Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Negli ultimi anni gli smartphone di punta sono diventati molto costosi. Alcuni dei modelli più famosi hanno prezzi alle stelle e anche i dispositivi di produttori un tempo accessibili come OnePlus stanno sfornando telefoni più costosi che mai.

Per fortuna, se volete un'ammiraglia potente e non avete soldi a sufficienza, c'è un'alternativa ai nomi noti: Realme.

In poche parole, il telefono di punta dell'azienda - il Realme GT 2 Pro - offre tutta la velocità e la potenza che ci si aspetta da un dispositivo di alto livello, ma senza il prezzo di listino.

Ci sono però dei compromessi da accettare o è un'opzione perfetta per chi vuole un potente Android a prezzi accessibili?

L'abbiamo messo alla prova per scoprirlo.

Il nostro parere veloce

A prima vista, è lecito pensare che non si possa costruire un telefono di serie senza scendere a compromessi. Questo è certamente il caso del Realme GT 2 Pro, ma, nel complesso, si tratta di un dispositivo che ottiene la maggior parte degli aspetti chiave.

Combinando un ottimo software, un display brillante, prestazioni da ammiraglia, velocità di ricarica e un ottimo design, si ottiene uno smartphone fantastico in tasca.

Realme potrebbe non essere un produttore di telefoni con cui avete molta familiarità e il GT 2 Pro, di conseguenza, non è necessariamente un telefono che avete considerato di acquistare. In base alla nostra esperienza, però, dovrebbe esserlo.

Non troverete un telefono migliore a questo prezzo. E, in effetti, se avere fotocamere di alto livello non è la vostra priorità, questo è un telefono che vi consigliamo assolutamente.

Recensione di Realme GT 2 Pro: Macchina turbo verde menta

Recensione di Realme GT 2 Pro: Macchina turbo verde menta

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Prezzo molto competitivo per le specifiche/prestazioni
  • Design sottile e pratico
  • Software leggero e personalizzabile
  • Ottimo display
Contro
  • Alcuni blocchi nel caricamento dei dati
  • La fotocamera Ultrawide potrebbe essere migliore

squirrel_widget_6656814

Design

  • Dimensioni: 163,2 x 74,7 x 8,2 mm
  • Peso: 189 g

Con il GT 2 Pro, Realme ha voluto provare qualcosa di diverso. Una motivazione era quella di realizzare un telefono più rispettoso dell'ambiente e l'altra, presumibilmente, era quella di creare qualcosa che si distinguesse dall'oceano dei rettangoli di vetro.

Sebbene possano esserci ragioni ambientali per scegliere un materiale simile alla carta sul retro, le affermazioni di Realme di essere più attento al pianeta sembrano un po' ridicole se si pensa a quanti modelli di telefono l'azienda lancia ogni anno e a quanto frequentemente aggiorna i modelli esistenti.

Infatti, al momento in cui scriviamo, da quando il GT 2 Pro è stato annunciato per la prima volta nel gennaio 2022, Realme ha annunciato 22 nuovi modelli di telefono. È quindi lecito supporre che il retro in carta plastificata del GT 2 Pro non faccia altro che ridurre al minimo i suoi sforzi ambientali. E questo lo fa sembrare un po' un esercizio di spunta, o solo un modo per tentare di invogliare gli acquirenti attenti all'ambiente ad acquistare il telefono.

A parte il cinismo, la scelta di questo retro ispirato alla carta, più ecologico, presenta un vantaggio per l'utente: è incredibilmente pratico e, in questa versione "Paper Green" (essenzialmente un morbido verde menta), ha un aspetto fantastico.

La superficie testurizzata non solo facilita la presa, ma anche la possibilità di non scivolare dai mobili o dalle tasche. E dal punto di vista del comfort, è uno dei telefoni più piacevoli da tenere con due mani mentre si scrive un messaggio che abbiamo testato da molto tempo. Ciò è dovuto in parte ai lati sottili di 8,2 mm e ai bordi curvi, oltre alla relativa leggerezza del telefono. Per essere un telefono grande, è straordinariamente agile.

