Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Motorola ha lanciato 312 Labs, un ramo della sua attività destinato a esplorare nuove tecnologie e innovazioni, come parte del suo crescente investimento in ricerca e sviluppo.

Ciò potrebbe sembrare potenzialmente annacquato per la persona comune, ma ciò che ci dice è che Motorola non vuole essere lasciata indietro quando si tratta di innovazione dei telefoni cellulari e nuove idee. È qualcosa in cui lazienda è stata in prima linea in passato: devi solo ricordare il Moto Razr originale e reinventare 15 anni dopo per vederlo.

"Motorola 312 Labs si concentra su alcune aree chiave tra cui lecosistema connesso del futuro, levoluzione del metaverso, lesplorazione di nuovi e unici fattori di forma mobili e dispositivi indossabili, il progresso delle tecnologie di visualizzazione e AR e VR", si legge in una riga del comunicato stampa ufficiale.

La scelta di questa affermazione per noi è la parte "nuovi fattori di forma", che ci dà unindicazione che Motorola sta cercando di rafforzare la sua presenza nel mercato dei pieghevoli e oltre. Ma non nel modo attualmente convenzionale, forse, visto luso della parola unico.

Ovviamente non cè nulla di concreto in questa fase. Motorola non ha detto "ehi, guarda questo nuovo telefono pieghevole omnidirezionale". E con così tanta attenzione dellindustria sui futuri AR/VR/metaverse, forse 312 Labs - che è chiamato così per via del suo prefisso di Chicago - è più un ramo ricerca e sviluppo futurologo che una parte dellazienda che realizzerà nuovi prodotti tangibili.

Dovremo aspettare e vedere cosa ha in serbo Motorola. Ma a riprova di questo annuncio, non è rimasto zitto sul successo della sua attività di smartphone sul mercato di massa: vuole anche essere noto per innovare e affrontare i suoi rivali più grandi, come Samsung e anche i suoi successi di dispositivi pieghevoli.

Scritto da Mike Lowe.