Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - La continua spinta di Apple a fornire all'industria creativa opzioni più potenti ha portato al lancio di una nuova categoria di Mac per la prima volta dal 2005.

Il Mac Studio - che apparentemente si trova tra il Mac mini e il Mac Pro - è la risposta dell'azienda a coloro che vogliono più potenza (completo del silicio M1 Max/Ultra di Apple) senza fare il pieno del completamente personalizzabile (e ancora Intel -alimentato) Mac Pro.

Quindi come si accumula? Abbiamo vissuto con il Mac Studio per scoprirlo.

Il nostro parere veloce

Per la maggior parte delle persone il Mac Studio sarà eccessivo. È il Mac più potente che abbiamo mai testato. Tuttavia, se hai a che fare con file di grandi dimensioni - e intendiamo file di grandi dimensioni - giorno dopo giorno, questo soddisferà quelle esigenze ... e poi alcune.

Il Mac Studio è chiaramente un sostituto dell'iMac Pro o dell'iMac standard da 27 pollici , che ora sono entrambi fuori produzione, ma con l'ulteriore vantaggio di poter personalizzare le opzioni di visualizzazione e aggiungere uno Studio Display se ti senti particolarmente sciacquone.

Vale anche la pena notare che Apple deve ancora rilasciare un Mac Pro con silicio Apple all'interno. Questo è un dispositivo che Apple ha voluto sottolineare al suo evento " Peek Performance" di marzo 2022 che stava ancora arrivando (ci aspettiamo un annuncio del WWDC di giugno) e dato che dovrebbe essere ancora più potente, lo sappiamo, giusto, come? - potresti voler aspettare per vedere cosa offre, soprattutto se sei nella fascia alta dell'offerta di Mac Studio e stai cercando, beh, superpoteri.

Il Mac Studio stabilisce una nuova barra per le prestazioni. È uno che sarà difficile da battere da chiunque.

Recensione di Apple Mac Studio: scatena i tuoi superpoteri

Recensione di Apple Mac Studio: scatena i tuoi superpoteri

5 stars - Pocket-lint editors choice
Pro
  • Incredibilmente potente
  • Un sacco di porte
  • Slot per schede SDXC sulla parte anteriore per un facile accesso
  • Molte opzioni di aggiornamento
Contro
  • Non aggiornabile una volta acquistato
  • Disponibile solo nelle opzioni M1 Max o Ultra
  • Estremamente costoso

squirrel_widget_6662416

Design

  • Porte posteriori: 4x USB-C 4/Thunderbolt 4, 1x 10Gb Ethernet, 2x USB-A, 1x HDMI, 1x jack per cuffie da 3,5 mm
  • Porte anteriori: 2x USB-A (modello M1 Max) / 2x Thunderbolt 4 (M1 Ultra)
  • Dimensioni: 95 mm di altezza x 197 mm di ingombro quadrato
  • Peso: 2,7 kg (M1 Max) / 3,6 kg (M1 Ultra)

Il modo più semplice per descrivere l'aspetto di Mac Studio è come un Mac mini potenziato. Caratterizzata dallo stesso linguaggio di design, la scatola di forma quadrata, realizzata per l'80% in alluminio riciclato, starà saldamente sulla tua scrivania ed è all'incirca della stessa altezza di due Mac mini posizionati uno sopra l'altro. Presenta gli stessi bordi arrotondati e il solito logo Apple lucido sulla parte superiore.

Questo è più o meno dove finiscono le somiglianze però. Comprendendo la costante necessità di collegare i dispositivi, ci sono due porte USB-C nella parte anteriore (Thunderbolt 4 più veloce se si opta per il modello M1 Ultra), accanto a uno slot per schede SDXC in modo da non dover rovistare sul retro quando importi video e immagini dalla tua fotocamera.

Sul retro del dispositivo troverai ancora più porte. Apple ha bandito qui ogni ricordo di un "futuro senza porte". In effetti, ci sono così tante porte su Mac Studio che alcuni potrebbero sostenere che assomigli più a una grattugia per formaggio che a un computer desktop all'avanguardia. Tuttavia, quelle quattro porte Thunderbolt 4 qui dietro saranno utili, soprattutto se desideri più monitor.

Pocket-lintFoto di recensione di Apple Mac Studio 3

Vale anche la pena notare che, come il Mac mini, Mac Studio è solo una parte della soluzione per un flusso di lavoro Mac migliore. Nella confezione troverai il Mac Studio e il cavo di alimentazione e nient'altro. Per iniziare, avrai bisogno di un monitor, una tastiera, più un mouse o un trackpad.

Prestazione

  • Due opzioni di base:
    • 1. Apple M1 Max (CPU a 10 core, GPU a 24 core)
      • Configurabile per CPU a 10 core con GPU a 32 core
    • 2. Apple M1 Ultra (CPU 20 core, GPU 48 core)
      • Configurabile con CPU a 20 core con GPU a 64 core
  • Memoria unificata:
    • M1 Max: 32 GB (configurabile a 64 GB)
    • M1 Ultra: 64 GB (configurabile a 128 GB)
  • SSD: opzioni da 512 GB o 1/2/4/8 TB

Sebbene il design sia una delle sottigliezze del Mac Studio, è probabile che gli aspiranti proprietari siano interessati alla potenza che offre. Oh, lo fa certamente.

Sono disponibili due configurazioni di base: l'entry-level presenta il processore M1 Max di Apple con una CPU a 10 core, una GPU a 24 core e un motore neurale a 16 core; ottieni anche 32 GB di memoria unificata e 512 GB di spazio di archiviazione SSD.

