Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Il Sony Xperia XZ2 Premium non dovrebbe essere troppo lontano da un lancio ufficiale, dato che Sony ha detto che sarà disponibile dall"estate 2018". Tuttavia, ciò non ha impedito a Mobile01 di mettere le mani su un modello di pre-produzione e di scattare alcune foto in vari scenari per mostrare cosa può fare la fotocamera.

LXZ2 Premium è tutto incentrato sulla fotocamera ed è il primo telefono Sony a disporre di un sistema a doppia lente. Ha anche alcune specifiche impressionanti, con un ISO massimo di 51200 per le immagini fisse e 12800 per i video, insieme al nuovo processore di segnale di immagine fusion AUBE di Sony. È anche possibile registrare video HDR 4K e poi guardarli di nuovo in HDR 4K completo sul display del telefono.

Ma torniamo alle immagini di esempio, che sicuramente sembrano impressionanti. È sempre possibile che le immagini viste qui non riflettano il telefono finale, poiché sono state scattate su un modello di pre-produzione. Tuttavia ci danno una buona idea di cosa aspettarci se e quando ne metteremo le mani su uno. Sony non lancerà inizialmente XZ2 Premium nel Regno Unito, ma ha affermato che riconsidererà la sua posizione nel corso dellanno. Le nostre dita sono molto strettamente incrociate.

Le immagini mostrano un buon livello di dettaglio e gestione del colore, con gli scatti notturni anche particolarmente buoni. Lalto livello ISO della fotocamera di Sony viene sicuramente messo a frutto. Di recente abbiamo visto alcune fotocamere del telefono impressionanti, in particolare lHuawei P20 Pro, ma il Pixel 2 XL di Google del 2017 regge ancora comodamente. È chiaro che il Sony Xperia XZ2 Premium fornirà una concorrenza decente.

Queste 3 custodie manterranno il tuo iPhone 13 sottile, protetto e dallaspetto fantastico

Scritto da Max Langridge.