Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Negli ultimi anni Samsung ha cercato di superare i limiti quando si tratta delle fotocamere dei suoi smartphone: molto è stato chiarito dallaggiunta di più obiettivi e di enormi capacità di zoom alle sue ammiraglie negli ultimi anni.

Ora, sembrerebbe che unaltra tattica potrebbe avere il suo giorno in tribunale: circolano rapporti secondo cui Samsung ha discusso con Olympus sulla possibilità di collaborare alla tecnologia della fotocamera per smartphone.

Le discussioni sono state pubblicizzate da più leaker che hanno una solida esperienza per quanto riguarda i dispositivi Samsung e sono state scritte da TomsGuide . La spinta a collaborare potenzialmente ha senso sulla carta per Samsung.

Sebbene le sue fotocamere siano costantemente eccellenti, cè un innegabile prestigio nel poter associare il nome di un famoso produttore di fotocamere, proprio come OnePlus sta facendo con Hasselblad e Huawei è riuscita con Leica.

Oltre a questo punto di vista pubblicitario, cè ovviamente leffettiva esperienza che Olympus potrebbe portare, presumibilmente aiutando i risultati delle fotografie di Samsung a dimostrare unaccuratezza e un controllo del colore ancora maggiori.

Se questi colloqui sono andati particolarmente avanti, ovviamente, e se sono stati anche lontanamente fruttuosi, non è nemmeno leggermente chiaro in questa fase. Se siamo solo al punto di mettere in scena i colloqui, nel frattempo, chiunque può indovinare a che punto lipotetica collaborazione troverebbe effettivamente la sua strada in alcuni telefoni: se questo è un progetto per il 2022 potrebbe diventare chiaro se ci fosse mai un annuncio intorno ad esso .

Miglior smartphone 2022: testiamo, valutiamo e classifichiamo i migliori telefoni cellulari disponibili per l'acquisto

Scritto da Max Freeman-Mills.