Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Il Moto G è noto da tempo come il telefono economico da battere. Per il 2018 ha cambiato volto, dilettandosi in una finitura più premium per la serie. Anche la gamma si è ampliata, con il G6 Play a batteria grande e il G6 Plus più potente che si uniscono al modello standard come trio.

Abbiamo già recensito il Moto G6 , che abbiamo trovato impressionante nel suo nuovo aspetto, ma che non ha la batteria di fascia alta e le prestazioni da abbinare. Il G6 Plus, tuttavia, aumenta le prestazioni nel reparto di alimentazione con un chipset più resistente, espandendo allo stesso tempo lo schermo a 5,9 pollici e aumentando anche la capacità della batteria.

Il più grande Moto G è la soluzione perfetta, quindi, migliorando tutte quelle aree in cui il suo fratello economico non fornisce il 100%?


Il nostro parere veloce

Il Motorola Moto G6 Plus è il migliore della serie G, rappresentando un notevole cambiamento per la serie e spingendosi verso il premium.

Detto questo, troviamo un po di confusione la presenza di tre diversi telefoni (G6 Play, G6 e G6 Plus). Anche il Plus è poco più grande del G6 standard, il che sembra unoccasione mancata. E la potenza disponibile può essere trovata a un prezzo inferiore nel Nokia 6, il che mette il Plus in una posizione difficile per alcuni aspetti.

Preso in isolamento, tuttavia, il G6 Plus offre in abbondanza. Cè una doppia fotocamera, una ricarica rapida, uno schermo con proporzioni 18: 9, un moderno design in vetro, uno scanner di impronte digitali e una durata della batteria decente per lavvio (molto meglio del G6, abbiamo trovato). Laumento di potenza rispetto allo standard G6 mette anche questo telefono in una posizione molto più comoda.

Alternative da considerare

Pocket-lintOnore 9 immagine 1

Onore 9

Potrebbe essere più piccolo e circa £ 10 più costoso, ma il più potente telefono Honor dispone anche di doppia fotocamera e, per i nostri soldi, una finitura ancora più emozionante. Questo è ciò che Moto deve affrontare, quindi se vuoi una maggiore potenza, questa è unopzione saggia da prendere.

Leggi larticolo completo: recensione Honor 9

Recensione Motorola Moto G6 Plus: un grosso problema?

Recensione Motorola Moto G6 Plus: un grosso problema?

4.0 stelle
Pro
  • Laspetto premium aggiorna la serie
  • La serie G più potente offre le prestazioni migliori
  • Inning di durata della batteria solidi
  • Slot per schede microSD espandibile
  • Scanner di impronte digitali funziona bene
Contro
  • Concorrenti simili sono più economici (Nokia 6) o offrono più potenza (Honor 9)
  • Schermo appena più grande di G6
  • Proposta confusa di tre telefoni (Play e Plus)

squirrel_widget_144250

Le migliori offerte Moto G6 Plus


Design

  • Retro in vetro 3D, rivestimento resistente agli schizzi utilizzato nella produzione (nessuna classificazione IP ufficiale)
  • Colori (varia in base alla regione): blu sterling, blu indaco, argento, oro fino
  • Jack per cuffie da 3,5 mm, scanner di impronte digitali frontale
  • Slot per schede microSD, doppia SIM (a seconda della regione)

Il Moto G6 Plus ha lo stesso aspetto del G6, le sue dimensioni maggiori non sono particolarmente evidenti a occhio o quando si tiene in mano.

Pocket-lintImmagine recensione Motorola Moto G6 Plus 2

Sebbene il G6 Plus non abbia un vero prezzo economico, la sua finitura sembra un gradino sopra il suo prezzo richiesto di £ 280. Non cè plastica da vedere da nessuna parte, nessun retro rimovibile, nessun colore aggiuntivo o espedienti. Laspetto premium del retro in vetro assomiglia molto a una versione ridotta del Moto X4 , comprese le doppie fotocamere circolari dallaspetto leggermente strano.

Cè anche una cover trasparente per il telefono inclusa nella confezione per evitare danni indesiderati, anche se abbiamo preferito lasciare la parte posteriore blu lucida esposta per il massimo impatto visivo.

Laspetto premium del Plus è abbinato ad alcune funzionalità premium: una porta USB-C significa che è possibile la ricarica rapida (anche se qui non cè la ricarica wireless), cè un jack per cuffie da 3,5 mm, mentre è disponibile uno slot per schede microSD per espandere i 64 GB su -memoria sulla scheda (insieme a due slot per schede SIM).

Cè anche uno scanner di impronte digitali frontale, che presenta un logo scritto Motorola sopra di esso. Riteniamo che il logo avrebbe potuto essere abbandonato per schiacciare il fattore di forma del telefono con una cornice inferiore più piccola per un aspetto ancora più raffinato. Tuttavia, non stiamo mettendo in dubbio la funzionalità dello scanner, poiché ha funzionato ogni volta senza problemi.

