Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Secret Cinema ha fatto strada da un po' di tempo a questa parte: dalle umili origini, l'elenco dei franchise con cui il titano degli eventi immersivi ha lavorato non fa che migliorare.

Dopo aver già conquistato l'universo di Star Wars e aver legato le cose con Netflix attraverso Stranger Things, il suo ultimo spettacolo a Londra porta la Marvel all'ovile. Ci siamo recati a Guardians of the Galaxy: The Live Immersive Experience (questo il titolo completo) per farci un'idea di come sia nata questa collaborazione.

Un mondo tutto nuovo

Per chi non lo sapesse, il Secret Cinema offre la possibilità di immergersi in una ricostruzione di una parte di un mondo immaginario. In passato questo significava passeggiare per Mos Eisley di Star Wars o per la Los Angeles di Blade Runner, vedere i luoghi e interagire con un cast di attori in costume.

POCKET-LINT VIDEO OF THE DAY

In questo caso, è possibile esplorare un paio di luoghi familiari ai fan di Guardiani della Galassia, tutti ospitati in uno spazio industriale vicino a Wembley.

È tutto al chiuso, ma questo non ha impedito al team di Secret Cinema di creare alcuni scenari ultraterreni di grande effetto, dalla neve spaziale di Contraxia alla città sotterranea e luminosa di Knowhere.

C'è una segnaletica divertente dappertutto e un mucchio di angoli e fessure da esplorare se si è abbastanza impegnati da fiutare ogni possibile pista narrativa.

Detto questo, non possiamo dire che il mondo sia all'altezza del lavoro di Secret Cinema su Star Wars o Blade Runner, per esempio - e questo potrebbe essere dovuto al fatto che, nonostante la sua popolarità, il mondo cinematografico che i Guardiani occupano è un po' meno vivido al confronto.

Tuttavia, anche con questa avvertenza, troverete un luogo davvero coinvolgente in cui stare per un paio d'ore, grazie anche al cast di attori sempre entusiasti.

Storyville

Secret Cinema ha chiaramente capito che il modo migliore per coinvolgere un intero pubblico di spettatori nella storia del suo mondo è quello di dare loro una causa centrale dietro cui radunarsi.

Questa volta si tratta dell'idea che i clan pirateschi dei Ravager, di cui i partecipanti fanno parte, debbano unirsi contro il nefasto Collector. La formula "noi contro il sistema" non è molto nuova in questa fase, ma funziona, quindi perché rimediare?

Come sempre, questo significa che l'ordine della serata è quello di chiacchierare con chiunque abbia un costume abbastanza buono da far pensare che si tratti di un attore, per scoprire cosa sta succedendo e quali azioni si possono intraprendere.

Nel corso di un paio d'ore, il nostro gruppo ha aiutato a salvare e a portare via di nascosto una vittima di un rapimento, ha negoziato un accordo per un prezioso pezzo di contrabbando, ha scoperto un messaggio segreto di Rocket in persona e ha comunque trovato il tempo di godersi un po' di tempo libero lontano dalle pressioni della storia principale.

Le migliori esperienze di Cinema Segreto ti lasciano a chiederti cosa c'era in quella stanza chiusa da una tenda in cui non sei entrato, o su per quella rampa di scale che non sei riuscito a salire, e Guardiani della Galassia ha proprio quel senso di "vorrei rifarlo per vedere cosa ci sarebbe di diverso". È per questo che veniamo al cinema, gente.

Detto questo, la storia in sé non è esattamente di qualità da Pulitzer e le cose sono state un po' confuse quando si è trattato di partecipare ai momenti salienti della storia. Sebbene questi siano ben coreografati, diventano un po' caotici quando tutti sono impegnati a guardare, cosa che è difficile da evitare.

Le cose si risolvono con una grande scenografia che coinvolge i Guardiani che fanno cose da Guardiani, anche se siamo rimasti un po' delusi nel vedere Rocket e Groot messi da parte: trovare un modo per realizzare i loro personaggi con effetti pratici sarebbe stato davvero notevole.

Tuttavia, la messa in scena è ancora più volte emozionante, con dettagli come la Freccia Yaka con fischietto di Yondu che brillano per la loro verosimiglianza.

Da guardare o da non guardare

Dopo l'esperimento di Stranger Things con esperienze più brevi che saltano la parte "sedersi a guardare un film" della sua formula, Secret Cinema ha reso questo aspetto un extra opzionale per Guardiani della Galassia.

Pagando l'intera somma, entrerete in una sala di proiezione per vedere il secondo film con alcuni effetti di luce immersivi davvero solidi, ma potrete anche scegliere di partecipare all'esperienza immersiva e poi andarvene.

Riteniamo che, a conti fatti, sarebbe un errore: potersi sedere e vedere il mondo che si è esplorato in tutti i suoi dettagli è un ottimo modo per rafforzare ciò che si è fatto durante il tempo trascorso al suo interno, e anche un buon modo per rilassarsi.

Anche in questo caso, però, siamo un po' delusi dalla mancanza di extra coinvolgenti, al di là di una bella illuminazione. Sembra che siano finiti i tempi in cui gli attori mimavano i momenti chiave o i combattimenti, e mentre alcuni avrebbero potuto trovare questi momenti stupidi, a noi sono piaciuti molto.

Ciò significa che il film sembra più separato dall'esperienza, il che potrebbe essere parte dell'obiettivo, ma si tratta di un'attenuazione di un aspetto divertente e stravagante che le vecchie serie offrivano.

Tuttavia, la realtà è che, anche se in scala ridotta, c'è ancora un'alchimia unica in gioco quando ci si impegna adeguatamente per una serata con Secret Cinema. È come giocare a Dungeons and Dragons con un intero set, un cast e una troupe a disposizione per le vostre imprese, ed è divertente proprio come sembra.

Scritto da Max Freeman-Mills. Modifica di Britta O'Boyle.
Sezioni Disney TV