Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Pochi telefoni possono essere considerati iconici. Il Motorola Razr, tuttavia, è uno di questi. È stato il dispositivo che ha consacrato il flip phone come un pezzo di tecnologia davvero memorabile. E quasi 15 anni dopo l'originale, il telefono Razr è tornato per una nuova generazione.

Il lancio di questo nuovo Motorola ha suscitato molto scalpore. Non solo dimostra la tendenza dell'azienda a orientarsi verso un mercato più premium, ma presenta da solo alcune idee di design creativo che altri non hanno ancora implementato con successo.

Ma è solo nostalgia o il nuovo Motorola Razr è davvero il re dei telefoni pieghevoli? Abbiamo messo le mani sul nuovo telefono in occasione dell'evento di lancio di Los Angeles per capire il motivo di tanto clamore.

squirrel_widget_171243

Il nostro parere veloce

La reimmaginazione del Razr circa 15 anni dopo l'originale non è solo un gioco di nostalgia, è un telefono flip completamente formato con tutta una serie di caratteristiche divertenti e funzionali.

Certo, il processore non è il migliore in circolazione, le fotocamere non sono una caratteristica particolarmente importante, e la durata della batteria potrebbe essere discutibile (non possiamo ancora dirlo con certezza).

Ma per noi il Razr 2019 è il telefono pieghevole più completo fino ad oggi, uno che affronta i problemi con le pieghe dello schermo e la qualità costruttiva in modo adeguato e convincente. Preferiremmo intascare questo rispetto alle soluzioni Samsung o Huawei ogni giorno della settimana.

In effetti, il Razr potrebbe essere il telefono più eccitante da lanciare nel 2020 - e questo prima ancora di essere entrati in quell'anno. Quindi bentornata in serie A ancora una volta, Motorola.

Il Motorola Razr sarà disponibile per il pre-ordine dal 26 gennaio 2020, al prezzo di 1499,99 dollari (o 62,49 dollari al mese con un contratto di 24 mesi di Verizon) negli Stati Uniti, con una data di uscita il 4 febbraio. Nel Regno Unito i pre-ordini iniziano il 22 gennaio, il telefono è un'esclusiva di EE (una gamma di piani disponibili da 94-104 sterline al mese), con una data di rilascio del 19 febbraio.

Recensione iniziale del Motorola Razr (2019): E' un flip per essere quadrato

Recensione iniziale del Motorola Razr (2019): E' un flip per essere quadrato

Pro
  • Innovativa configurazione a doppio schermo
Contro
  • Prezzo elevato

squirrel_widget_171243

Cos'è un flip phone?

  • Design a conchiglia pieghevole con meccanismo a cerniera brevettato
  • Struttura in acciaio inossidabile e vetro
  • Scanner di impronte digitali nella sezione "mento
  • Spessore inferiore a 14 mm

Se pensate a qualsiasi smartphone che avete avuto in tasca negli ultimi dieci anni, molto probabilmente si trattava di una soluzione a schermo singolo. Si tratta di un approccio abbastanza logico per visualizzare su uno schermo ciò di cui si ha bisogno. Ma nel corso degli anni le dimensioni di questi dispositivi, a causa degli schermi più grandi, si sono ingrandite fino a raggiungere proporzioni a volte mastodontiche.

L'idea dei display flessibili, quindi, e le offerte attuali scelgono di raddoppiare le dimensioni dello schermo - c'è il Samsung Galaxy Fold e il Huawei Mate X - creando una scala più simile a quella di un tablet che si ripiega nelle normali proporzioni di un telefono. Questo non risolve il problema dell'espansione dello spazio dello schermo.

Il Motorola Razr ribalta essenzialmente questo concetto (anche se è già stato fatto in passato): questo design a conchiglia è di fatto un telefono di dimensioni dimezzate, che si ribalta (da qui il nome) in un dispositivo completamente formato. Poiché utilizza un display POLED (ovvero OLED in plastica), non c'è bisogno di due schermi: si tratta di un unico pannello, flessibile e che si piega al centro senza lasciare pieghe (e non lo fa davvero - l'abbiamo osservato da vicino da tutte le angolazioni per cercare di individuarlo).

