Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Apple dovrebbe rivelare la serie iPhone 14 più tardi quest'anno, ma in base all'ultima fuga di notizie, ci sarà più differenziazione tra i modelli standard e Pro e le prove continuano a suggerire che non vedremo un modello mini.

Mark Gurman di Bloomberg, che ha un eccellente curriculum quando si tratta di perdite di Apple, ha detto nella sua ultima edizione della sua newsletter Power On che vedremo un iPhone 14 standard da 6,7 pollici quest'anno, piuttosto che un iPhone mini da 5,4 pollici.

Egli sostiene che la linea di iPhone 14 includerà un iPhone 14 da 6,1 pollici, un iPhone 14 Max da 6,7 pollici, un iPhone 14 Pro da 6,1 pollici e un iPhone 14 Pro Max da 6,7 pollici. Gurman ribadisce anche le voci precedenti che i modelli standard di iPhone 14 gireranno sullo stesso chip A15 Bionic dei modelli iPhone 13, mentre i modelli iPhone 14 Pro vedranno un salto all'A16 Bionic.

Come la speculazione passata ha suggerito, il design generale dei modelli iPhone 14 dovrebbe rimanere simile ai modelli iPhone 13, anche se i modelli Pro vedranno un passaggio ad un nuovo notch. Gurman dice anche che i modelli Pro avranno una nuova fotocamera principale, passando a un sensore da 48 megapixel, mentre i modelli standard di iPhone 14 rimarranno sul sensore da 12 megapixel trovato nei modelli iPhone 13.

Le migliori offerte telefoniche del Black Friday 2021: Samsung, OnePlus, Nokia e altro

Inoltre, Gurman sostiene che Apple sta lavorando per aggiungere la connettività satellitare all'iPhone e potrebbe essere pronta questa volta. Egli menziona anche di aver sentito che potrebbe arrivare anche sull'Apple Watch, anche se non è sicuro se questo sarebbe per i modelli 2022 o 2023.

Scritto da Britta O'Boyle.