Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Se vi siete mai chiesti perché certi dispositivi per la casa intelligente funzionano con alcuni e non con altri, vi interesserà conoscere Matter, l'ultimo standard di interoperabilità wireless che minaccia di scuotere il settore.

In lavorazione dal 2019, con aziende come Apple, Google, Amazon, Samsung e Zigbee al centro, l'artista precedentemente noto come"Project CHIP" è stato ora trasformato in un marchio lucido e formalizzato: Matter.

L'obiettivo di Matter è sempre lo stesso, ma ora tutto è destinato a diventare molto più ufficiale. I grandi nomi che stanno dietro al protocollo presto lanceranno i loro prodotti nel nuovo stato unificato, e questo ha inevitabilmente un effetto a catena per i consumatori.

E, come sempre, i meccanismi interni della casa intelligente, in continua evoluzione, possono essere complicati da decifrare.

Ecco perché abbiamo creato questa guida che spiega esattamente cos'è la Materia, cosa stanno facendo le aziende al riguardo e perché tutto ciò... è importante.

Quindi, tolta la battuta d'obbligo sulla materia, entriamo nel vivo.

Che cos'è la materia?

MatterCosè la Materia e perché è importante per la tua casa intelligente? foto 4

Come abbiamo già accennato, Matter è un nuovo protocollo di interoperabilità per le case intelligenti lanciato come sforzo congiunto da una manciata di grandi operatori del settore. Oltre 170 aziende sono coinvolte, con Apple, Samsung, Amazon, Google e la Zigbee Alliance come nomi più importanti.

Allora, perché l'hanno fatto e qual è lo scopo? Beh, la casa intelligente nella sua forma attuale è un po' disordinata.

I clienti devono assicurarsi che gli hub dedicati siano in grado di collegarsi con le periferiche giuste e devono anche decidere quali dispositivi sono adatti alla loro casa in base all'assistente e all'ecosistema in cui sono già inseriti.

È l'equivalente di non poter passare da una console all'altra per giocare allo stesso gioco, o di essere intrappolati in una piattaforma di streaming musicale a causa della propria libreria.

La casa intelligente, tuttavia, è un campo di battaglia più amichevole rispetto a questi settori, ed è per questo che le aziende hanno deciso di rendere l'intero sistema più semplice sia per i produttori che per i consumatori.

L'obiettivo di Matter, quindi, è quello di essere un protocollo di interoperabilità con modelli di dati standard che garantiscano il funzionamento dei dispositivi per la casa intelligente in diversi ecosistemi. Quindi, un display Amazon Echo Show dovrebbe ipoteticamente essere in grado di funzionare senza problemi con un campanello Google Nest così come con le sue offerte Ring, ad esempio.

Che ne sarà di Zigbee, Z-Wave e Thread?

MatterCosè la Materia e perché è importante per la tua casa intelligente? foto 5

Se non ve ne siete mai accorti prima, i vostri dispositivi domestici intelligenti sono tutti collegati tramite le forze attualmente dominanti: Zigbee e Z-Wave. Questa coppia, insieme a molti altri protocolli radio minori e al Bluetooth, non smetterà improvvisamente di connettere i vostri dispositivi ora che sta emergendo Matter.

Tuttavia, dato il ruolo di Zigbee Alliance nella creazione di Matter - e, per procura, dello standard wireless Zigbee - è molto probabile che continui a svilupparsi parallelamente, a creare un percorso verso Matter e forse anche a fondersi a un certo punto.

Il futuro di Z-Wave è più interessante da osservare. E anche se non sembra essere un partecipante attivo di Matter, è comunque coinvolto in qualche misura.

"Non è corretto pensare che Z-Wave sia seduto dall'altra parte di [Matter], non lo siamo", ha recentemente dichiarato a The Ambient Mitch Klein, direttore esecutivo di Z-Wave Alliance e direttore delle partnership strategiche di Silicon Labs.