Pocket-lintImmagine recensione Motorola Moto G6 Plus 7

Cè anche il riconoscimento facciale Face Unlock, ma potresti scoprire che questo viene bloccato da Google Device Admin (che è richiesto nella fase di configurazione). Una volta attivato, il sistema di riconoscimento facciale è semplicissimo da configurare, può ignorare la necessità di inserire la password e funziona abbastanza bene, anche se a nostro avviso non ha rivali in termini di capacità di Apple.

Schermo

  • Risoluzione FHD+ Max Vision da 5,9 pollici (2160 x 1080)
  • LCD IPS con proporzioni 18:9, nessuna tacca

Parte del motivo dellomonimo Plus è dovuto al suo schermo: a 5,9 pollici è più grande del pannello da 5,7 pollici sia in G6 che in G6 Play. Il che non sembra una grande differenza e, francamente, non sembra nemmeno molto. Per molti aspetti questa è una delle nostre critiche al Plus: dovrebbe essere più grande, diciamo 6,2 pollici, per distinguersi davvero dagli altri modelli della serie G.

Pocket-lintImmagine recensione Motorola Moto G6 Plus 6

Tuttavia, quello schermo, con le sue proporzioni 18:9, offre un fattore di forma moderno e allungato che è facile da tenere con una sola mano. Preferiamo di gran lunga questo rapporto di aspetto per facilità duso.

È uno schermo LCD IPS, senza tacca e una risoluzione equa (Full HD +, che è 2160 x 1080 pixel), che lo mantiene al livello di molti telefoni di punta in questi giorni. Beh, almeno sulla carta. La differenza principale con il Plus è che la sua luminosità non può competere con la concorrenza di fascia alta; quando la luminosità automatica è disattivata, anche la durata della batteria sembra essere notevolmente influenzata, quindi è meglio lasciare che il telefono esegua i propri calcoli automatici.

Nel contesto del prezzo richiesto dal telefono, lo schermo del G6 Plus è perfettamente ampio. Ha tutta la risoluzione di cui potresti aver bisogno, in un fattore di forma che lo mantiene in linea con i suoi concorrenti più vicini.

Hardware, prestazioni e batteria

  • Processore octa-core da 2,2 GHz (Qualcomm Snapdragon 630), 4 GB di RAM, 64 GB di spazio di archiviazione
  • TurboPower ricarica rapida tramite USB-C; Batteria da 3200 mAh
  • Equalizzazione dinamica Dolby Audio integrata

Un grande punto del G6 Plus è la sua convenienza, il che significa che non troverai un chipset di fascia alta sotto il cofano. Detto questo, la piattaforma Qualcomm Snapdragon 630 utilizzata è abbastanza capace, abbinata qui a 4 GB di RAM. Questo è anche un passo avanti rispetto allo Snapdragon 450 e ai 3 GB di RAM presenti nel G6 standard.

Pocket-lintImmagine recensione Motorola Moto G6 Plus 5

Il modo in cui troverai le prestazioni dipenderà dalla tua esperienza e dalle tue aspettative. Riteniamo che il Plus abbia il chipset che dovrebbe avere il G6 standard, in particolare perché il Nokia 6 più economico corrisponde al Plus sul power font, mentre lHonor 9 ha il chipset Kirin 960 molto più potente sotto il cofano.

Nel contesto di cui sopra, il G6 Plus è in fondo alla classifica quando si tratta di potenza. In realtà, tuttavia, questo non è un problema pratico: ok, ci sono leggere attese per aprire le app rispetto a quelle che troveresti con telefoni più potenti, ma mai al punto da diventare un lavoro di routine.

Sia che tu stia eseguendo tutte quelle app task-master indispensabili, come Mail per le e-mail o WhatsApp per i messaggi, o alcuni giochi casuali, il Plus funziona perfettamente. Abbiamo scavato in South Park: Phone Destroyer e non abbiamo trovato le sue prestazioni sul Plus così compromesse come nel G6 standard.

Queste 3 custodie manterranno il tuo iPhone 13 sottile, protetto e dallaspetto fantastico

È interessante notare che abbiamo scoperto che il Plus ha anche una longevità molto maggiore rispetto al G6. Certo, questo sarebbe logico dato il suo aumento della batteria (3.200 mAh rispetto a 3.000 mAh rispettivamente), ma il nostro primo giorno intero di utilizzo con Plus ci ha visto tagliare solo il 33% nelle prime nove ore di utilizzo (con ulteriori 20 ore di utilizzo). ore rimanenti, secondo la previsione del telefono), che avrebbe probabilmente fornito ben 24 ore di utilizzo.

Pocket-lintImmagine recensione Motorola Moto G6 Plus 3

In uso nei giorni successivi, con un po di gioco in più, abbiamo visto il Plus fornire circa 20 ore per carica, il che è un ottimo inning. Basta non disattivare limpostazione della luminosità automatica, come abbiamo detto in precedenza, poiché ciò sembra influire un po troppo sulla durata della batteria.

