Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Nel 2020 Vivo è diventata globale lanciando a livello internazionale il suo fiore allocchiello, la serie X50 , che si è trasformata nellX51 per lEuropa (strano nome, ma ci siamo).

Per il 2021 è il momento della prossima generazione, lX60 dal nome appropriato, disponibile in tre versioni: "standard", Pro e Pro+. Ma cosa cè di nuovo rispetto allultima volta e in cosa differisce ogni modello?

-

Design

  • X60 e X60 Pro: Midnight Black, Shimmer Blue
  • X60 Pro+: pelle vegana, blu imperatore
  • X60 e X60 Pro: 7,6 mm di spessore / 177 g
  • X60 Pro+: 9,1 mm di spessore / 191 g

Con la serie X50 di ultima generazione, Pro e Pro+ erano dispositivi piuttosto diversi, che incarnavano idee diverse per quanto riguarda le fotocamere. Per la serie X60 è cambiato, con ogni dispositivo riconoscibile e chiara progressione dal dispositivo entry-level a quello di fascia alta chiaramente comprensibile.

Visivamente parlando, tuttavia, non cè molta differenza tra il trio - beh, non quando guardi frontalmente, comunque, poiché le dimensioni dello schermo, la fotocamera centrale e le proporzioni sono tutte più o meno le stesse. Side e back-on, invece, e le cose cambiano a causa dello spessore del dispositivo legato allunità fotocamera.

LX60 Pro+ ha anche unesclusiva opzione di finitura in pelle vegana e di colore per distinguerlo (che sembra stranamente plasticoso, come puoi vedere dalla nostra immagine Pro contro Pro+ in cima alla pagina), mentre lX60 e lX60 Pro offrono due finiture: in nero o blu.

Schermo

  • Tutti: Super AMOLED da 6,56 pollici, risoluzione FHD+, refresh a 120Hz, HDR10+
  • X60 Pro e Pro+: "schermo flessibile 3D"
  • Tutti: fotocamera a perforazione singola

La cosa che collega tutti i dispositivi X60 sono i loro schermi: ognuno ha un pannello AMOLED di origine Samsung da 6,56 pollici, delle stesse dimensioni e scala dei precedenti dispositivi X50. Per questa nuova generazione, tuttavia, la frequenza di aggiornamento è aumentata da 90Hz a 120Hz per tutti e tre i telefoni.

Proprio come la gamma precedente, anche lo schermo dellX60 è piatto, mentre lX50 Pro e il Pro+ adottano bordi curvi: questultima coppia, quindi, mostra una cornice laterale leggermente inferiore per un aspetto più dominante dello schermo.

Macchine fotografiche

  • Tutti: sistema di imaging progettato congiuntamente da Vivo e Zeiss / solo X60 Pro+: rivestimento Zeiss T*
  • X60:
    • Principale: 48 megapixel, apertura f/1,79, stabilizzazione ottica (OIS)
    • Ampio (120 gradi): 13 MP, f/2,2
    • Ritratto (50 mm): 13 MP, f/2,46
  • X60 Pro:
    • Principale: 48 megapixel, apertura f/1.48, stabilizzazione cardanica 2.0
    • Ampio (120 gradi): 13 MP, f/2,2
    • Ritratto (50 mm): 13 MP, f/2,46
  • X60 Pro+:
    • Principale: 50 megapixel, sensore Samsung GN1, stabilizzazione ottica (OIS)
    • Ampio (114 gradi): 48MP, f/2.2, stabilizzazione cardanica 2.0
    • Ritratto: 32 MP, f/2,08
    • Zoom (5x): 8MP

La più grande differenza tra questi tre telefoni è la loro fotocamera. Ma mentre lultima generazione ha completamente cambiato la fotocamera nel modello Pro+, per questa generazione è un approccio più logico.

La serie X60 è anche la prima a mostrare la partnership co-ingegneristica con Zeiss, la rinomata azienda tedesca di ottiche, che ha messo a disposizione le sue conoscenze e, nel caso dellX60 Pro+, anche il famoso rivestimento T* dellobiettivo per ridurre apparentemente i bagliori indesiderati e fantasma.

