Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Nel 2019 ho commentato che la convergenza non aiutava nel settore del monitoraggio del sonno . Ho trascorso la settimana dormendo nel Garmin Fenix 6 per testare la funzione Body Battery - che apprezzo molto - ma ho scoperto che dormire in un grosso orologio allaperto è un po troppo fastidio.

Ho chiesto un sensore del sonno dedicato, qualcosa da indossare come un comodo braccialetto, piuttosto che un orologio da avventura antiurto.

Sembra che mi sbagliassi nel chiedere la divergenza per portare una soluzione tecnologica, ma non avevo idea che la risposta convergente che stavo cercando sarebbe venuta da Google.

Ho dormito con Google Nest Hub. Ecco, lho detto.

Google sta utilizzando un approccio diverso al monitoraggio del sonno, utilizzando il radar del suo chip Soli integrato nel nuovo Nest Hub . Raccogliendo dati dal sensore di luce, dai microfoni e dal radar, Nest Hub può rilevare efficacemente quando vai a letto, quando ti alzi e come dormi tra questi due eventi.

Può monitorare la temperatura della stanza, i livelli di luce, se stai russando o tossendo durante la notte - e cogliendoti il risveglio perché devi andare in bagno.

Quando ti svegli, tutto viene mappato sul display e sincronizzato con Google Fit in modo da poter analizzare come hai dormito. Sembra anche abbastanza accurato, dato che guardo lorologio quando mi siedo per dormire e trovo che i tempi coincidano.

Sa anche quando sto passando una notte davvero agitata, dandomi i dati da riversare la mattina per verificare che, sì, ho dormito male.

Il sistema garantisce la privacy - non cè una telecamera per spiarti e il microfono non sta condividendo una registrazione, solo un timestamp di un evento di tosse o russamento - e lelaborazione viene eseguita localmente anziché nel cloud. I dati vengono sincronizzati con Google Fit, se lo desideri, ma non è come avere una videocassetta di te a letto.

In effetti, Google ha deciso di non includere una fotocamera per evitare questo sospetto.

Problema risolto! Posso andare a letto normalmente, dormire - o non dormire, a seconda dei casi - normalmente, e non devo indossare nulla, mettere nulla sotto il materasso o fare nulla. Succede e basta.

Ma questo mi riporta a un punto che ho fatto prima. So di dormire male. So che quando non dormo bene ei dati presi da qualsiasi contesto rilevante non significano nulla.

Il vantaggio offerto da Garmin con Body Battery è che i dati del sonno sono impostati nel contesto dei dati dellattività. Ti dà una batteria virtuale per il tuo corpo che devi ricaricare di notte. Ti dice di prendertela comoda perché non ti stai riprendendo correttamente.

Google ti sta sostanzialmente dicendo quello che già sai, anche se, a dire il vero, inizia a darti un feedback una volta che i modelli di sonno sono stati stabiliti.

Google Nest Hub giustifica la sua posizione come dispositivo da comodino: ha un bellaspetto, suona bene ed è altamente connesso, offrendo una gamma completa di servizi alimentati da Google Assistant. Ma questa nuova miniera di dati sul sonno ora deve andare oltre.

La risposta potrebbe risiedere in una connessione con Fitbit di proprietà di Google . Google ha già detto che esaminerà come questi due sistemi possono funzionare insieme, ma non è stato detto nulla su quale potrebbe essere effettivamente il risultato.

Il sistema di sicurezza domestica X-Sense è il regalo di Natale perfetto per la sicurezza della tua famiglia

La soluzione migliore per me sarebbe il monitoraggio del sonno di Nest Hub e la segnalazione nellapp Fitbit, nel contesto dellattività. Quindi, come con la soluzione di Garmin, posso decidere quando saltare una sessione di allenamento pianificata perché non ho dormito correttamente, adottando un approccio a tutto il corpo, piuttosto che dati fuori contesto.

Scritto da Chris Hall.