Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Un risultato di benchmark trapelato suggerisce che il primo smartphone di Nothing non sarà una potente ammiraglia. Al contrario, sembra che l'azienda stia seguendo la strada dell'utilizzo di un chipset di fascia media altamente performante.

Il risultato in questione è stato trovato su Geekbench e indica che il telefono di Nothing (1) sarà alimentato dallo Snapdragon 778+, non da uno dei chipset della serie 8 più potenti.

Fin dall'inizio è stato chiaro che l'obiettivo principale di Nothing è stato il design e la realizzazione di un telefono diverso dal resto dei telefoni presenti sul mercato. Con il design posteriore trasparente, questo è certamente il risultato.

Dal punto di vista delle funzionalità e delle specifiche tecniche, sembra che ci si sia concentrati anche sulla realizzazione di un telefono che sia un dispositivo solido, pratico e di uso quotidiano. Un dispositivo che funziona bene con altri prodotti, come i suoi auricolari.

Non si sta cercando di creare lo smartphone più veloce e potente con i migliori risultati di Geekbench. Anzi, si potrebbe sostenere che sarebbe sciocco anche solo tentare di farlo, visto il rapporto investimento/rendimento.

È molto più sensato costruire un telefono unico e solido a un prezzo competitivo. E in genere non è possibile farlo se si ha a bordo lo Snapdragon 8 Gen 1, a meno che non si sia disposti a scendere a compromessi su altre caratteristiche probabilmente più importanti per la maggior parte delle persone (come la fotocamera).

Il tempo ci dirà se questo approccio avrà successo. Il telefono (1) sarà lanciato il mese prossimo.

Le migliori offerte telefoniche del Black Friday 2021: Samsung, OnePlus, Nokia e altro

Scritto da Cam Bunton.