Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - È stato annunciato lo scorso settembre che il progettista di chip britannico ARM sarebbe stato rilevato dal gigante statunitense Nvidia.

Ma laccordo era soggetto allapprovazione normativa e ora il governo del Regno Unito ha deciso di intervenire per motivi di sicurezza nazionale - anche se non è chiaro quali "problemi di sicurezza nazionale" potrebbero esserci dato che la società è stata di proprietà di un giapponese azienda negli ultimi quattro anni. Come Softbank, Nvidia è una società pubblica.

"Come passo successivo e per aiutarmi a raccogliere le informazioni pertinenti, lautorità indipendente per la concorrenza del Regno Unito preparerà ora un rapporto sulle implicazioni della transazione, che aiuterà a prendere decisioni ulteriori", ha affermato il ministro del Digitale britannico Oliver Dowden, che ha emesso un avviso di intervento prima della sonda.

La nostra storia originale continua qui sotto:

Il leggendario progettista di chip britannico ARM viene acquistato da Nvidia soggetto allapprovazione del governo e delle normative.

Nvidia attualmente progetta chip basati sulla tecnologia di ARM, oltre alla sua attività di grafica di enorme successo e altri sforzi nei veicoli autonomi e altro ancora.

ARM è cresciuta dai tempi del suo processore Advanced RISC Machine allinterno delle macchine BBC e Acorn degli anni 80 in una delle più grandi aziende tecnologiche del mondo. Ha sede a Cambridge, nel Regno Unito.

La sua tecnologia - che concede in licenza ad altri produttori, come Apple, Samsung e Qualcomm - è utilizzata in circa il 95% di smartphone e tablet e verrà utilizzata maggiormente nei PC poiché Apple lancia i propri processori per Mac e nei PC Windows utilizzando Processori Qualcomm .

Dopo essere diventata una società per azioni, è in gran parte di proprietà della giapponese SoftBank. Tuttavia, Nvidia si è lanciata in un accordo del valore di $ 40 miliardi.

Se sarà approvato è oggetto di dibattito. E, naturalmente, cè il potenziale per la tecnologia di ARM di essere più permanentemente trattenuta dalle società cinesi come parte della guerra commerciale USA-Cina.

Nvdia afferma di essere impegnata a mantenere lattività di ARM nel Regno Unito, il che ha senso data la quantità di competenze tecniche allinterno e intorno alla base dellazienda a Cambridge. Ma sarà interessante vedere come andrà a finire nel tempo con la fine del periodo di transizione della Brexit allorizzonte.

Il fondatore dellazienda, Hermann Hauser, ha suggerito nel programma Today su Radio 4 che la mossa è "un disastro assoluto per Cambridge, il Regno Unito e lEuropa".

"Se centinaia di aziende britanniche che incorporano ARM [tech] nei loro prodotti vogliono venderlo ed esportarlo in qualsiasi parte del mondo, inclusa la Cina, che è un mercato importante, la decisione se sarà loro consentito esportarlo sarà presa in alla Casa Bianca e non a Downing Street", ha detto.

Queste 3 custodie manterranno il tuo iPhone 13 sottile, protetto e dallaspetto fantastico

Nvidia, tuttavia, è comprensibilmente più ottimista e positiva: "La sede centrale di ARM rimarrà a Cambridge e continuerà a essere una pietra angolare dellecosistema tecnologico del Regno Unito. Nvdia manterrà il nome e la forte identità del marchio di ARM", ha affermato il fondatore e CEO di Nvdia Jensen Huang in una dichiarazione .

"ARM ci fornisce la massa critica per investire nel Regno Unito. Costruiremo un centro di ricerca sullintelligenza artificiale di livello mondiale a Cambridge.

"Unindo lintelligenza artificiale di Nvdia con la vasta portata della CPU di ARM, sfrutteremo la gigantesca opportunità dellintelligenza artificiale e avanzeremo lelaborazione da cloud, smartphone, PC, auto a guida autonoma, robotica, 5G e IoT".

Ironia della sorte, SoftBank possedeva anche una partecipazione in Nvidia, che ha venduto nel 2019.

Scritto da Dan Grabham.