Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Secondo quanto riferito, YouTube sta pensando di offrire abbonamenti di terze parti ai servizi di streaming video.

La società di proprietà di Google mira a offrire ai clienti la possibilità di iscriversi a una "ampia gamma di servizi di streaming in abbonamento gestiti da società di intrattenimento", secondo The Information . Da quello che possiamo dire, YouTube vuole fondamentalmente rivaleggiare meglio con Amazon e Apple, consentendo ai clienti di abbonarsi ad altri servizi di streaming come HBO Now, Netflix, CBS All Access.

Amazon consente già agli abbonati Prime Video e ai proprietari di Fire TV di farlo, attraverso la sua iniziativa Amazon Channels , e anche Apple lo consente tramite Apple TV. Queste aziende, ovviamente, ottengono un taglio delle entrate da ogni iscrizione. Le informazioni affermano che gli analisti ritengono che Amazon abbia guadagnato $ 2,6 miliardi dagli abbonamenti ai canali nel 2019 e che crescerà fino a raggiungere un business da $ 3,6 miliardi nel 2020.

Tieni presente che Google ha recentemente rivelato che YouTube Premium e YouTube Music hanno 20 milioni di abbonati a pagamento, mentre il pacchetto YouTube TV ha due milioni di abbonati. YouTube stesso ha anche due miliardi di utenti mensili che guardano e caricano milioni di ore di contenuti gratuitamente.

Aggiungi tutto e sembra certamente probabile che YouTube voglia sviluppare modi per attirare ulteriormente i clienti lontano da artisti del calibro di Apple e Amazon, generando anche un nuovo flusso di entrate redditizio.

Scritto da Maggie Tillman.