemente convincente nellaggiungere un leggero senso di altezza alle colonne sonore che non hanno canali di altezza integrati. Almeno il suono si espande bene da tutti i bordi della TV, anche se non cè alcun senso di effettivi suoni dallalto. Le voci tendono a sembrare chiare e credibili e i livelli di dettaglio sono piuttosto alti per un sistema audio che non ha driver rivolti in avanti.

LGLG G1 OLED Evo recensione foto 9

Ci sono due problemi abbastanza significativi, però. Innanzitutto, sebbene sia bello che lOLED G1 decodifica le colonne sonore Dolby Atmos (sebbene non ci sia il supporto DTS), non lo fa molto bene. Gli altoparlanti non sono in grado di fornire limpatto che dovrebbero avere con i momenti Atmos molto rumorosi e densi. In effetti, i diffusori tendono a diventare più sommessi proprio quando dovrebbero alzarsi.

Ciò rende limpostazione AI Sound Pro di LG unopzione molto migliore per la maggior parte dei contenuti. Questo si amplifica per affrontare momenti rumorosi, oltre a far sì che il suono riempia di più la stanza.

Tuttavia, ogni volta che la colonna sonora di un film presenta bassi rumori, specialmente in modalità AI Sound Pro, i driver a bassa frequenza della TV iniziano a cadere preda di quantità significative di rotture e distorsioni. Tanto che può diventare piuttosto difficile da ascoltare e una chiara distrazione dallazione sullo schermo.

Allora è meglio acquistare un sistema soundbar/surround separato.

Prime impressioni

Al momento in cui scriviamo cè un punto interrogativo sul fatto che lOLED G1 sia sufficientemente superiore ai prossimi OLED di fascia media C1 - che non hanno il pannello Evo - per giustificare il suo costo aggiuntivo. In base al tipo di miglioramenti apportati ai modelli CX dellultima generazione, tuttavia, molto probabilmente è un degno passo avanti rispetto al C1, se stai cercando comunque di montare a parete.

Quindi, anche se non infrange del tutto il libro delle regole OLED nel modo in cui alcuni avevano sperato, il nuovo pannello Evo dellOLED G1 in combinazione con lultimo motore di elaborazione di LG offre comodamente il miglior TV OLED che LG abbia mai realizzato. Questo è ciò che rende speciale questo televisore. Un fatto che dovrebbe giustamente far sbavare sia gli AV che i fan dei giochi, dato quanto sono stati buoni i precedenti OLED di LG.

Considera anche

LGFoto alternative 2

LG OLED GX

squirrel_widget_236839

Se puoi vivere senza le prestazioni HDR migliorate del pannello Evo e la funzionalità Game Optimizer, ma come il design della Galleria, lOLED GX del 2020 è ancora disponibile per un po di meno.

PanasonicFoto alternative 1

Panasonic HZ2000

squirrel_widget_177354

Panasonic è stato il primo marchio a introdurre la nuova tecnologia OLED ad alta luminosità e la versione 2020 di questa tecnologia è ancora disponibile a un prezzo leggermente inferiore rispetto a LG. Sembra che le azioni stiano iniziando a scarseggiare, quindi datti una mossa!

Scritto da John Archer. Modifica di __LASSAVED.