Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Al giorno d'oggi, molti produttori di telefoni amano vantarsi del fatto che il loro dispositivo è il più competitivo nella sua fascia di prezzo, e spesso vediamo l'etichetta "miglior rapporto qualità-prezzo" sbandierata con poca attenzione.

Nel 2021, tuttavia, il sub-brand Poco di Xiaomi ha invertito la tendenza.

-

Con il Poco F3, l'azienda ha fornito un dispositivo di livello ammiraglia a circa la metà del prezzo, rendendolo probabilmente il miglior telefono di fascia media sul mercato.

Come si fa a dare seguito a un successo del genere? Questo è il compito del Poco F4.

Con lo stesso identico chipset dell'F3, tuttavia, migliora abbastanza le cose - o si tratta solo dello stesso telefono in un corpo diverso?

Il nostro parere veloce

Il Poco F4 offre essenzialmente la stessa esperienza del Poco F3, almeno per quanto riguarda le caratteristiche che contano. Con lo Snapdragon 870 e lo stesso vibrante display a 120 Hz sul lato anteriore, è difficile vedere un miglioramento davvero significativo.

Ciò che è cambiato è il design, ma, con il suo retro piatto e i bordi più piatti, Poco ha effettivamente rilasciato un telefono che non è così comodo da tenere in mano come il suo predecessore.

Comunque sia, se siete sul mercato per un telefono di fascia media e volete un dispositivo veloce, fluido e potente come un'ammiraglia, l'F4 rappresenta ancora un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Al posto nostro, però, risparmieremmo un po' di soldi e sceglieremmo il Poco F3.

Recensione di Poco F4: Ripetere e ripetere?

Recensione di Poco F4: Ripetere e ripetere?

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Prestazioni veloci e fluide
  • Batteria di grande durata e ricarica rapida
  • Display colorato e luminoso
  • Prezzo davvero competitivo per le prestazioni
Contro
  • La MIUI non è il software più efficiente
  • Non molto è migliorato rispetto al Poco F3
  • La fotocamera ultra-larga è notevolmente più debole della primaria

Design

  • 163,2 x 76 x 7,7 mm; 195 g
  • Vetro anteriore e posteriore, bordi in plastica
  • Resistente agli schizzi e alla polvere IP53
  • Colori Moonlight Silver, Night Black e Nebula Green

Uno degli aspetti che abbiamo preferito del Poco F3 è stato il design. Non era particolarmente appariscente, ma era comunque comodo da tenere in mano nonostante fosse una calamita per le impronte digitali un po' scivolosa. I bordi curvi lo facevano stare bene nel palmo della mano, alleviando alcuni dei soliti disagi che derivano dall'avere un telefono grande.

Per l'F4, tuttavia, Poco ha seguito la tendenza di rilasciare un dispositivo squadrato con bordi piatti. In questo modo, l'azienda ha eliminato parte del fascino del modello precedente, assicurando al contempo che si inserisse nel mercato degli smartphone, anziché distinguersi.

L'unità fotocamera sul retro è abbastanza ordinata, con un'unità quadrata che sporge da una base rettangolare, posizionata nell'angolo superiore sinistro del telefono. Come di consueto in questi giorni. Sia la parte anteriore che quella posteriore sono rivestite in vetro. In realtà, tutto ciò che riguarda il design di questo telefono può essere descritto come "abbastanza standard".

Ciò significa che il display occupa praticamente tutta la superficie frontale, con cornici sottili sui lati, una minuscola fotocamera a fori in alto e una cornice leggermente più spessa sul bordo inferiore.

Pocket-lintPoco F4 foto hardware 2

L'unità è relativamente robusta. Nonostante il telaio in plastica, la sensazione è solida e la classificazione IP53 garantisce la sopravvivenza a piccoli incidenti con l'acqua. Tuttavia, le dimensioni sono piuttosto grandi, il che rende un po' difficile raggiungere gli elementi vicini alla parte superiore dello schermo mentre lo si utilizza con una sola mano.

Per quanto riguarda i pulsanti e le porte, ha le basi, ma non tutto. Non c'è una porta per le cuffie, ad esempio, e non c'è nemmeno uno slot per schede microSD. Se ne avete bisogno o meno è un'altra questione, visto che viene fornito con 128 GB di memoria standard.

È presente un pulsante fisico per le impronte digitali integrato nel pulsante di sveglia/sleep sul lato. Come il suo predecessore, funziona bene. È rapido e reattivo per sbloccare il telefono e non abbiamo riscontrato tocchi accidentali o "fantasma" come con il Poco F4 GT.

