Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - La linea Ricoh GR ha una lunga tradizione, un baluardo delle fotocamere compatte a obiettivo fisso. Nel GR III - che è stato annunciato per la prima volta come in fase di sviluppo al Photokina 2018 - il marchio giapponese evita il moderno mondo degli smartphone e gli obiettivi zoom in continua crescita per offrire una nuova fotocamera su piccola scala con un sensore di grandi dimensioni che è ancora tutto GR nella sua consegna.

Ma la GR III non è una fotocamera bloccata al 100% nei suoi modi. Sì, ha un obiettivo da 28 mm f/2.8 (equivalente), il che significa niente zoom per motivi di qualità ottica. Ma questo nuovo modello introduce il controllo touchscreen, la connettività Wi-Fi e Bluetooth, un sensore completamente nuovo con una risoluzione più alta che mai per la serie, insieme a funzionalità macro migliorate senza la necessità di componenti aggiuntivi.

Certo, il GR III non sarà per tutti. Ma se stai cercando da tempo una fotocamera tascabile con un sensore APS-C, beh, non cè molto altro là fuori. La Fujifilm X100F avrà davvero bisogno di tasche molto grandi, mentre la Panasonic Lumix LX100 II (ok, lo sappiamo, ha un sensore Micro Quattro Terzi) ha un obiettivo zoom per un diverso pubblico di destinazione. Nel complesso, quindi, il GR III colpisce la sua nicchia con tutte le note giuste?

Design

  • Obiettivo fisso a 28 mm, f/2.8 (equivalente)
  • Touchscreen LCD da 3 pollici e 1040k punti
  • Pulsanti ADJ e Fn personalizzabili
  • Hotshoe per accessorio mirino
  • Dimensioni: 109 x 59 x 26 mm
  • Connettività Wi-Fi e Bluetooth
  • Ricarica USB-C

Se hai familiarità con la GR II, sarai soddisfatto di come la III è stata ridimensionata in una fotocamera compatta più piccola e veramente tascabile. Non è proprio la Sony RX100 VI nella sua scala, ma la Ricoh ha un sensore molto più grande, quindi il suo telaio delle dimensioni di un palmo è impressionante tutto considerato.

Quelle piccole dimensioni possono sembrare un po pignoli durante luso, tuttavia, con la rotella anteriore incastrata in qualche modo nel corpo e non sempre naturale nella sua posizione. Se sei già un utente GR, ti sentirai subito a casa, però, poiché questo è stato a lungo parte del formato di progettazione.

In vero stile fotocamera compatta, la GR III non ha un mirino. È una fotocamera basata su schermo in tutto e per tutto, grazie in parte al suo design piccolo. Puoi aggiungere un accessorio per il mirino ottico tramite lhotshoe se ne acquisti uno o se ne possiedi già uno da un acquisto precedente (lobiettivo da 28 mm ha la stessa lunghezza focale, quindi corrisponderà).

Lobiettivo è il più grande da asporto per una fotocamera di questo tipo. Poiché è fisso, ottieni una visione unica del mondo. Lottica equivale a 28 mm e ha unapertura rapida f/2.8 disponibile (regolata usando la rotella, poiché qui purtroppo non cè lanello di controllo dellapertura). Ci sono modalità di ritaglio equivalenti a 35 mm e 50 mm, in cui la fotocamera produce un output a risoluzione inferiore con laspetto di una lunghezza focale più lunga, ma questo è il tuo destino, non cè interruttore dello zoom o aggirare il modo in cui è costruita questa fotocamera.

Che è il punto, davvero. Un obiettivo fisso, per lutente giusto, è "meravigliosamente restrittivo". Saprai cosa si adatterà al telaio e inizierai a guardare con quella lungimiranza. Otterrai angoli e bordi più nitidi nelle immagini rispetto a un concorrente equivalente. Dovrai fare qualche passo avanti o indietro di tanto in tanto per considerare davvero uninquadratura interna accurata.

Tuttavia, non è tutto old skool a suo modo, con una porta USB-C per una ricarica più rapida, Wi-Fi e Bluetooth se si desidera condividere con un altro dispositivo e controlli touchscreen per semplificare il lavoro di selezione della messa a fuoco.

