Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Nel 2017 ci è stata presentata la linea Mate più completa fino ad oggi. Un telefono su larga scala con specifiche di punta e una grande batteria per durare a lungo. Per il 2018 la serie Mate si è ampliata - letteralmente e figurativamente - con un trio di telefoni, il più grande di tutti è il Mate 20.

Il Mate 20 è progettato pensando allammiraglia, ma omette alcune delle campane e dei fischietti extra del suo cugino Mate 20 Pro. Cè uno scanner di impronte digitali fisico, non quello sotto lo schermo del Pro. Cè una tacca "a goccia di rugiada" più piccola, non quella più grande e ricca di sensori del Pro. E lo schermo è piatto e con una risoluzione inferiore rispetto allOLED curvo ad alta risoluzione del Pro.

In definitiva, quindi, Huawei Mate 20 è una proposta per coloro che cercano unammiraglia senza il cartellino del prezzo più alto. Ma sembra un baraccone allevento principale di Mate 20 Pro e, quindi, questo modello standard attirerà lattenzione?

Il nostro parere veloce

Il Mate 20 ha alcune caratteristiche principali: le sue triple fotocamere posteriori dovrebbero impressionare, la sua notevole capacità della batteria dovrebbe durare per unetà e ha tutta la potenza di cui hai bisogno, ma si trova dietro il suo Mate più piccolo e ricco di funzionalità 20 Pro cugino.

Questa è la cosa peculiare della serie Mate del 2018: il modello Lite e standard non hanno davvero bisogno di esistere; il Mate 20 Pro è lepitome dellammiraglia di fascia alta e dovrebbe essere lobiettivo principale di Huawei per mostrare quanto può produrre un telefono che batte Samsung. Perché, mentre il Mate 20 sarà quasi certamente un telefono solido, essere semplicemente il più grande della gamma non significa che sia il migliore, nonostante le sue caratteristiche ammirevoli.

Recensione iniziale Huawei Mate 20: più grande significa meglio?

Recensione iniziale Huawei Mate 20: più grande significa meglio?

Pro
  • Disposizione tripla della fotocamera posteriore probabilmente le migliori capacità sul mercato
  • Enorme capacità della batteria con ricarica rapida e ricarica wireless Qi
  • Un sacco di potenza a portata di mano per una solida esperienza di punta
Contro
  • La disposizione quadrata della fotocamera non sembra eccezionale
  • Il software EMUI divide ancora lopinione
  • Alcune funzioni della fotocamera AI sono troppo zelanti o imperfette
  • Lo troviamo troppo largo nella mano

squirrel_widget_146015

Design e visualizzazione

  • Display LCD da 6,53 pollici, proporzioni 18,7: 9, risoluzione 2244 x 1080, tacca "goccia di rugiada"
  • Colori: oro rosa, blu notte, verde smeraldo, crepuscolo, nero
  • Scanner per impronte digitali posizionato sul retro
  • Jack per cuffie da 3,5 mm

La maggior parte delle ammiraglie moderne ha uno schermo con proporzioni ultra-wide. Non così il Mate 20: il suo pannello da 6,53 pollici non è solo più grande del Pro, ma ha un rapporto di aspetto più convenzionale. Per noi è di conseguenza un po troppo largo, proprio come liPhone 8 Plus , ma alcuni preferiranno questa posizione - e in particolare che lo schermo sia piatto, senza bordi curvi che distraggono.

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 7

La finitura del vetro è attraente, mentre la cornice sottile intorno allo schermo gli conferisce un design molto orientato al display. È difficile non individuare quella tacca a "goccia di rugiada", data la sua forma distintiva. È la prima volta che la maggior parte verrà presentata a un tale design, ma sarà una presenza crescente andando avanti: abbiamo già visto Oppo R17 e Vivo V11 con lo stesso design ( e probabilmente OnePlus 6T lo farà). seguire ).

Lo scanner di impronte digitali del Mate 20 non è sul davanti come una chiave "casa", ma risiede sul retro per fornire un accesso rapido al dispositivo. Questo è diverso anche dal modello Pro, che ha uno scanner di impronte digitali sullo schermo per mostrare davvero come ha un piede nel futuro.

