Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Ora cè un logo appropriato per contrassegnare i televisori 8K come ufficialmente allaltezza del compito di mostrare immagini 8K. Il nuovo standard del settore etichetterà i televisori come televisori "8K Ultra HD" ed è stato promosso dalla Consumer Technology Association (CTA) negli Stati Uniti.

LG è la prima azienda ad aver annunciato che utilizzerà il nuovo logo e rivelerà i televisori utilizzando letichettatura al CES 2020, che si terrà allinizio di gennaio. LG li marchia come "TV 8K reali", indipendentemente dal fatto che siano nella collezione LG Signature OLED dellazienda o nella gamma di TV NanoCell 8K basata su LCD.

In sostanza, il CTA sta cercando di evitare eventuali problemi nei negozi causati da modelli più economici che si spingono come 8K quando in realtà non offrono una vera risoluzione 8K. Tuttavia, le cose non sono così facili poiché anche l Associazione 8K ha i propri requisiti minimi per un pannello 8K, con il capo di Samsung tra i suoi membri. Inevitabilmente questo porterà a una certa confusione tra i consumatori.

Il nuovo standard 8K Ultra HD non si limita a garantire che i televisori soddisfino una risoluzione minima, ma ci sono anche altre specifiche come un numero minimo di ingressi, supporto HDR, capacità di upscaling e profondità di bit di almeno 10 bit. Ad esempio, lo schermo deve avere almeno 33 milioni di pixel attivi per essere classificato come 8K.

Quindi ciò significa 7.680 orizzontalmente, 4.320 verticalmente "allinterno di una finestra visualizzabile 16:9". Le capacità di upscaling devono includere la capacità di upscalare SD, HD e 4K a 8K.

L8K offre dettagli quattro volte superiori rispetto alla TV 4K e 16 volte più dellHD.

Scritto da Dan Grabham.