Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Si dice che Samsung stia lavorando a un nuovo sistema di riconoscimento facciale, che probabilmente apparirà sui Galaxy S11 e S11+ nel 2020.

Gli indizi che circondano il nuovo sistema di riconoscimento facciale sono apparsi nel software beta dellinterfaccia One UI 2.0 dellazienda. Secondo TechTastic nei Paesi Bassi, il software Android 10 per Galaxy S10 ha riferimenti allapp Face Service per Picasso, che è il nome in codice per il Galaxy S11.

-

Il riconoscimento facciale è già una funzionalità sui dispositivi di punta Samsung , inclusi i telefoni Galaxy S10 e Note 10 , ma la funzione è 2D anziché 3D, il che significa che può essere ingannata e quindi non è considerata abbastanza sicura per le app di pagamento o bancarie, ad esempio.

Speciale Settimana della sicurezza domestica, intervista a Swann e altro ancora - Pocket-lint Podcast ep. 165

Sia Apple che Google utilizzano il riconoscimento facciale 3D sui loro dispositivi più recenti, con Apple che offre Face ID e Google che ha recentemente lanciato i dispositivi Pixel 4 con Face Unlock. Sarebbe quindi logico che Samsung stia considerando anche la tecnologia.

Altre indiscrezioni che circondano il Samsung Galaxy S11 e S11+ suggeriscono che i dispositivi saranno dotati di un nuovo e migliorato sensore di impronte digitali sotto il display , zoom ottico 5x e una fotocamera da 108 megapixel. Ci aspettiamo anche il chip Qualcomm Snapdragon 865 o Exynos 9830, a seconda della regione.

I dispositivi dovrebbero essere lanciati nella prima metà del 2020, probabilmente alla fine di febbraio, poco prima del Mobile World Congress . Puoi leggere tutte le voci che circondano il Samsung Galaxy S11 e S11+ nella nostra funzione separata di riepilogo delle voci .

Scritto da Britta O'Boyle.