"Non mi soffermerò su alcune delle loro sfide, perché le abbiamo tutti. Ma CHIP si concentra sull'IP. Mostratemi un dispositivo in grado di utilizzare l'IP su una batteria. Evitando la tana del coniglio, dico solo che non è solo Z-Wave, ma anche Zigbee a dover sviluppare un qualche tipo di percorso di comunicazione con CHIP, e quindi siamo in comunicazione e stiamo lavorando con loro".

Thread, invece, è un altro protocollo radio che sta per rilasciare certificazioni per alcuni dispositivi approvati da Matter. Abbiamo descritto in dettaglio la natura e i vantaggi nella nostra guida completa a Thread, ma ci aspettiamo che svolga un ruolo sempre più importante con lo sviluppo di Matter.

GoogleCosè la Materia e perché è importante per la tua casa intelligente? foto 6

Come sono coinvolti Google, Apple, Samsung e Amazon?

La questione è stata guidata da questi grandi marchi di case intelligenti e, ora che l'entusiasmo iniziale per la loro partecipazione si è spento, ognuno di loro sta illustrando esattamente cosa significhi andare avanti.

Google Nest

Google è stata una delle prime a farlo in dettaglio. Nell'ambito di un post sul blog che delinea quattro fasi che riguardano la casa intelligente di Google in senso lato, l'azienda ha dichiarato che tutti i display e gli altoparlanti Nest saranno aggiornati per consentire loro di controllare i dispositivi approvati da Matter. Ciò significa che l'Assistente Google sarà in grado di controllare qualsiasi dispositivo con il marchio Matter.

In occasione del Google I/O 2022, l'azienda ha rivelato esattamente quali dispositivi saranno aggiornati per diventare controller Matter, consentendo loro di connettersi a tutti i prodotti Matter e di essere controllati dall'app Google Home, dall'Assistente Google e dai controlli Android per la casa intelligente. I dispositivi che riceveranno l'aggiornamento includono l'altoparlante Google Home originale, Google Mini, Nest Mini, Nest Hub (prima e seconda generazione), Nest Hub Max, Nest Audio e Nest Wifi.

I dispositivi più recenti con supporto per Thread, come Nest Wifi, Nest Hub Max e Nest Hub (seconda generazione), diventeranno router con confine Thread, consentendo di connettersi ai dispositivi costruiti con Thread in tutta la casa.

È interessante notare che Google ha anche notato che il termostato Nest supporterà Matter (il che significa che, ipoteticamente, i proprietari saranno in grado di far controllare il dispositivo da un assistente intelligente diverso), anche se non si è parlato dello stesso per il vecchio Nest Learning Thermostat.

Google supporterà Matter anche attraverso i telefoni Android e permetterà di associare i prodotti Matter "con la stessa facilità con cui si collega un nuovo paio di cuffie" grazie alla tecnologia Google Fast Pair.

Amazon Alexa

Per non essere da meno di Google, Amazon si appresta ad aggiornare il suo Echo di quarta generazione a Matter, utilizzando il protocollo per creare un ponte tra sé e una rete Wi-Fi. Anche Eero, società di proprietà di Amazon, supporterà Matter e la maggior parte dei suoi router mesh è già dotata del supporto per Thread.

Non è ancora chiaro se altri modelli di Echo con chip Zigbee all'interno (la stessa tecnologia che sarà aggiornata nel quarto Echo) saranno in grado di agire come router di confine Thread, ma certamente sembra essere una possibilità.

Durante il CES 2022, l'azienda ha anche annunciato nuovi strumenti per gli sviluppatori per rendere più facile ai partner di Alexa smart home il supporto di Matter over Thread.

Apple HomeKit

Apple ha ora fornito alcuni dettagli sull'integrazione di Matter, affermando che sarà supportata in iOS 15, il che significa che sarà possibile utilizzare l'app Home per gestire i dispositivi Matter. Il supporto per gli accessori Matter all'interno dell'app Casa dovrebbe significare una maggiore flessibilità nel modo in cui si configura la casa intelligente e nel modo in cui tutto funziona perfettamente.