Se dovessi andare troppo duro con quelle app ad alto consumo energetico e hai bisogno di ricaricare la batteria, il G6 Plus incorpora la ricarica USB-C, soprannominata Moto TurboCharge (pensala come una ricarica rapida Qualcomm ribattezzata), il che significa ricaricare in doppia tempo veloce. Mezzora alla spina aggiungerà di nuovo ore di utilizzo.

Software

  • Sistema operativo Google Android Oreo 8.0; Moto Voice 2.0, display e azioni

Uno dei punti di forza di Motorola è che utilizza un sistema operativo Android simile a quello di Google, per unesperienza pulita e facile da usare. Ci sono alcune app aggiuntive e aggiunte nella parte superiore, tutte instradate nellapp Moto davanti e al centro, ma nessuna che si frapponga a interrompere lesperienza. Bene, a patto che ignori le app opzionali quando configuri il telefono da zero.

Di fronte agli speciali Moto nellapp Moto cè Moto Voice, ora nella versione 2.0, che introduce unulteriore comprensione contestuale. È come lAssistente Google con alcune corde in più al suo arco. Supponiamo che tu voglia una pizza a tarda notte: "Ehi Moto, trovami una pizzeria vicino a me e aperta dopo la mezzanotte" e il sistema unirà questi più punti di query (tipo, posizione e ora) e restituirà una risposta. Tuttavia, se ti interessa il controllo vocale è unaltra questione.

Moto Display, Moto Actions e Moto Key sono i tre aspetti dellapp Moto. Dal mantenere il display acceso mentre lo guardi, al silenziare le chiamate quando si capovolge il telefono o allutilizzo del dispositivo per sbloccare un laptop Windows quando si è nelle vicinanze, queste sono tutte funzioni software vantaggiose, tutte controllabili anche individualmente.

Unaltra divertente funzione incorporata è Dolby Audio, accessibile scorrendo verso il basso per aprire lombra. Adoriamo ciò che questa funzione può fare: cè un equalizzatore manuale della banda, oltre alle preimpostazioni per musica, film e altre impostazioni personalizzate, ma ci chiediamo se una funzione così premium sia rilevante in un telefono economico. Dopotutto, la licenza Dolby costa sempre denaro.

Macchine fotografiche

  • Doppia fotocamera posteriore da 12 MP e 5 MP con apertura f/1.7
  • Pixel con doppia messa a fuoco automatica per una messa a fuoco automatica più rapida
  • Auto HDR, Ritratto, Filtri viso, Panorama
  • Fotocamera frontale da 8 MP (16 MP in grado di funzionare in condizioni di scarsa illuminazione)

Il G6 Plus ha la configurazione della doppia fotocamera più avanzata della serie G, avanzando oltre il G6 con un obiettivo con apertura più rapida e due pixel autofocus per tempi di messa a fuoco più rapidi.

Pocket-lintImmagine recensione Motorola Moto G6 Plus 8

Una parte fondamentale della configurazione della fotocamera è che ci sono due obiettivi sul retro, quindi il Plus può ora soddisfare la modalità Ritratto ora di base (pensa allo sfondo sfocato quando scatti una persona / ritratto), che può essere trovata separatamente rispetto al principale e modalità manuali della fotocamera dallinterno dellapp. È una modalità ok, che ha le sue imperfezioni proprio come qualsiasi concorrente, ma ha comunque spuntato la casella sulla modalità più trendy per un telefono del 2018.

Dal punto di vista della qualità, il Plus può avere un leggero vantaggio rispetto al G6 in condizioni di scarsa illuminazione, a causa dellapertura più ampia, ma le differenze sono lievi. Tuttavia, gli scatti direttamente dalla fotocamera sono piuttosto buoni. Abbiamo girato in una Londra (finalmente) soleggiata, con i colori che si sono rivelati ben saturi, mentre anche le condizioni di scarsa illuminazione sono risultate ragionevolmente. Non cè la stessa gamma dinamica di alcuni concorrenti, mentre la nitidezza non è la migliore in assoluto, ma il G6 Plus si adatta al suo livello.

Per quanto riguarda le prestazioni, il Plus ha anche un leggero aumento rispetto allo standard G6, con quella messa a fuoco più rapida che spesso si fa sentire. Detto questo, tuttavia, la messa a fuoco ravvicinata è stata un problema, mentre a volte la messa a fuoco torna indietro e si ripristina, il che non è molto utile. Cè anche un piccolo ritardo quando si aziona lotturatore, quindi non è lesperienza della fotocamera più immediata.

Nel complesso, se non hai intenzione di spendere due volte e mezzo di più su una soluzione per fotocamera del telefono, il Plus fa un ottimo lavoro nel reparto fotocamera. Tieni sotto controllo le tue aspettative.

squirrel_widget_144250

Per ricapitolare

Il meglio del trio della serie G, il Plus offre tutto ciò che si può desiderare: cè una doppia fotocamera, una ricarica rapida, uno schermo con proporzioni 18: 9, un moderno design in vetro, uno scanner di impronte digitali e una durata della batteria decente per lavvio. Tuttavia, il Nokia 6 e lHonor 9 offrono questa volta una notevole concorrenza.

Scritto da Mike Lowe.