C'è un motivo per l'assenza di pieghe. A differenza degli altri dispositivi con display flessibile, il Motorola utilizza un telaio in acciaio inossidabile che garantisce un montaggio a filo. C'è anche un meccanismo di cerniera proprietario che vede le piastre mobili scorrere in posizione dietro lo schermo, mantenendo rigidità e forma. Il fatto che lo schermo sia tenuto al suo posto più di altri dispositivi flessibili dovrebbe significare che non si formano le temute pieghe, secondo la teoria.

Motorola non dice quante volte ha testato questo meccanismo di piegatura, ma solo che ritiene che due anni di utilizzo da parte di un utente normale non costituiranno un problema. Inoltre, un rivestimento nano è stato progettato per garantire che lo schermo non possa essere esposto agli elementi - un problema che Samsung ha riscontrato con il suo primo dispositivo Fold - per assicurare che non si verifichino rotture dello schermo.

Il Razr non si limita però a un solo schermo, ma dispone di un cosiddetto Quick Display sulla parte anteriore per le notifiche e le interazioni a colpo d'occhio. Proprio come nel modello originale, è possibile rispondere a una chiamata aprendo il telefono (o riagganciarlo chiudendolo, che soddisfazione quando si riceve una chiamata di spam), o intrattenere una serie di altre attività, come le e-mail, la musica e tutte le tipiche funzioni supportate da Google. Se vedete qualcosa di urgente, potete passare alla modalità a schermo intero aprendo il Razr.

Un piccolo inconveniente, tuttavia, è che l'apertura del telefono è un po' complicata. Non è difficile, ma non è altrettanto elegante trovare una fessura in cui infilare il dito per aprirlo. Tuttavia, si chiude con uno scatto soddisfacente. Inoltre, non c'è un pulsante di blocco o un'altra seccatura che possa intralciare l'operazione: siete liberi di aprire e chiudere questo telefono a vostro piacimento, probabilmente con una frequenza da fidget-spinner.

Pocket-lintMotorola Razr Review clamshell seconda immagine dello schermo 3

Nella sua forma chiusa, lo spessore di 14 mm del Razr potrebbe sembrare piuttosto pesante, ma è ancora perfettamente tascabile. Se lo aprite, però, lo spessore non si riduce, perché la parte del telefono che ricorda il dispositivo originale rimane alla base, dove si trova il lettore di impronte digitali.

All'inizio pensavamo che il mento avrebbe reso difficile l'utilizzo dei tasti Android sullo schermo o del sistema One Button Nav di Moto. Tuttavia, dopo averlo usato, non è così: tutto sembra naturale e non c'è nulla che intralci. Neanche il tasto scanner supporta intenzionalmente l'input gestuale, il che significa che si deve ricorrere allo schermo stesso.

Pocket-lintMotorola Razr recensione immagine 3

Certo, questo design ha un certo fascino nostalgico, ma non è un fattore di forma che esiste solo per questo motivo. Si tratta di un design funzionale, che si distingue, che sembra diverso, ma non per le ragioni sbagliate. Se detestate l'idea di un movimento fisico aggiuntivo per accedere all'esperienza a schermo intero, il Razr probabilmente non fa per voi. Ma se siete il tipo di persona che graffia lo schermo del telefono, allora pensate al vantaggio: lo schermo, ripiegato su se stesso, si protegge da solo, evitando graffi e imperfezioni.

Due schermi sono meglio di uno?

  • Schermo principale: 6,2 pollici POLED (OLED in plastica)
    • 2142 x 876 pixel, formato 21:9
  • Schermo anteriore: 2,7 pollici GOLED (OLED in vetro)
    • 800 x 600 pixel, formato 4:3

Tuttavia, il POLED ha un problema intrinseco: è rivestito in plastica e, quindi, riflettente. Si potrebbe pensare che qualsiasi schermo rivestito in vetro sia altrettanto negativo, ma il display principale del Razr ha una certa qualità che, in presenza di una forte luce direzionale, cattura davvero la luce. Non è imperdonabile, naturalmente, ma è solo una caratteristica di questi dispositivi.

Le migliori offerte telefoniche del Black Friday 2021: Samsung, OnePlus, Nokia e altro

Pocket-lintMotorola Razr Review clamshell seconda immagine dello schermo 7

Il pannello da 6,2 pollici si attiva rapidamente all'apertura, ha un'ampia luminosità (abbiamo dovuto abbassarla per cercare di bilanciare le foto che vedete in questo stesso articolo) e la risoluzione non è così bassa come potrebbe sembrare sulla carta.

