Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - La serie Galaxy S20 di Samsung è ancora molto nuova, eppure stiamo già iniziando a conoscere il prossimo smartphone dellazienda.

Secondo Ice Universe ( @UniverseIce ), il prossimo Galaxy S21 potrebbe presentare la tecnologia della fotocamera "sotto lo schermo", il che ci fa chiedere se avrà un display senza cornice - uno senza tacche o ritagli o fori - perché Avrei una telecamera sotto il vetro. I produttori di telefoni Oppo e Xiaomi hanno già dimostrato prototipi con tale tecnologia, quindi non è impossibile.

Tuttavia, Ice Universe , che ha un discreto track record quando si tratta di far trapelare notizie sui prossimi telefoni Samsung, non specifica che si tratta di una fotocamera selfie sotto il display. Diamo solo per scontato che sia il sensore anteriore.

Speciale Settimana del gioco su PC in associazione con Nvidia GeForce RTX - Pocket-lint Podcast 154

Tuttavia, ci sono altre voci sulla fotocamera selfie del Galaxy S21. Ad esempio, Samsung potrebbe utilizzare un sensore più grande con stabilizzazione ottica dellimmagine. Secondo quanto riferito (tramite SamMobile ) sta testando due prototipi: uno con un sensore da 1/2 pollice (probabile risoluzione da 48 megapixel) e un altro con un sensore da 1/2,55 pollici (probabilmente risoluzione da 12 megapixel) con OIS.

Il Galaxy S20 e il Galaxy S20+ utilizzano una fotocamera selfie da 1/3,2 pollici da 10 megapixel con autofocus a doppio pixel. Il Galaxy S20 Ultra utilizza un sensore da 40 megapixel da 1/2,65 pollici con autofocus Super PD. Tutti e tre possono registrare video fino a 4K a 60 fps e dispongono di messa a fuoco automatica utilizzando le fotocamere frontali.

In altre parole, gli S21 potrebbero non includere solo un selfie snapper sotto il display, ma uno con un sensore e un OIS più grandi.

Scritto da Maggie Tillman.