Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Motorola potrebbe aggiungere o già sostituire la serie G di smartphone. La società ha lanciato solo di recente il G5 e il G5 Plus, ma sono apparse online le immagini di due nuovi telefoni, che si spacciano per G5S e G5S Plus, per gentile concessione di AndroidAndMe.

I più attenti tra di voi potrebbero aver notato che la versione "S" dei telefoni Moto G è stata menzionata nella diapositiva di presentazione dello smartphone Motorola 2017 trapelata la scorsa settimana. Ci siamo persi ad essere onesti, supponendo che fossero il G5 e il G5 Plus. A un esame più attento, la diapositiva mostra chiaramente un GS e un GS+.

I due telefoni sembrano in gran parte uguali ai normali G5 e G5 Plus, con corpi interamente in metallo, pulsante home/scanner di impronte digitali montato anteriormente e alloggiamenti circolari per fotocamera sul retro. La principale differenza tra i due è la fotocamera stessa.

Il G5S Plus avrà una configurazione a doppia fotocamera, la prima per un telefono Motorola, mentre il G5S si attaccherà con un singolo obiettivo. Non si sa quanti megapixel saranno gli obiettivi, ma ci aspetteremmo che il sensore da 23 megapixel del G5 Plus sia presente da qualche parte.

Altrove entrambi i telefoni avranno display Full HD, il G5S da 5,2 pollici e il G5S Plus da 5,5 pollici, processori octa-core e Android 7.0 Nougat.

Il Moto G5 e il G5 Plus sono appena stati lanciati, quindi è strano vedere che le versioni "S" sono già necessarie. Tuttavia, cè una chiara menzione di loro nella diapositiva della presentazione, quindi ci sono buone prove che suggeriscono che sono reali. Potrebbero essere rilasciati in paesi specifici, ma senza ulteriori prove, è difficile dirlo per ora.

Scritto da Max Langridge.