Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Netflix ha confermato che gli utenti di Apple TV non potranno godere delle nuove funzionalità interattive dellultima puntata di Black Mirror, Black Mirror: Bandersnatch, perché il set top box di Apple non supporta gli elementi di narrazione interattiva del nuovo episodio.

La notizia sarà senza dubbio sconvolgente per i clienti di Apple TV desiderosi di dare unocchiata allultimo episodio di Black Mirror.

Il nuovo episodio è ambientato nel 1984 e segue un giovane programmatore che inizia a mettere in discussione la realtà mentre adatta un romanzo fantasy tentacolare in un videogioco.

Il vantaggio però è che lo spettatore, come i videogiocatori, è responsabile della direzione successiva della storia con lepisodio che assume un formato "Scegli la tua avventura".

Nessun supporto per Apple TV

Ma sembra che quella svolta nel programma televisivo tradizionale non sarà disponibile per i possessori di Apple TV.

In una pagina di aiuto su Netflix, la società ha dichiarato che:

"I contenuti interattivi sono disponibili su molti dispositivi più recenti, tra cui smart TV, lettori multimediali in streaming, console di gioco e dispositivi iOS che eseguono lultima versione dellapp Netflix".

Prima di continuare a dire che:

"Al momento Chromecast, lapp Windows, i browser che utilizzano Silverlight e Apple TV non supportano i contenuti interattivi".

La nuova funzione di narrazione interattiva consente agli spettatori di fare delle scelte man mano che la storia si svolge, permettendoti di vedere molte versioni dello stesso programma TV.

Black Mirror è il primo spettacolo mainstream ad adottare la tecnologia.

Non è la prima storia interattiva

Fino ad ora Netflix ha scelto di utilizzare il nuovo meccanismo di narrazione, simile ai libri Fighting Fantasy degli anni 80 di Steve Jackson e Ian Livingstone, in spettacoli per bambini come Il gatto nel libro: Trappola in un racconto epico e Minecraft: Storia Modalità.

Netflix afferma che in alcuni casi gli utenti dovranno aggiornare la propria TV per assicurarsi che disponga dellultima versione dellapp e che se riesci a ottenere la versione "interattiva" dello spettacolo apparirà unicona speciale per farti sapere che è a disposizione:

"A volte è necessario un aggiornamento del dispositivo per garantire che la tua TV disponga dellapp Netflix più recente. Se non sei sicuro di come aggiornare il software di sistema sulla tua TV, puoi controllare il manuale del proprietario o contattare il produttore. Tieni presente che un aggiornamento lo fa non garantisce che il televisore sia compatibile con i contenuti interattivi."

Black Mirror: Bandersnatch è disponibile solo su dispositivi che supportano contenuti interattivi. Non è disponibile una versione lineare, aggiunge lazienda.

Se provi a guardare Black Mirror: Bandersnatch su un dispositivo che non supporta contenuti interattivi, ti verrà chiesto di passare a un dispositivo supportato.

Coloro che possono guardare lo spettacolo su un altro dispositivo saranno invitati a prendere decisioni mentre guardano. Sebbene allinizio sia banale come chiedere quale cereale mangiare, le domande diventano presto inquietanti chiedendoti se "Seppellire il corpo" o "Tagliarlo".

Né Apple né Netflix dicono perché non funziona

Abbiamo contattato Apple e Netflix per un commento per vedere se una correzione è imminente o se si tratta di qualcosa che non sarà disponibile per un po di tempo, ma nessuna delle due società ha fornito un motivo per cui la funzione Storia interattiva non funzionerà sul Apple TV, dato che dovrebbe trattarsi solo di un semplice aggiornamento dellapp.

La mossa significa che sarai in grado di guardare lo spettacolo più e più volte, e teoricamente vedere più trame che fanno credere ad alcuni commentatori che questo sia il futuro della visione della televisione.

Scritto da Stuart Miles.