Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Huawei ha raggiunto un accordo con TomTom per utilizzare le sue mappe e i suoi servizi sugli smartphone, essendo stata inserita nella lista nera mesi fa per aver lavorato con Google.

Questa partnership consentirà a Huawei di utilizzare le mappe e la navigazione TomTom sul proprio sistema operativo personalizzato. Forse anche sui telefoni della serie P40 che verranno lanciati presto.

-

Naturalmente, questo è un altro sviluppo nella lista nera degli Stati Uniti di lunga data che ha impedito al produttore di telefoni cinese di lavorare con Google.

Con Huawei che non può utilizzare i Play Services di Google - che include Google Maps - il gigante della telefonia è stato costretto a sviluppare un proprio sistema operativo e ad affidarsi ad altre terze parti per i servizi essenziali.

Come riportato da Reuters , laccordo tra Huawei e TomTom è stato chiuso qualche tempo fa, ma solo ora viene reso noto al pubblico.

Per il consumatore significa che Huawei sta chiaramente lavorando duramente per rendere i suoi telefoni rilevanti per i mercati occidentali, assicurandosi che stia facendo tutto il possibile per renderlo una valida alternativa ai dispositivi Android e iOS.

Huawei non sarebbe la prima azienda a collaborare con TomTom. Apple, quando ha lanciato i propri servizi di Mappe, ha originariamente collaborato con TomTom per sviluppare anche i suoi dati e la navigazione.

Anche se non sappiamo quando le mappe TomTom appariranno per la prima volta su qualsiasi telefono Huawei, i tempi della dichiarazione pubblica suggeriscono che potremmo vedere qualcosa presto.

Huawei dovrebbe lanciare i telefoni della serie P40, oltre a un Mate Xs pieghevole aggiornato, allinizio della primavera, quindi potremmo vederlo funzionare per la prima volta su quei dispositivi.

Il produttore ha anche creato la propria galleria di app, coinvolgendo gli sviluppatori per rendere disponibili più applicazioni attraverso i propri canali, riducendo la dipendenza da Google.

Se questo sviluppo sarà sufficiente per rendere i suoi smartphone rilevanti nel 2020 è ancora da vedere, ma sembra che lazienda si stia muovendo nella giusta direzione.

Scritto da Cam Bunton.