Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Il MacBook Pro (M2, 2022) rappresenta una delle uscite più curiose di Apple negli ultimi tempi.

A differenza del MacBook Air ridisegnato, questo MacBook Pro aggiornato è stato in gran parte lasciato inalterato. Rispetto alla generazione precedente, c'è un solo cambiamento: l'introduzione del nuovo processore M2.

Sulla carta, questo portatile rappresenta un'opzione per coloro che desiderano la Touch Bar o, allo stesso modo, per coloro che vogliono l'etichetta "Pro" senza dover arrivare ai prezzi elevati del rinnovato duo di MacBook Pro in uscita nel 2021.

Tuttavia, sospettiamo che si tratti di un gruppo di nicchia. È anche vero che quest'ultimo MacBook Pro ha un design più vecchio, meno porte e una fotocamera di qualità peggiore rispetto al nuovo MacBook Air - e costa di più.

Quindi, qual è la vera storia di questo portatile Apple rivisto? È ancora un'opzione da prendere in considerazione o è meglio passare direttamente all'M2 Air? Lo abbiamo messo alla prova per scoprirlo.

Il nostro parere veloce

A causa della natura dell'ultimo MacBook Air annunciato insieme ad esso, il MacBook Pro (M2, 2022) si trova in una posizione strana nella gamma di prodotti Apple. Non solo l'Air è più economico, ma presenta anche specifiche migliori.

Per questo, naturalmente, ci sono molte speculazioni sul perché questo dispositivo sia ancora presente nella gamma. Apple vuole forse assicurarsi di avere un'offerta "buona", "migliore" e "migliore" con i modelli da 13, 14 e 16 pollici? Era semplicemente molto semplice per l'azienda sostituire il processore M1 con un processore M2 e farla finita?

Qualunque sia la ragione, il nuovo processore contenuto all'interno continua a spingere al massimo le possibilità dei portatili Apple. Anche nel breve lasso di tempo trascorso dall'uscita del modello M1, la tecnologia Apple ha fatto passi da gigante.

In definitiva, questo è ancora un ottimo portatile, ma non è il più conveniente.

Quindi, la domanda da porsi è: conviene abboccare all'amo e godere di questa velocità in un design vecchio, oppure aspettare un po' di più per il più desiderabile MacBook Air. Anche se abbiamo giocato solo brevemente con l'Air prima del suo rilascio completo a luglio, sospettiamo fortemente che sarà la scelta migliore per la maggior parte degli utenti.

Recensione dell'Apple MacBook Pro (M2, 2022): Un vecchio amico che si arricchisce di prestazioni

Recensione dell'Apple MacBook Pro (M2, 2022): Un vecchio amico che si arricchisce di prestazioni

4.0 stelle
Pro
  • Prestazioni molto veloci
  • Durata della batteria superba
  • Ottimo display
  • Design ancora molto funzionale
Contro
  • Manca un design più recente
  • Touch Bar ancora presente
  • Nessuna nuova funzione
  • Porte minime

squirrel_widget_12853060

Stesso design

  • Display da 13,3 pollici retroilluminato a LED; luminosità 500 nit; risoluzione 2560 x 1600
  • Rete wireless 11ax Wi-Fi 6; compatibile con IEEE 802.11a/b/g/n/ac
  • 2 porte Thunderbolt / USB 4; jack per cuffie da 3,5 mm
  • Tastiera Magic Keyboard retroilluminata full-size
  • Touch Bar e Touch ID

Per farla breve, l'iterazione 2022 del MacBook Pro da 13 pollici non è cambiata affatto rispetto al modello M1 2020. Ciò significa che il design è ancora lo stesso, con le due porte Thunderbolt USB-C, il jack da 3,5 mm per le cuffie e la Touch Bar che è stata eliminata nei modelli più recenti.

Pocket-lintApple MacBook Pro foto 2

Il modello è dotato dello stesso display da 13,3 pollici e di una webcam da 720p per le videochiamate più importanti.

Se siete già utenti di MacBook Pro, il design non si discosta molto da quello che già possedete, come del resto non lo è più da quando è stata introdotta la Touch bar.

Funziona, ma, a nostro avviso, non è nemmeno lontanamente paragonabile al raffinato MacBook Pro da 14 pollici o al nuovo MacBook Air, dotati di schermi più grandi, fotocamere migliori e un maggior numero di porte.

Pocket-lintApple MacBook Pro foto 6

Questo non significa però che l'aspetto di questo modello sia da bocciare completamente. I modelli Pro sono sempre stati robusti e pronti per essere infilati in una borsa, e questo approccio non cambia.

Si potrebbe anche sostenere che il fattore di forma leggermente più piccolo (13,3 pollici, rispetto al MacBook Air da 13,6 pollici) lo rende un po' più adatto ai viaggi in termini di dimensioni, anche se è comunque più pesante di 200 g.

Prestazioni dell'M2

  • CPU a 8 core / GPU a 10 core
  • Motore neurale a 16 core

Se da un lato il design è cambiato, dall'altro la grande differenza è rappresentata dalle prestazioni. Il MacBook Pro da 13 pollici ha ora al suo interno il nuovo processore M2, che è la prossima iterazione del processore M1 annunciato nel 2020.