Se dovessimo descrivere l'intera filosofia di design in una sola parola, sarebbe "pratico". Tutto in questo telefono è privo di fronzoli, sensato e senza decisioni inutili. Il display frontale è completamente piatto e consente di digitare facilmente senza che le curve intralcino o producano tocchi accidentali.

Sia il tasto wake/sleep che il bilanciere del volume, posti ai lati opposti del telaio, sono posizionati in modo da essere facilmente raggiungibili con il pollice destro o sinistro. Nonostante la leggerezza, il telaio in alluminio, con una sobria finitura anodizzata verde, è robusto e stabile. Inoltre, è resistente agli schizzi.

Si può dire con certezza che se avete una delle finiture "carta", non avrete bisogno di una custodia, e questo vi fa risparmiare sia costi aggiuntivi che la necessità di avere un dispositivo ancora più ingombrante in mano o in tasca.

Display e software

  • Display LTPO2 AMOLED da 6,7 pollici
  • Risoluzione 1440 x 3216; 526 pixel per pollice
  • 120Hz di aggiornamento adattivo; HDR10+; 1400 nits di picco
  • Realme UI 3.0, Android 12

Quello che spesso si trova negli smartphone che cercano di ridurre i costi per mantenere i prezzi competitivi è un display Full HD, o un display non all'altezza delle specifiche dei modelli premium.

Con il Realme GT 2 Pro, però, non è così. Si tratta di un display Quad HD con l'ultimo pannello di tipo LTPO per una frequenza di aggiornamento fluida e variabile fino a 120 Hz e una luminosità di picco di 1400 nit. Ha tutto, ed è piatto, il che, a nostro avviso, è un vantaggio.

Come abbiamo riscontrato con alcuni altri modelli di telefoni di punta, la risoluzione più alta non è abilitata per impostazione predefinita. Al contrario, il telefono è impostato su Full HD per risparmiare batteria e mantenere la velocità anche sotto carico. Tuttavia, se lo si desidera, è possibile cambiare e selezionare la risoluzione completa di 1400 x 3216.

Per la maggior parte, non ne abbiamo visto la necessità. Infatti, lo abbiamo provato per la prima settimana con la risoluzione inferiore Full HD+ e non abbiamo avuto alcun problema. Inoltre, l'autonomia della batteria è stata più che soddisfacente.

Tuttavia, se vi piace che tutto appaia nitido e spesso avete il telefono più vicino al viso che alla distanza di un braccio e vi piace che appaia estremamente nitido, vi piacerà l'aspetto con la risoluzione completa attivata. Infatti, mentre è difficile capirne la necessità a distanza di un braccio, è qualcosa che si nota quando è un po' più vicino, o quando si osservano dettagli e curve sottili.

In termini di colore, contrasto e luminosità, è all'altezza dei migliori. È un ottimo schermo per guardare qualsiasi tipo di contenuto. Che si tratti di sfogliare foto o di guardare i propri programmi preferiti in HDR, è in grado di soddisfare le esigenze. Anzi, è più che sufficiente. È luminoso, vibrante e ricco di contrasto. È davvero l'ideale.

Ora, ufficialmente, Realme non è un sottomarchio di Oppo, proprio come non lo era OnePlus (fino al 2021). Tuttavia, fa parte dello stesso gruppo, e questo significa che vedremo delle somiglianze nella tecnologia hardware e nel software. Come gli ultimi telefoni di Oppo, il dispositivo utilizza un sistema basato su Android 12, ma con la skin Realme UI 3.0 in cima.

Offerte Apple iPhone 13: Scopri dove trovare le migliori offerte sugli smartphone più recenti

Non è identico a ColorOS, ma, come OxygenOS, si basa molto sul software Android di Oppo e condivide più di qualche somiglianza. Ma questo non è un male: ci sono molte cose da apprezzare.

Per prima cosa, è molto leggero in termini di bloat e applicazioni ridondanti. Non troverete Realme che cerca di spingere le proprie applicazioni per il telefono, i messaggi o la posta elettronica come potrebbe fare Samsung, né troverete molte applicazioni aggiuntive per le quali non riuscireste mai a trovare un uso. Si attiene alle impostazioni predefinite di Google per la maggior parte delle cose importanti.