Samsung SmartThings

Samsung si è dimostrata molto interessata e ha annunciato che gli hub della sua piattaforma SmartThings saranno aggiornati per supportare Matter. Lo standard sarà in grado di fungere da controller per i suoi smartphone, TV ed elettrodomestici intelligenti, anche se non è ancora chiaro se ciò avverrà tramite Wi-Fi o Thread.

Al CES 2022, Samsung ha anche annunciato che il suo nuovo Home Hub supporterà Matter.

Cosa succede ai dispositivi domestici intelligenti esistenti?

La domanda più importante è quindi cosa significhi tutto questo per voi e per la vostra casa intelligente.

La nuova mini centrale elettrica portatile RIVER di EcoFlow è perfetta per i viaggi

Abbiamo visto come Matter prometta di semplificare il processo decisionale relativo agli ecosistemi e ai nuovi dispositivi, ma che dire dei dispositivi esistenti? Vengono supportati?

Purtroppo dipende dal loro hardware. I dispositivi abbastanza nuovi che funzionano tramite Wi-Fi o Thread dovrebbero passare a Matter prima o poi, tramite un aggiornamento del software o un bridge.

Tuttavia, è improbabile che i dispositivi vengano aggiornati singolarmente, secondo quanto riportato da Klein di Z-Wave tramite The Verge, dato che l'IPv6 comporta un pesante onere software per la maggior parte dei prodotti. Il lato positivo per questi dispositivi è che gli hub attraverso i quali comunicano saranno probabilmente aggiornati o collegati a Matter.

Ad esempio, Signify - l'azienda dietro Philips Hue e WiZ - aggiornerà i dispositivi Hue vecchi e nuovi per farli funzionare con Matter (grazie a Hue Hub), mentre fornirà il supporto a Matter solo ai futuri dispositivi WiZ.

Anche Nanoleaf, azienda produttrice di illuminazione intelligente, ha recentemente annunciato che porterà il supporto Matter sui dispositivi attuali e futuri.

Inoltre, come abbiamo descritto nella sezione precedente, Google porterà il supporto anche al termostato Nest, ma non alle versioni precedenti del dispositivo.

Per farla breve, tutti i dispositivi per la casa intelligente che non riceveranno un aggiornamento per il supporto di Matter saranno probabilmente attivi ancora per un bel po'.

Dato che anche il lancio di Matter è stato posticipato al 2022, a causa della difficoltà di preparare l'SDK e il processo di certificazione, in teoria i dispositivi esistenti hanno un po' più di tempo.

Tuttavia, se Matter accelererà come dovrebbe quando inizierà a collegare i dispositivi, i modelli precedenti dovrebbero lentamente perdere il supporto nei prossimi anni, il che ovviamente non è l'ideale. Fortunatamente per i consumatori, non si tratta di buttare via tutto il kit e ricominciare da capo: sembra che i produttori e la CSA stiano facendo tutto il possibile per collegare i gadget esistenti.

Dovreste aspettare ad acquistare nuovi gadget per la casa intelligente?

Attualmente ci troviamo nel periodo difficile che intercorre tra l'annuncio di Matter e il suo effettivo arrivo. Con il lancio di Matter previsto per la metà dell'anno, molti consumatori si chiederanno se sia il caso di procedere con l'acquisto di una casa intelligente o di aspettare.

Quando abbiamo chiesto al CEO di Connectivity Standards Alliance, Tobin Richardson, di partecipare al Podcast di Pocket-lint nel gennaio 2022, ha suggerito ai clienti di continuare a immergersi e a costruire le loro case intelligenti.

"La parte importante è ottenere l'esperienza che si desidera oggi", ha detto.

"Sto valutando un paio di nuovi termostati per la nostra casa. Non sono abilitati a Matter, ovviamente, perché non è ancora uscito, ma sappiamo che sono basati sul Wi-Fi - o l'azienda ha indicato che i suoi prodotti saranno aggiornati. Andate a prendere quello che fa al caso vostro. Molte cose saranno risolte dalle aziende stesse, in termini di aggiornamenti software".

Scritto da Conor Allison. Modifica di Adrian Willings.