Display e supporti

  • Display AMOLED da 6,67 pollici - 120 Hz - 1300 nit di picco
  • 1080 x 2400 - Supporto HDR10+ e Dolby Vision
  • Altoparlanti stereo

Per quanto riguarda i display, il pannello AMOLED Full HD del Poco F4 è molto buono, soprattutto per un dispositivo di questa fascia di prezzo. Non solo è luminoso - raggiunge picchi di 1300 nits - ma supporta anche una frequenza di aggiornamento fino a 120Hz e ha persino il supporto per HDR10+ e Dolby Vision. In breve: è un display molto dinamico.

Pocket-lintPoco F4 foto hardware 1

La cosa che ci ha subito colpito all'accensione è stata la luminosità e la vivacità del display. Inoltre, con una nitidezza di 395 pixel per pollice, è abbastanza nitido da non far vedere i singoli pixel.

In effetti, con questa combinazione di nitidezza, luminosità e contrasto, è comodamente uno dei migliori display nel mercato dei telefoni di fascia media. I colori sono vivaci e vibranti e gli elementi scuri sono molto scuri.

Parte della bellezza di questo display risiede tuttavia nelle impostazioni. La combinazione di colori predefinita è "Vivid", che a volte ha la tendenza a spingere alcuni colori un po' troppo in là con la saturazione. In particolare i rossi, gli arancioni e i rosa.

Tuttavia, se si accede alle impostazioni della combinazione di colori, è possibile regolare il pannello in base alle proprie preferenze. Fino a regolare il contrasto, la gamma e il bilanciamento del bianco. Quindi, se volete che i colori siano più vivaci, scegliete "Saturo". Altrimenti, è possibile scegliere "Colore originale" per un aspetto più tenue, oppure scegliere P3 o sRGB nelle opzioni "Avanzate".

Pocket-lintPoco F4 foto hardware 5

Questo è uno dei lati positivi di MIUI, la skin Android di Xiaomi, che viene caricata sopra Android 12. Questa skin software ha certamente le sue stranezze, e questo è un aspetto che abbiamo notato in altre recensioni di Xiaomi, Redmi e Poco quest'anno.

Non ha nulla a che vedere con il launcher "stock" del Pixel e introduce una serie di livelli non necessari, come l'ombra delle notifiche separata e il centro di controllo/impostazione rapida, oltre a richiedere insistentemente di provare la funzione carosello della schermata di blocco, che cambia lo sfondo nel corso della giornata.

Oltre all'ottimo display, sono presenti due altoparlanti: uno su entrambe le estremità del telefono. Questi si combinano per creare un audio stereo, anche se, come spesso accade, l'altoparlante sul bordo superiore non è così forte come quello sul bordo inferiore, e non è nemmeno così pieno.

Si tratta di un set di altoparlanti abbastanza decenti e sicuramente abbastanza rumorosi, ma mancano un po' nella gamma di frequenze per renderli davvero eccezionali.

Prestazioni e batteria

  • Chipset Snapdragon 870
  • 6GB, 8GB o 12GB di RAM, a seconda della regione
  • 128GB/256GB di memoria
  • Batteria da 4500 mAh - ricarica via cavo da 67 W

Il più grande dilemma di Poco al momento del lancio dell'F4 è stato quello di costruire un dispositivo migliore del precedente. Ma quando si tratta di velocità e potenza, l'azienda è rimasta un po' bloccata. Se non altro perché l'ultimo modello utilizzava il processore Snapdragon 870 e non esiste un successore di questo chipset nel 2022.

Pocket-lintPoco F4 foto hardware 9

Senza passare alle "vere" piattaforme di punta come l'888+ e l'8/8+ Gen 1 e senza invadere il mercato di fascia alta (e probabilmente rendendo il telefono più costoso), Poco poteva fare molto. Naturalmente, non si poteva nemmeno scendere alla serie 700 o 7 Gen 1. E così, ecco l'870.

Ciò significa, senza sorpresa, che le prestazioni e la velocità del telefono sono praticamente identiche a quelle del suo predecessore. Non che questo sia un male: si tratta ancora di un dispositivo molto veloce e reattivo, in grado di caricare qualsiasi titolo di gioco senza troppi problemi. In effetti, in molte interazioni quotidiane, difficilmente si noterà una grande differenza tra questo e un telefono con Snapdragon 8 Gen 1 o Snapdragon 888.