È anche piuttosto leggera e ottimizzata per garantire una sensazione di velocità e reattività in ogni momento, indipendentemente dalla parte dell'interfaccia con cui si interagisce. Inoltre, l'opzione "Personalizzazioni" nel menu delle impostazioni consente di accedere facilmente a qualsiasi parte dell'esperienza e di modificarla secondo le proprie preferenze. Che si voglia cambiare lo stile del display always-on, personalizzare le dimensioni e la forma delle icone o scegliere un nuovo sfondo o un colore d'accento, è tutto qui.

Prestazioni e batteria

  • Processore Snapdragon 8 Gen 1
  • 12 GB di RAM - 256 GB di memoria (altre varianti disponibili)
  • Batteria da 5000 mAh - ricarica rapida da 80 W (33 minuti di carica completa)

Se c'è un settore in cui il Realme GT 2 Pro si distingue davvero, a parte il display, è quello dell'hardware interno e delle prestazioni. Come tutti i telefoni più performanti, anche questo ha il processore di punta Snapdragon 8 Gen 1, molta RAM e una grande batteria, oltre alla ricarica rapida. Ha tutto.

Se si combinano il processore Snapdragon e la RAM da 12 GB (nell'unità del Regno Unito) con il display con aggiornamento a 120 Hz, si ottiene un telefono molto veloce. Non importa cosa si tenta di fare con questo telefono, lo farà senza problemi. Sia che si tratti della vostra dose giornaliera di Wordle, sia che si tratti di giocare a Call of Duty Mobile o a Mario Kart. Non c'è da aspettare: carica tutto all'istante e può affrontare molte ore di gioco senza nemmeno un balbettio.

Purtroppo non è stato tutto rose e fiori. In alcuni casi sembrava che i dati non volessero essere scaricati. Non sempre, e certamente non abbastanza frequentemente da poterlo definire "spesso" o addirittura ogni giorno, ma ci sono stati momenti con app come Twitter e Slack in cui il telefono sembrava non voler scaricare o aggiornare i dati.

Abbiamo provato anche con la SIM disinserita e la modalità aereo attivata per verificare se il telefono si confondeva tra cellulare e Wi-Fi, ma non ha fatto alcuna differenza.

Per quanto riguarda la durata della batteria, il chilometraggio varia a seconda dell'utilizzo, come sempre. Se siete giocatori accaniti, con tutte le prestazioni potenziate, la frequenza dei fotogrammi e la risoluzione al massimo, il telefono si scaricherà più rapidamente di chi utilizza principalmente i social media e la navigazione web.

Con il telefono alla risoluzione Full HD di default e con la frequenza di aggiornamento intelligente attivata, a volte abbiamo terminato la giornata con quasi il 50% di spazio residuo dopo 2-3 ore di schermo, per lo più con l'utilizzo di Twitter, Slack, Chrome e della fotocamera. E questo con uno smartwatch Huawei collegato e in grado di monitorare l'attività quotidiana in background in un'area 4G.

Con il Quad HD attivato e aumentando il tempo di gioco, abbiamo comunque riscontrato che la batteria non si scaricava completamente in un giorno, anche se si utilizzava la musica via Bluetooth per circa un'ora al giorno. Questo dovrebbe significare che anche gli utenti più esigenti nelle aree 5G dovrebbero arrivare comodamente dalla mattina alla sera senza doverlo collegare.

L'aspetto migliore di tutta la batteria è la velocità di ricarica. È un'altra area in cui Realme ha preso in prestito da Oppo. Viene fornito con un caricatore da 80W a marchio SuperDart. Si tratta, come è ovvio, dello stesso caricatore da 80 W presente sui telefoni Oppo e OnePlus più recenti. Ha solo un nome diverso.

