Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Allultimo aggiornamento, Amazon ha reinventato il suo altoparlante intelligente, prendendo lamato Echo Dot e trasformandolo in più di un Echo Mini, con un nuovo design e prestazioni audio migliorate, ma mantenendo lo stesso ingombro.

Ma come si confronta questo con il suo grande rivale di Google? Questo è Amazon Echo Dot di quarta generazione contro Google Nest Mini.

Design e dimensioni

  • Echo Dot (quarta generazione): 100 x 100 x 89 mm, 328 g
  • Nest Mini: 98 x 98 x 42 mm, 173 g

Echo Dot e Nest Mini sembrano fratelli, entrambi offrono una finitura simile in quanto entrambi sono ricoperti di rete, entrambi utilizzano plastica riciclata nella loro costruzione ed entrambi hanno un ingombro simile.

La grande differenza è quellaltezza: con lEcho Dot che ha un design sferico, è molto più grande nel complesso. Ciò significa che lEcho Dot fa più di una dichiarazione sulla superficie su cui lo metti, mentre il Nest Mini è molto più discreto.

LEcho Dot pesa circa il doppio, quindi è complessivamente più consistente e ciò significa anche che vibra meno quando si alza il volume. Il Nest Mini, daltra parte, può essere montato a parete per comodità, mentre lEcho Dot di quarta generazione ha davvero bisogno di essere seduto su una superficie.

squirrel_widget_2683192

Comandi e connessioni

  • Echo Dot: Bluetooth, 3,5 mm, pulsanti di controllo, Alexa
  • Home Mini: Bluetooth, tocca per controllare, Assistente Google

LEcho Dot ha i controlli rialzati nella parte superiore con un anello luminoso attorno alla base, mentre il Nest Mini si affida ai tocchi per controllarlo. È una cosa minore, ma lEcho Dot è immediatamente più facile da controllare per una persona che non ha familiarità con esso, sebbene entrambi siano progettati principalmente per essere controllati tramite la voce, rispettivamente con Alexa o Google Assistant.

Il Nest Mini ha un interruttore fisico per disattivare il microfono, che è molto più deliberato rispetto alla pressione del pulsante dellEcho Dot.

LEcho Dot ha il vantaggio di offrire una connessione da 3,5 mm, nel caso volessi collegarlo a un altro dispositivo. Entrambi, tuttavia, hanno il Bluetooth, il che significa che puoi connetterti ad altri altoparlanti in modalità wireless, se lo desideri.

Qualità del suono

  • Echo Dot: altoparlante da 40 mm
  • Nest Mini: altoparlante da 40 mm

Entrambi questi dispositivi hanno un altoparlante da 40 mm e, come ci si potrebbe aspettare, le prestazioni sonore sono simili. Con entrambi questi dispositivi compatti, lobiettivo è ottenere quel piccolo formato. Tuttavia, entrambi gli altoparlanti si attivano verso lalto, mentre lEcho Dot ha un vantaggio con un alloggiamento più grande.

Lalloggiamento più grande e il peso maggiore significano che laltoparlante stesso ha più spazio e il risultato è un suono migliore, soprattutto quando si alza il volume. Ci sono meno vibrazioni e distorsioni e una maggiore chiarezza, anche se, in definitiva, questi dispositivi sono limitati dalle piccole dimensioni complessive degli altoparlanti.

Entrambi gli altoparlanti possono anche essere accoppiati in stereo se hai due Echo Dot o due Nest Mini e possono anche essere raggruppati con altri dispositivi nella stessa stanza o intorno alla tua casa.

Entrambi sono bravi anche nel rilevamento vocale e diremmo che sono più o meno alla pari: abbiamo scoperto che entrambi sono migliori dellEcho Dot di terza generazione.

squirrel_widget_168546

Assistente vocale e funzioni

  • Echo Dot: Alexa
  • Nest Mini: Assistente Google

Ovviamente entrambi questi dispositivi sono solo contenitori per lassistente intelligente che trasportano, Alexa per Amazon e Google Assistant per Nest Mini. Dei due, Alexa si sente come lassistente più naturale con cui parlare, offrendo anche la migliore qualità audio: lAssistente Google è spesso accompagnato da un sibilo quando risponde.

Ma Google Assistant è più intelligente, spesso in grado di rispondere a domande che Alexa non riesce a capire, senza dubbio guidata dalla miniera di informazioni che Google ha a sua disposizione.

Alexa è un gateway per lo shopping Amazon, se è quello che vuoi, mentre si interfaccia con altre proprietà Amazon, come Fire TV, mentre Nest Mini funzionerà con Chromecast.

In definitiva, le abilità intelligenti che offrono sono simili: una volta associati i servizi intelligenti nelle rispettive app, entrambi controlleranno unampia gamma di dispositivi connessi come prese, luci e riscaldamento e in generale cè pochissima differenza.

Google ha un leggero vantaggio essendo un servizio nativo per dispositivi Android (quindi tutto ciò che puoi fare su Home Mini puoi farlo tramite voce sul tuo telefono Android), ma Amazon compensa la maggior parte di questa carenza tramite lapp Alexa.

Conclusioni

In definitiva, il grande fattore decisivo qui è quale assistente intelligente ti trovi meglio, perché è quello che costruirà il tuo sistema in futuro. Alexa sui dispositivi Echo offre una vasta gamma di opzioni, con molti più dispositivi hardware di quelli che Google ha da offrire, ad esempio Echo Auto, Echo Flex.

Google offre una migliore integrazione con il telefono ed è un servizio più intelligente, ma è meno naturale parlare e ci sono meno scelte hardware di Google in generale.

Quando si tratta di qualità del suono, lEcho Dot di quarta generazione ha il vantaggio ed è migliore come altoparlante indipendente, mentre lHome Mini è più compatto e può essere alloggiato discretamente in modi che non puoi fare con il nuovo Echo Dot.

Per quanto riguarda il prezzo, non cè niente. Entrambi hanno lo stesso prezzo, anche se è probabile che entrambi vengano regolarmente scontati e il Nest Mini è attualmente molto più economico.

Scritto da Chris Hall.