Almeno sulla carta. Va notato che, nonostante il processore M2 rappresenti un'evoluzione del processore M1, non è così avanzato in ogni settore come l'M1 Pro, l'M1 Max o l'M1 Ultra utilizzati in dispositivi come i modelli di MacBook Pro 2021 o il Mac Studio.

Pocket-lintApple MacBook Pro foto 1

Tuttavia, per confondere ulteriormente le idee, l'M2 dispone delle stesse capacità di elaborazione video dell'M1 Ultra, consentendo l'editing di filmati in 4K e 8K, cosa che nemmeno i dispositivi MacBook M1 Pro o M1 Max sono in grado di fare. Se avete intenzione di fare editing video, quindi, questo sarà sicuramente interessante.

In termini di prestazioni generali, l'M2 è dotato di CPU a 8 core, GPU a 10 core e Neural Engine a 16 core con una configurazione di base di 8 GB di memoria unificata.

A differenza del modello MacBook Pro da 14 pollici, disponibile in due configurazioni M1 Pro, la vita è più semplice nella fascia entry-level della gamma. Le uniche possibilità di upgrade sono quelle di aggiungere più memoria (16GB o 24GB) o più spazio di archiviazione (512GB, 1TB, 2TB).

Pocket-lintApple MacBook Pro foto 4

In azione, l'M2 è veloce come ci si aspetterebbe.

Un video 4K di 9 minuti e 40 secondi, di circa 3,7 GB, ha richiesto poco meno di due minuti per essere esportato in iMovie con le impostazioni più elevate (4K, Best, ProRes, Better Quality) sul MacBook Pro da 13 pollici con processore M2.

Lo stesso file impiega oltre tre minuti per essere esportato su un Mac mini con processore M1 e 16 GB di RAM che abbiamo in ufficio. Si tratta di una differenza notevole, che sicuramente velocizzerà il flusso di lavoro di un videografo, anche se si tratta di margini sottili.

L'M2 si confronta bene anche con il MacBook M1 Pro (32 GB di RAM). Il file richiede solo 57 secondi per la macchina più potente, ma, con un costo quasi doppio, c'era da aspettarselo.

Questo perché l'esportazione di file ProRes è potenziata in modo specifico dall'accelerazione ProRes del motore multimediale M2. Quindi, anche se l'esportazione ProRes è di dimensioni maggiori e di qualità superiore, è più veloce rispetto al progetto di confronto 4K.

E il risparmio di tempo è enorme. L'esportazione dello stesso file con un'impostazione inferiore ha richiesto più del doppio del tempo sull'M2. Se siete alla ricerca di tempi di esportazione rapidi, un dimezzamento dei tempi è molto gradito.

Pocket-lintApple MacBook Pro foto 8

Quando non si esportano video 4K, le applicazioni e i giochi in generale funzionano perfettamente. I tempi di apertura sono minimi, tutto è fluido e, nonostante il modello sia dotato di supporto per la ventola quando si spinge il processore al limite, non l'abbiamo ancora sentito entrare in azione.

Questo è un ottimo segno di quanto sia facile gestire la maggior parte delle applicazioni e dei compiti, anche se la storia era simile quando si utilizzava il modello di ultima generazione.

L'M2 è la successiva evoluzione logica dell'M1 e, con esso, si ottengono i miglioramenti di velocità che ci si aspetta.

Queste piccole modifiche, unite a una memoria unificata che può essere spostata a piacimento per supportare al meglio le vostre applicazioni, significano che non dovreste avere molti problemi a utilizzarlo come driver quotidiano.

Quanto dura il MacBook Pro?

  • Durata della batteria di 20 ore

Secondo Apple, l'aumento delle prestazioni non dovrebbe influire sulla durata della batteria. Infatti, grazie ai progressi compiuti nel reparto processori, la durata della batteria dovrebbe essere ancora più lunga: 20 ore, che la renderebbero migliore delle 18 ore del nuovo MacBook Air.

Stiamo ancora mettendo alla prova queste affermazioni sulla durata della batteria, ma finora ci siamo goduti una delle batterie più durature che abbiamo mai testato su un MacBook Pro.

La durata è paragonabile a quella del MacBook Pro M1 (circa 13 ore), ma può essere prolungata se si abbassa la luminosità dello schermo e ci si limita alle applicazioni standard.

La durata dipende dall'uso che se ne fa, come per tutti i dispositivi. Se si alza al massimo lo schermo da 500 nit e si inizia a montare video in 8k, ad esempio, si vedrà presto la barra della batteria precipitare.

Perché un laptop Nvidia GeForce RTX serie 30 è la miscela perfetta di potenza e portabilità

Continueremo a testare il dispositivo in diversi flussi di lavoro per avere un quadro più chiaro, ma per ora possiamo dire che il portatile ci ha permesso di arrivare a fine giornata senza troppi sforzi. E questo è un buon inizio.

squirrel_widget_12853060

Per ricapitolare

Il MacBook Pro (M2, 2022) offre l'ultimo processore entry-level di Apple a un modello esistente ancora molto funzionale. Solo che non è il più conveniente. Quindi, se non vi interessa avere la Touch Bar e non desiderate il nome "Pro", vi consigliamo di aspettare di vedere come si comporta il nuovo MacBook Air. Ci aspettiamo che questo sia il modello migliore per la maggior parte delle persone.

Scritto da Stuart Miles.