Con questo caricatore, fornito nella confezione, è possibile passare da vuoto a pieno in poco più di mezz'ora. Con questa tecnologia abbiamo scoperto che anche se ci si dimentica di caricarla di notte, non è un problema. Basta caricarla quando è vuota. Un tempo di ricarica di 15 minuti è di solito sufficiente a ripristinare la batteria per quasi un giorno intero. In breve: con il GT 2 Pro non c'è ansia da batteria.

Fotocamere

  • Fotocamera primaria da 50MP f/1.8 con PDAF e OIS
  • Fotocamera ultralarga da 50MP f/2,2 a 150 gradi
  • Fotocamera a microscopio da 3MP

Fino a quando non si arriva alle fotocamere, praticamente tutto del telefono Realme grida "ammiraglia". E, in un certo senso, anche le fotocamere sono forti. Tuttavia, se c'è un'area in cui non è all'altezza dei telefoni più costosi, è proprio questa.

Anche solo dal punto di vista del layout di base, ci sono solo due fotocamere utili. C'è una terza fotocamera "a microscopio", ma, al di là di qualche ora di telefono, non è la più utile. Si tratta di una riproposizione della fotocamera presente nell'Oppo Find X3 Pro ed è difficile ottenere una buona ripresa.

Non è stabilizzata, ma, essendo una fotocamera per microscopio, deve trovarsi a una distanza specificamente ridotta dal soggetto per essere a fuoco. Inoltre, come sappiamo, quando si ingrandisce qualcosa a 40x, basta un piccolo movimento della mano per rovinare completamente lo scatto.

Per quanto riguarda le due fotocamere utili, sono entrambe da 50 megapixel. Sono disponibili una primaria/wide e una ultrawide. La prima è migliore della seconda, ma nessuna delle due è leader di mercato.

Con una buona luce diurna, è possibile ottenere scatti accattivanti con molti colori e contrasti. E per molte persone questo sarà sufficiente. Infatti, non fa fatica a scattare foto pronte per essere condivise sui social media.

È quando si guarda più da vicino che si iniziano a vedere i difetti, come la tendenza a gonfiare eccessivamente i colori. I verdi delle piante e dei paesaggi sono un po' troppo iperreali e il contrasto aumentato non aiuta certo le immagini a mantenere un certo realismo. Inoltre, quando si riprendono gli oggetti da vicino, la fotocamera crea automaticamente una pesante sfocatura dello sfondo che, da lontano, sembra perfetta. Ma se si guarda più da vicino, l'effetto è davvero innaturale.

Le riprese dei rossi, in particolare, si sono rivelate un problema maggiore rispetto a quelle dei verdi. Infatti, qualsiasi cosa si avvicinasse al rosso, come i fiori arancioni, il colore sarebbe stato così esagerato da perdere qualsiasi senso di dettaglio quando si scattava con la modalità automatica/default.

In situazioni di scarsa illuminazione, come in interni lontano da fonti luminose, abbiamo riscontrato un po' di rumore nelle immagini, in particolare nelle ombre. Questo aspetto era ancora più evidente nella fotocamera ultrawide che, ancora una volta, è abbastanza decente all'aperto. Tuttavia, è un po' più limitata. Non mette a fuoco gli oggetti più vicini e soffre della stessa elaborazione del colore dell'obiettivo principale. All'interno, o in condizioni di scarsa illuminazione, non tende ad essere all'altezza. È più sbiadito.

In realtà, le fotocamere hanno le basi giuste e in genere vi permetteranno di scattare foto decenti senza troppi sforzi. Tuttavia, se siete amanti delle immagini di qualità e della rappresentazione naturale dei colori e della profondità di campo, forse è meglio rivolgersi altrove.

squirrel_widget_6656814

Per ricapitolare

Che vi piaccia o meno il design, il GT 2 Pro di Realme ha molti aspetti positivi, dai componenti interni da flagship alle fotocamere capaci (e stravaganti). Forse non è il marchio più importante del momento, ma con un prezzo così alto è difficile non prestare attenzione a un'offerta molto valida, il tipo di concorrente di OnePlus che pochi sono riusciti a dominare.

Scritto da Cam Bunton. Modifica di Conor Allison.