Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Il governo degli Stati Uniti ha emesso una nuova proroga di 90 giorni per consentire alle aziende statunitensi di fare affari con la Cina, ha detto lunedì il dipartimento del commercio degli Stati Uniti.

Lamministrazione Trump ha inserito per la prima volta Huawei in una lista nera economica, chiamata Entity List, la scorsa primavera, citando problemi di sicurezza nazionale. Ma, nel tentativo di ridurre al minimo limpatto sui clienti, specialmente nellAmerica rurale, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha emesso diverse estensioni di licenza, consentendo di fatto a Huawei di continuare ad acquistare prodotti fabbricati negli Stati Uniti.

-

Reuters ha affermato che lamministrazione Trump sta ora optando per unaltra proroga di 90 giorni, anche se inizialmente voleva una "tregua di due settimane". Secondo quanto riferito, tuttavia, si è imbattuto in "problemi burocratici". Huawei ha affermato che questultima estensione "non avrà un impatto sostanziale" sulla sua attività e non "cambierà nemmeno il fatto che Huawei continua a essere trattata ingiustamente".

La nuova estensione, denominata Licenza generale temporanea, consentirà in particolare "ai vettori di continuare a servire i clienti in alcune delle aree più remote degli Stati Uniti che altrimenti rimarrebbero alloscuro", ha affermato il segretario al commercio degli Stati Uniti Wilbur Ross.

Il Dipartimento del Commercio sta anche valutando se rilasciare licenze individuali alle aziende statunitensi in modo che possano vendere componenti a Huawei. Per ulteriori informazioni sulla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e sullimpatto che avrà sui tuoi telefoni Huawei, consulta la nostra guida qui .

Scritto da Maggie Tillman.