L'altro viene fornito con il processore Apple M1 Ultra con una CPU a 20 core, una GPU a 48 core e un motore neurale a 32 core; ci sono anche 64 GB di memoria unificata e 1 TB di storage SSD.

Pocket-lintFoto di recensione di Apple Mac Studio 7

Entrambi i modelli possono quindi essere ulteriormente aggiornati. Spunta tutte le caselle e ti ritroverai con un Apple M1 Ultra con una CPU a 20 core, una GPU a 64 core e un motore neurale a 32 core. Puoi anche eseguire l'aggiornamento a 128 GB di memoria unificata (lascia che affondi per un momento) e 8 TB di spazio di archiviazione SSD.

Tutta quella potenza è ora disponibile grazie a un nuovo processore Apple: l' M1 Ultra che si trova in cima alla pila dei processori M1.

Utilizzando una nuova tecnologia che Apple chiama UltraFusion - che, per inciso, non dovrebbe essere confusa con un personaggio del Marvel Cinematic Universe - la società ha escogitato un modo per unire due processori M1 Max senza che il sistema creda che siano due chip separati.

La nostra unità di prova presentava l'M1 Ultra di fascia alta con processore di fascia alta e aggiornamenti della memoria, oltre a un'unità da 2 TB. Le statistiche diventano presto sbalorditive (così come il prezzo): il prezzo standard di £ 3999/$ 3999/€ 4599 aumenta di ulteriori £ 1000/$ 1000/€ 1150 per l'aggiornamento del processore, ulteriori £ 800/$ 800/€ 920 per la memoria e £400/$400/€460. Il totale della nostra macchina? Un fantastico £/$ 6.199 o € 7.129.

Sono un sacco, tipo, un sacco di soldi. Inoltre, non è aggiornabile dopo il fatto, quindi una volta bloccato in quell'ordine, il gioco è fatto, non puoi aggiungere più memoria o altro internamente.

Ma messa in termini reali, la semplicità con cui Studio è in grado di gestire file ad altissima risoluzione e bitrate elevato è semplicemente sbalorditiva. Scorrendo i file di anteprima 8K in Final Cut Pro o una sequenza temporale con più flussi video 8K impilati l'uno sull'altro, si potrebbe presumere che ci sarebbero molti fotogrammi che cadono, balbettano e soffocano. Ma no, l'M1 Ultra con tutta quella memoria lo gestisce senza intoppi, come se gli avessi chiesto solo di svolgere un compito semplice.


Pocket-lintFoto di recensione di Apple Mac Studio 8


Quindi, quando vuoi esportare detto file, ci vuole relativamente poco tempo. Un video 8K di 34 secondi esportato come file da 16 GB in soli 24 secondi. Al contrario, lo stesso file sull'ancora molto potente MacBook Pro da 14 pollici (che esegue un processore M1 Pro con 32 GB di memoria unificata) ha impiegato 24 minuti per lo stesso compito. Dire che lo Studio è potente è dire poco.

Ma non è solo in Final Cut Pro. Il Mac Studio non è turbato praticamente da tutto. Le anteprime dal vivo di enormi modifiche all'interno di un file Raw in Adobe Photoshop appaiono istantaneamente come se fosse un semplice JPEG. Anche i file Logic Pro con centinaia di tracce audio non sono un problema. Non siamo riusciti a trovare nulla con cui Mac Studio abbia lottato.

Studio di visualizzazione

Tutta quella potenza richiede - anzi, si aspetta - un display decente su cui mostrare tutto il tuo lavoro. Quindi, accanto al Mac Studio, Apple ha rilasciato anche lo Studio Display .

Un passo indietro rispetto all'offerta Pro Display XDR dell'azienda, questo nuovo display Retina 5K da 27 pollici, che viene fornito con opzioni di supporto regolabili in altezza e inclinazione, offre True Tone , 600 nit di luminosità e un'ampia gamma di colori P3. C'è un'opzione di un rivestimento in vetro nano-texture per ridurre ulteriormente l'abbagliamento dello schermo (che, sì, costa ancora più denaro).

Pocket-lintFoto di recensione di Apple Mac Studio 1

Seguendo le orme dei display Thunderbolt Cinema originali dell'azienda, lo Studio Display è dotato anche di una fotocamera ultra-wide da 12 megapixel con Center Stage , un array tri-mic e sei altoparlanti che supportano l' audio spaziale di Apple. A parte quando modifichi video o foto, queste specifiche lo rendono un monitor perfetto per lo zoom.

Collegandosi tramite Thunderbolt 4, Mac Studio può eseguire quattro Studio Display più una TV 4K aggiuntiva; nessuno di questi "solo due display" è spazzatura come il Mac mini. Scherziamo. Oltre alle porte del Mac Studio, lo Studio Display aggiunge le sue tre porte USB-C e una porta Thunderbolt 3.

Le due domande che dovrai porti, però, sono se la tua scrivania è abbastanza grande da contenere così tanti display e hai una sedia girevole? Perché c'è molto schermo in più da guardare.

Per ricapitolare

Per la maggior parte delle persone il Mac Studio sarà eccessivo. È il Mac più potente che abbiamo mai testato. Tuttavia, se hai a che fare con file di grandi dimensioni - e intendiamo file di grandi dimensioni - giorno dopo giorno, questo soddisferà quelle esigenze ... e poi alcune.

Scritto da Stuart Miles. Modifica di Cam Bunton.