Lo schermo principale del Razr non ha la stessa quantità di pixel di molte ammiraglie, ma il rapporto d'aspetto 21:9 significa che non è altrettanto ampio, quindi non bisogna dare troppa importanza a questo aspetto: avrete tutti i dettagli di cui avete bisogno, senza l'effetto negativo di un rapido esaurimento della batteria che un display troppo risoluto rischierebbe di provocare.

Pocket-lintMotorola Razr recensione immagine 9

Che dire del secondo schermo sul lato anteriore? Chiamato Quick Display, questo pannello GOLED (Glass OLED, prodotto da Samsung) è piuttosto piccolo, ma perfettamente chiaro. È come un display sempre attivo che offre maggiori possibilità di interazione. È anche possibile controllare quali notifiche vengono visualizzate qui, in base alle singole applicazioni, per garantire che le cose non siano troppo impegnative.

Quando arriva una notifica, è possibile premere e tenere premuta l'icona bianca corrispondente per visualizzarla in anteprima, quindi scorrere verso l'alto per caricarla completamente sul Quick Display, per eseguire alcune funzioni (come la chiusura delle e-mail) o per espandere l'esperienza a schermo intero capovolgendo il telefono (come la risposta alle e-mail).

È un modo davvero efficace per ridurre l'eccesso di notifiche. Pensate a uno smartwatch incorporato nella parte anteriore del telefono, senza la necessità di indossarne uno al polso, con la possibilità di visualizzare le notifiche importanti e i controlli a cui potete rispondere come meglio credete.

Pocket-lintMotorola Razr Review clamshell seconda immagine dello schermo 2

La domanda principale, ovviamente, è se ci sia davvero bisogno di due schermi. Tenere il telefono chiuso per la maggior parte del tempo contribuirà alla durata della batteria, inoltre, nella posizione ripiegata a conchiglia, il fattore di forma è abbastanza piccolo da poter essere infilato anche nel taschino di una camicia. Anche l'apertura del telefono non è una seccatura, né una novità destinata a diventare noiosa. È solo un formato funzionale di Razr. E questo ci piace.

Specifiche hardware, previsioni sulle prestazioni

  • Processore Qualcomm Snapdragon 710, 6 GB di RAM
  • Batteria da 2510 mAh (combinata)
  • Ricarica rapida TurboPower da 15W
  • Solo eSIM, 128 GB di memoria

Con tutta questa ingegneria, però, ci deve essere una sorta di compromesso. Nel caso del Razr, questo compromesso può essere considerato in due modi: il processore è un Qualcomm Snapdragon 710 di medio peso, non l'ultimo e più potente sul mercato, mentre la batteria da 2510 mAh ha una capacità notevolmente inferiore a quella di molte ammiraglie.

Pocket-lintMotorola Razr recensione immagine 6

Il fatto è che c'è un senso di equilibrio in questo: lo schermo più piccolo, attivo anziché principale, non pesa sulla batteria; il processore di medio peso non dovrebbe surriscaldare le cose; la risoluzione è sul sicuro; e poiché l'OLED è un sistema di illuminazione pixel per pixel, è più delicato sul consumo rispetto a un pannello LCD. Tutto ciò dovrebbe favorire la durata della batteria, invece di renderla un fattore completamente da buttare. Se il Razr supera il recente Google Pixel 4, allora è sulla strada giusta.

La batteria è in realtà composta da due celle. Il design lo impone, con una sezione più grande nella parte inferiore del telefono e l'altra dietro la parte superiore dello schermo. Motorola ha dedicato molto tempo a garantire un punto di equilibrio logico per il telefono, in modo che non risulti appesantito dalla sezione superiore o inferiore una volta aperto. È una scelta ben ponderata. Tuttavia, la presenza di due celle non consente una ricarica più rapida rispetto alla norma: si tratta di una soluzione di ricarica rapida da 15W.