Quello che troverai in tutti e tre i telefoni è la stabilizzazione ottica dellimmagine, che è utile per mantenere gli scatti nitidi. Ma il sistema davvero impressionante è il nuovo sistema di stabilizzazione cardanica 2.0, che abbiamo riscontrato essere eccezionalmente buono durante lacquisizione di video, che è presente nellX60 Pro e Pro+.

Tuttavia, il sistema cardanico non è sullo stesso sensore in ogni dispositivo. LX60 Pro ha questo sistema sul suo sensore principale da 48 megapixel. LX60 Pro+, nel frattempo, utilizza il sensore GN1 di Samsung - che è fisicamente grande, proprio come troverai nel Samsung S20 Ultra , e quindi troppo grande per essere montato con il gimbal, crediamo - in una configurazione dello stesso stile dellX50 Pro+ dello scorso anno, poi aggiunge la stabilizzazione cardanica alla sua nuova e migliorata fotocamera grandangolare da 48 megapixel.

Quale obiettivo viene utilizzato per quale attività varierà a seconda del telefono che ottieni, senza dubbio, con lobiettivo di ottenere foto e video della migliore qualità con la migliore stabilizzazione offerta.

LX60 Pro+ è anche lunico dei tre ad aggiungere un obiettivo con zoom ottico - uno 5x - che lo aiuta a catturare una migliore risoluzione dei dettagli per quegli scatti di soggetti più lontani.

Per ospitare tutte quelle chicche, tutti e tre i telefoni hanno custodie per fotocamere piuttosto grandi. LX60 Pro+ è al limite del ridicolo, come puoi vedere dallimmagine in alto. Ma, ehi, è tutto equo se la qualità è così buona - e nessun altro produttore sta spingendo un sistema cardanico sofisticato come quello che viene offerto qui.

Specifiche hardware

  • X60 e X60 Pro: Qualcomm Snapdragon 870, 8 GB/12 GB di RAM
  • X60 Pro+: Qualcomm Snapdragon 888, 12 GB di RAM
  • X60: batteria da 4300 mAh, ricarica rapida da 33 W
  • X60 Pro: batteria da 4200 mAh, ricarica da 33 W
  • X60 Pro+: 4200 mAh, ricarica 55 W
  • Tutti i dispositivi: connettività 5G

È interessante notare che lX60 e lX60 Pro non adottano la piattaforma Qualcomm Snapdragon di fascia alta, offrendo invece il chipset 870. Questa non è in realtà una grande sorpresa, in parte perché è un esercizio di risparmio sui costi, ma è comunque super potente e compatibile con il 5G.

Inoltre, offre al Pro+ ancora più spazio per mettersi in mostra, poiché quel modello adotta il Qualcomm Snapdragon 888 – che è buono come le cose adesso – insieme a 12 GB di RAM di serie. È anche compatibile con il 5G, ovviamente.

Le capacità della batteria differiscono marginalmente tra il telefono entry-level e il Pro e Pro+, ma non a un livello tale da poter fare unenorme differenza in termini di longevità. La ricarica è rapida, a 33 W, e diventa extra veloce (55 W) nel telefono Pro+. Nessuno offre la ricarica wireless, tuttavia, che come norma crescente nella concorrenza può sembrare unassenza qui.

Data di uscita e prezzo

  • Tutti i telefoni: data di lancio e prezzo TBC

La grande domanda: quando puoi ottenere un telefono della serie Vivo X60? In questo momento semplicemente non lo sappiamo. Né quanto costeranno.

Inoltre, dato come la serie X50 è stata lanciata a livello globale, incluso il cambio di nome X51, sospettiamo che lX60 seguirà un processo simile. Ma si spera con un nome migliore (o nessun cambiamento).

Non vediamo lora che Vivo introduca questi telefoni nel mercato globale, per il semplice fatto che il sistema di stabilizzazione cardanica è una vera funzionalità di fascia alta che non troverai altrove.

E con Zeiss anche sulle carte, Vivo potrebbe essere in lizza per diventare il produttore di fotocamere per smartphone da tenere docchio, lideale in un momento in cui la concorrenza, come OnePlus con la sua partnership Hasselblad , non è ancora del tutto allaltezza ( come noi detto nella nostra recensione di OnePlus 9 Pro ).

5 motivi per cui dovreste acquistare il Google Pixel 6a

Scritto da Mike Lowe.