5 motivi per cui dovreste acquistare il Google Pixel 6a

Inoltre, significa che avrete a disposizione una potenza maggiore rispetto a quella che avreste acquistando un telefono di prezzo simile di un concorrente. I telefoni della serie Galaxy A di Samsung non sono in grado di funzionare così rapidamente e il Nothing Phone (1) ha un processore di livello inferiore.

Pocket-lintPoco F4 foto hardware 13

Un telefono che probabilmente è paragonabile è il OnePlus Nord 2T, alimentato da MediaTek Dimensity 1300 , che ha un approccio simile alla velocità e alla fluidità, ma è un po' più costoso.

Inoltre, non si riscalda eccessivamente sotto carico, come accade con alcuni dispositivi. Anche dopo 15-20 minuti di gioco costante, abbiamo sentito solo un leggero riscaldamento, e questo durante uno dei giorni più caldi dell'anno nel Regno Unito.

Se c'è un aspetto della scheda tecnica che si può indicare come oggettivamente migliorato rispetto all'F3, è la batteria e la ricarica. Più tecnicamente, la velocità di ricarica. La capacità della batteria è scesa da 4520 mAh a 4500 mAh, ma la velocità di ricarica è praticamente raddoppiata.

Con il suo caricatore a filo da 67 W, è possibile ricaricare completamente una batteria vuota in circa 38 minuti. E, come la maggior parte delle tecnologie di ricarica rapida, il grosso viene fatto nei primi 15-20 minuti.

Pocket-lintPoco F4 foto hardware 12

È il tipo di velocità che consente di ricaricarlo quando si vuole, anziché caricarlo ogni sera per abitudine. Basta collegarlo quando è scarico e riprenderlo mezz'ora dopo per avere più di un giorno di utilizzo.

Inoltre, dura comodamente un'intera giornata. Se la maggior parte del tempo trascorso sullo schermo in una giornata passa attraverso i nostri soliti movimenti di scorrimento su Twitter, chattare su Slack, leggere le notizie, guardare qualche breve video e giocare un po', finiremo la giornata con una percentuale di consumo compresa tra il 35 e il 45%.

Fotocamere

  • Sistema a tre fotocamere sul retro
  • 64MP primaria; 8MP ultrawide; 2MP macro

Dal punto di vista del prezzo, si tratta di un telefono di fascia media, il che significa che la disposizione delle fotocamere è piuttosto standard: un buon fotografo primario si affianca a un ultrawide non così buono e a una macro a bassa risoluzione che serve soprattutto a far quadrare i conti.

In particolare, la fotocamera principale ha un sensore da 64 megapixel, che riduce i pixel a 16 megapixel, combinando quattro pixel per farne uno. E, per quanto riguarda le fotocamere, è più che in grado di produrre ottimi scatti.

Non ha problemi a mettere insieme immagini nitide, colorate e di bell'aspetto all'esterno, con una buona luce diurna. I colori sono un po' vivaci, ma non si spingono troppo in là nel regno dell'iperrealtà. Tuttavia, il contrasto e l'effetto HDR sono piuttosto spinti. Ma, d'altra parte, questa è una tendenza di tutti i produttori di smartphone.

Ciò significa che non si otterranno luci eccessive e che anche le aree più scure di una scena con un cielo o un controluce luminosi mostreranno colore e dettagli. A volte le parti molto scure dell'immagine risultano un po' troppo pesanti e schiacciate, ma non è un aspetto negativo.

Le difficoltà del sensore si riscontrano quando i livelli di luce si abbassano un po'. Lontano da fonti di luce intensa, abbiamo iniziato a vedere il rumore insinuarsi, in particolare nelle ombre.

L'ultrawide fatica ancora di più a bilanciare le parti chiare e scure dell'immagine. Alcune aree più chiare risultano sovraesposte e prive di dettagli, mentre le aree più scure risultano troppo scure e in ombra, soprattutto in situazioni di scarsa illuminazione o in interni. Anche i colori e i dettagli sono carenti, dando a volte un'immagine piuttosto ruvida e piatta.

Anche in questo caso, però, in piena luce diurna, l'ultrawide vi darà un'immagine più che accettabile per la condivisione, con colori e contrasto ricchi.

Per ricapitolare

Nella maggior parte degli aspetti misurabili, è cambiato ben poco rispetto al Poco F3. In effetti, l'hardware è praticamente lo stesso, tranne che per il fatto che è stato inserito in un nuovo corpo. Tuttavia, per il prezzo a cui viene venduto questo telefono, è molto improbabile trovare qualcosa di altrettanto veloce e con un display altrettanto buono. Il rapporto qualità-prezzo è ancora eccezionalmente buono.

Scritto da Cam Bunton. Modifica di Conor Allison.