Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Il primo streaming stick di Google TV sembra pronto per il lancio, con Realme che condivide i dettagli di un modello 4K su un sito web di teaser prima del lancio previsto per il 13 ottobre.

La piattaforma Google TV è stata presentata per la prima volta sotto forma di un dongle Google Chromecast lo scorso ottobre, tuttavia, lanno successivo, siamo stati trattati solo con televisori che eseguono il servizio.

I televisori Sony e TCL dotati di Google TV hanno reso la piattaforma parte dellesperienza integrata piuttosto che un componente aggiuntivo dello streaming stick, naturalmente, mentre gli streaming stick lanciati in quel periodo hanno scelto di attenersi alla piattaforma Android TV.

Realme lo sta cambiando, tuttavia, con il 4K Google TV Streaming Stick che rappresenta il primo dispositivo del suo genere da lanciare oltre al già citato Chromecast. È anche il primo ad essere lanciato in India, dove la piattaforma non è ancora supportata.

In termini di funzionalità, lo stick offrirà una risoluzione 4K a 60 fotogrammi al secondo, supporterà HDMI 2.1 e HDR10+ e includerà app come Netflix e Prime Video.

I dettagli sui prezzi non sono ancora noti, ma immaginiamo che sarà un tag abbastanza competitivo per invogliare coloro che vogliono aumentare il profilo smart della propria TV senza, si sa, effettivamente acquistare una nuova TV.

Anche il punto in cui viene effettivamente lanciato il Realme Stick è un po un punto interrogativo fino alla presunta data di rilascio del 13 ottobre. È probabile che lobiettivo di Realme sarà lIndia, ma potrebbe anche fornire a quelli del Nord America e dellEuropa unalternativa allopzione ufficiale di Google.

Probabilmente avremo presto i dettagli ufficiali, quindi assicurati di tornare una volta che avremo riempito gli spazi vuoti.

Scritto da Conor Allison.