Pocket-lintMotorola Razr Recensione dettagli immagine 7

Per quanto riguarda la potenza di elaborazione, non crediamo che l'uso dello Snapdragon 710 sia un grosso problema. Recentemente abbiamo visto lo Xiaomi Mi Note 10 utilizzare un processore simile (il 730G) senza che le prestazioni ne risentissero in modo significativo. La differenza è che lo Xiaomi ha una fotocamera ultra-resistente, mentre il Motorola è più conservativo in questo settore, quindi non c'è nulla sul fronte hardware che possa far fallire questo flip phone.

Dato il design, non c'è un vassoio SIM e, quindi, nemmeno un'espansione microSD. È solo eSIM - Verizon negli Stati Uniti al momento del lancio, non si sa ancora se la situazione cambierà in futuro - e dovrete accontentarvi di 128 GB di memoria flash per tutti i vostri file, che è appena sufficiente per la maggior parte delle persone.

Pocket-lintMotorola Razr Recensione dettagli immagine 6

Per quanto riguarda il software, Motorola ha mantenuto la sua linea con il recente utilizzo di un sistema operativo Google Android quasi stock. Detto questo, con l'implementazione del secondo schermo, questo telefono fa ovviamente le cose in modo diverso rispetto a una tipica soluzione a schermo singolo. Tuttavia, la questione è affrontata nel modo più semplice, con l'applicazione Moto dedicata che offre alcune opzioni aggiuntive per il display e una sezione Razr Tips creata di recente per aiutare a risolvere eventuali anomalie.

Fotocamera: Un asso o un ripensamento?

  • Fotocamera da 16MP, apertura f/1.7 (che si trasforma in fotocamera per selfie e fotocamera principale)
  • Fotocamera interna da 5MP (per lo sblocco del volto e la visualizzazione attenta)

Una specifica curiosa è la configurazione della fotocamera del Motorola Razr, piuttosto ridotta. L'obiettivo principale, che sporge leggermente dal corpo, ospita un sensore da 16 megapixel. Non è che manchi di risoluzione, ma con la serie Moto One che spinge le configurazioni delle fotocamere all'ennesimapotenza, è una sorpresa non vedere nel Razr qualcosa di più significativo, come una soluzione da 48 megapixel(come si può trovare in un telefono a un terzo del prezzo).

Pocket-lintMotorola Razr Recensione dettagli immagine 3

Abbiamo fatto domande a Motorola su questa scelta di specifiche e la risposta è stata che per il Razr si tratta di trovare il "giusto equilibrio", con il "design come prima decisione" a causa dell'"architettura ingegneristica [che] significa che la cerniera occupa molto spazio". Una soluzione a più alta risoluzione, o un'unità con stabilizzazione ottica, sarebbe fisicamente più grande e richiederebbe più spazio, e senza molto spazio a disposizione, sospettiamo che sarebbe destinato ad aumentare la batteria (anche se la parte inferiore del mento è stata dedicata a una camera acustica per migliorare la resa sonora).

Non possiamo ancora pronunciarci sulla qualità della fotocamera, avendola utilizzata solo per un paio di scatti nell'area demo del sito di lancio. Poiché la fotocamera principale si trova all'esterno, tuttavia, può fungere anche da fotocamera interna per i selfie quando il telefono è aperto, rendendolo una sorta di soluzione due in uno. A questo proposito, è presente anche una fotocamera interna da 5 megapixel, utilizzata soprattutto per lo sblocco del volto e per tenere acceso il display (quando il display attento è attivato nell'app Moto).

Pocket-lintMotorola Razr Recensione dettagli immagine 4

In definitiva, non otterrete la più ampia gamma di funzioni che molte delle attuali ammiraglie offrono qui. Non c'è un obiettivo ultragrandangolare, non c'è uno zoom e non ci sono troppe funzioni aggiuntive. Tuttavia, è disponibile la modalità Night Vision, che aiuta a scattare foto in condizioni di scarsa illuminazione, un aspetto che altri telefoni Moto One hanno gestito discretamente bene negli ultimi tempi.

Per ricapitolare

Il pieghevole più impressionante fino ad oggi si presenta sotto forma di conchiglia. La reimmaginazione del Razr circa 15 anni dopo l'originale non è solo un gioco di nostalgia, però, è un telefono flip completamente formato con schermo OLED flessibile, insieme a un secondo display Quick View sul davanti. La fotocamera e la durata della batteria potrebbero essere discutibili però - dovremo aspettare e vedere.

Scritto da Mike Lowe. Modifica di Adrian Willings.