Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Si dice da tempo che Apple potrebbe iniziare a offrire sicurezza biometrica sia Touch ID che Face ID in unfuturo modello di iPhone , con Touch ID che si dirigerà sotto il display, anche se l'ultimo rapporto suggerisce che dopotutto non sarà così.

Praticamente da quando Apple ha abbandonato il sensore di impronte digitali Touch ID sui suoi telefoni di punta per offrire Face ID come tecnologia biometrica per lo sblocco, si è parlato di un suo ritorno sotto il display.

Nonostante la maggior parte dei dispositivi Android ora offrano di serie sensori di impronte digitali sotto il display , Apple deve ancora seguire questa strada. Anche quando Touch ID è presente su dispositivi senza un pulsante Home, come iPad Air (2022) e iPad mini 6 , è all'interno del pulsante di accensione anziché sotto lo schermo.

L'analista del settore Ming-Chi Kuo aveva precedentemente previsto che Apple alla fine avrebbe fatto la mossa per offrire sia Touch ID sotto il display che Face ID, e sebbene non pensasse che sarebbe successo prima del 2023, ha twittato affermando che non pensa che lo farà succedere a tutti ora.

Invece, Kuo ora ritiene che la possibilità di utilizzare Face ID con una maschera - una funzionalità lanciata con iOS 15.4 - sia "già un'ottima soluzione biometrica" e quindi Kuo sembra ritenere che il Touch ID sotto il display non sia più necessario.

Naturalmente, queste sono solo previsioni, quindi non è certamente possibile prenderle come un vangelo, ma forse ci sono alcuni motivi per ciò che Kuo sta dicendo, anche se Face ID a volte ha ancora i suoi fastidi. Puoileggere tutte le voci che circondano l'iPhone 14 e ciò che dovrebbe ancora arrivare con i dispositivi nella nostra funzione separata.

Scritto da Britta O'Boyle.