Sul retro il design del Mate 20 è un po un miscuglio. Adoriamo la finitura Twilight, come mostrato in queste immagini di recensione, ma le sezioni della fotocamera "quadrate" sembrano un ripensamento del design e non sono così facili da vedere come il trio di fotocamere verticali del P20 Pro . Tuttavia, il layout è uneco del Mate Pro, quindi allinearemmo le stesse critiche su entrambi i telefoni. Tuttavia, i telefoni Huawei sembrano più considerati del Samsung Galaxy S9 e della sua dispersione di sensori sul retro.

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 2

Nelle sue opzioni di colore verde e blu, il Mate 20 offre una finitura incisa al laser, che lazienda chiama "Hyper Optical Pattern", per aggiungere presa e unestetica visiva diversa per evitare presumibilmente macchie di impronte digitali (in questo caso fallisce davvero - in realtà è i colori più scuri che aiutano a nascondere tali macchie).

Prestazioni e durata della batteria

  • Processore octa-core Kirin 980 (2x 2.6GHz, 2x 1.92GHz, 4x 1.8GHz)
  • Capacità della batteria di 4000 mAh, ricarica rapida tramite USB-C

Indipendentemente dal fatto che tu scelga i modelli Mate 20 o Pro, entrambi hanno lultimo processore Kirin 980 dellazienda sotto il cofano. Questo è il concorrente di Huawei per lo Snapdragon 845 di Qualcomm, il primo incentrato su una diversa divisione dei core - disposti in "grande, medio, piccolo" per condividere il carico di lavoro - e la doppia cosiddetta "NPU" (Neural Processing Units) per fungere da il cervello del telefono e porta lIA (intelligenza artificiale) un ulteriore passo avanti, dividendo il carico di lavoro per diverse attività.

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 6

Non cè differenza di potenza tra Mate 20 e Pro, cementando entrambi come proposte di punta. Cè anche laggiunta di GPU Turbo, per sbloccare un supporto grafico aggiuntivo per alcuni giochi (non tutto è compatibile, sta agli sviluppatori salire a bordo).

In termini di prestazioni reali, il Mate 20 se la cava bene. Abbiamo effettuato laccesso al dispositivo con un login personale durante la sessione di anteprima per esplorare varie app e processi per mezzora. Giochi come South Park: Phone Destroyer hanno funzionato bene.

Con il suo design in vetro, il Mate 20 apre anche le porte alla ricarica wireless Qi, qualcosa che stavamo aspettando di vedere in un telefono Huawei da un po di tempo (ignorando comunque la sua presenza nel Pro). Questo ha un ulteriore vantaggio: il caricabatterie wireless può essere attivato per caricare altri dispositivi Qi. Divertimento.

Queste 3 custodie manterranno il tuo iPhone 13 sottile, protetto e dallaspetto fantastico

Tuttavia, la ricarica wireless non è il modo più veloce per ricaricare la batteria. Collegati a una presa e si avvia la ricarica rapida, anche se non è così veloce come la SuperCharge da 40 W del Mate 20 Pro.

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 4

Il Mate 20 ha una batteria da 4.000 mAh, che è una capacità enorme e dovrebbe durare a lungo. Non è così capiente come il modello Pro, ma ha anche un display ad alta risoluzione da gestire, quindi ci aspettiamo una longevità simile dai due telefoni. E basandoci sul nostro tempo con il Mate 10 Pro del 2017 e il Mate 20 Lite del 2018, siamo fiduciosi che andrà ben oltre luso quotidiano medio.

Software

  • EMUI 9.0 al lancio (su Android 9.0)

Il Mate 20 vede anche lavvento del software EMUI 9.0 di Huawei, che appare sopra Android Pie (9.0). Lintero dibattito EMUI ha spesso diviso la folla, ma Huawei continua a collegarlo, citando miglioramenti rispetto al file system di serie di Android, alla longevità delle prestazioni, allo sblocco degli aspetti della GPU e a funzionalità aggiuntive (come App Twin per il raddoppio di app come WhatsApp, WeChat e Facebook su più schede SIM).

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 8

In particolare, nuove per EMUI 9.0 sono varie funzionalità, le principali sono: HiTouch, che è un po come Google Lens, che consente di tenere premuto due pollici sullo schermo per generare una query che, in base allimmagine acquisita, sarà contestualmente risposto; HiVision, che si trova nellapp della fotocamera o nella barra di ricerca, che utilizza la fotocamera per riconoscere automaticamente punti di riferimento, opere darte, contenuto calorico del cibo e accedere allo shopping; e uninterfaccia utente più pulita e ordinata con meno impostazioni rispetto a prima.

Forniremo unanalisi più completa del software quando avremo il Mate 20 Pro per la revisione completa e potremo approfondire lesperienza del software.

Macchine fotografiche

  • Tripla fotocamera posteriore Leica (tutti i colori, no mono): 12MP grandangolare f/1.8, 16MP ultragrandangolare f/2.2, 8MP tele f/2.4
  • Modalità Super macro (2,5 cm dalla messa a fuoco dellobiettivo)
  • Modalità Master AI (intelligenza artificiale)
  • Acquisizione video 4K

La parte finale dellesperienza Mate 20 è la configurazione della fotocamera. Sì, quella disposizione quadrata posteriore non è il massimo, ma in termini di caratteristiche lultimo Mate potrebbe essere quello da battere. È organizzato allo stesso modo del modello Pro, ma con sensori a risoluzione inferiore per i due sensori principali.

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 11

Queste tre fotocamere non sono le stesse del P20, nonostante siano tutte co-progettate da Leica. Il Mate 20 elimina qualsiasi sensore monocromatico, citando il conteggio complessivo dei pixel come più che sufficiente per ricavare tutte le informazioni richieste. Potremmo sostenere che la perdita del monocromo è un grande cambiamento che mina molti dei punti nellaverlo in primo luogo - ma senza immagini reali da mostrarti qui, fianco a fianco, qualsiasi confronto di questo tipo dovrà aspettare .

Il principale della configurazione del Mate 20 Pro sono tre diverse lunghezze focali. Cè un obiettivo grandangolare, usato di serie, che è da 12 megapixel. Cè anche un obiettivo ultra grandangolare da 16 megapixel, che è 0,6 volte quello dellobiettivo grandangolare, per una visione sempre più ampia del mondo. E poi cè il familiare teleobiettivo da 8 megapixel per uno zoom senza degrado (fino a 3x otticamente, fino a 5x con il digitale, fino a 10x con immagini ritagliate e un po di qualità inferiore).

Avere quellobiettivo ultragrandangolare fa una grande differenza. Non solo per le scene a tutta apertura, ma per la sua modalità super macro, che si attiva se lobiettivo si trova fino a 25 mm da un oggetto ravvicinato: può ancora mettere a fuoco, cosa che poche fotocamere del telefono riescono a gestire.

Con il P20 Pro, Huawei ha spinto la sua modalità Master AI (intelligenza artificiale). Questo può riconoscere automaticamente le scene e regolare le impostazioni di conseguenza. Nel Mate 20 è tornato e ha una capacità più ampia che mai, ma presenta ancora alcune debolezze, ovvero lelaborazione troppo zelante in molte modalità (Greenery, Blue Sky, ecc.).

Pocket-lintHuawei Mate 20 recensione immagine 12

Con un sacco di potenza di base, il Mate 20 offre anche molte funzioni di scatto. Cè Ritratto che offre opzioni di illuminazione e apertura regolate dal software per leffetto di sfondo sfocato, oltre a una varietà di filtri (che possono essere utilizzati in tempo reale nellacquisizione di filmati, inclusa la sfocatura dello sfondo dal vivo o la selezione del colore) e altro ancora. Ma non devi scavare in tali opzioni, puoi semplicemente aprire la fotocamera e scattare con sicurezza, sapendo che otterrai unimmagine forte - ed è qui che il Mate 20 continua a ottenere punteggi alti.

Per ricapitolare

Il Mate standard offre un forte inning, ma il modello Pro lo supera in ogni reparto. Quando si tratta di funzionalità rivolte al futuro, Pro è la strada da percorrere.

Scritto da Mike Lowe.