Prestazione

  • Il sistema di autofocus ibrido combina il rilevamento di fase e il rilevamento del contrasto
  • Modalità AF: Auto, Area, Pinpoint, Tracking, Face Detection
  • Messa a fuoco automatica continua disponibile
  • Sistema di rimozione della polvere (DRII)
  • Tempo di avvio della fotocamera di 0,8 secondi
  • Modalità macro a 6 cm

È con questo touchscreen che, per noi, il GR III sembra molto più aggiornato del suo predecessore. Avere la possibilità di toccare lo schermo dove dovrebbe essere il punto di messa a fuoco è una manna dal cielo che accelera così tanto il modo di lavorare. Se non fa per te, disattivalo semplicemente tramite le impostazioni del menu.

Pocket-lintRicoh GR III recensione immagine 3

Tuttavia, qui non cè uno schermo LCD ad angolazione variabile, cosa che troviamo deludente. Essere in grado di inquadrare con successo gli scatti a livello della vita o dallalto sarebbe un enorme vantaggio da una piccola fotocamera come questa. Detto questo, laggiunta di una tale funzionalità aumenterebbe effettivamente la larghezza della fotocamera e pregiudicherebbe la sua stessa capacità di essere così piccola in prima istanza.

Pertanto, dovrai tenere docchio quello schermo, che offre un aumento della luminosità di +/- 2 per luso allaperto. Sicuramente utile per noi quando siamo fuori nella soleggiata città di Londra per un tour di tiro a segno. Tuttavia, lo schermo diventa sorprendentemente caldo durante luso - qualcosa che non vedevamo da nessuna fotocamera da un po di tempo, e che suggerisce una cattiva gestione del calore (in più quel calore non si sente al meglio contro le mani!).

La messa a fuoco automatica è una di quelle funzionalità che i produttori affermano da sempre come la più veloce che tu abbia mai visto. Non così con Ricoh. Non ci sono tempistiche quotate - escludendo il tempo di avvio della fotocamera di 0,8 secondi da freddo - per mostrare quanto sia veloce il sistema AF. Forse perché, beh, questo sistema ibrido (che combina pixel a rilevamento di fase sul sensore con rilevamento di contrasto) semplicemente non è il più veloce. E a causa del modo in cui è progettato lobiettivo, se stai scattando macro, allora dovrà spostarsi fisicamente per ottenere la messa a fuoco che può rallentare le cose e far sì che il sistema cerchi la messa a fuoco.

Pocket-lintRicoh GR III recensione di campioni della fotocamera immagine 7

La macro è piuttosto impressionante, tuttavia, con messa a fuoco possibile fino a 6 cm di distanza. Poiché lobiettivo si muove, il rapporto visibile può cambiare durante la composizione, il che è un po difficile, ma è abbastanza facile da compensare regolando la distanza e mettendo a fuoco nuovamente. La messa a fuoco del touchscreen è particolarmente utile qui. E non è necessario alcun allegato per rendere possibili le riprese ravvicinate: è sufficiente colpire il simbolo del "fiore" per calciare le cose in azione.

La messa a fuoco automatica è disponibile in una varietà di gusti, dallarea automatica allAF a punto singolo, fino a individuare una precisione specifica. Ma se sei un vero fotografo di strada, potresti non utilizzare affatto il sistema: è disponibile anche Snap AF, dove è possibile fissare la distanza di messa a fuoco e lapertura. È ciò per cui erano noti i classici sparatutto dellinizio del XX secolo, quindi potresti voler impostare i filtri su bianco e nero per una maggiore emulazione di quellepoca!

Qualità dellimmagine

  • Nuovissimo sensore CMOS da 24 megapixel
  • Stabilizzazione dellimmagine a tre assi
  • Elaborazione GR Engine 6
  • ISO 100 - 102.400
  • File raw a 14 bit
  • Filtri immagine

Dove il GR III brilla davvero è con la sua qualità dellimmagine. Una combinazione di vetro di alta qualità, apertura massima f/2.2 veloce, sensore di grandi dimensioni e stabilizzazione dellimmagine a tre assi si combinano per ottenere un effetto meraviglioso.

Sono queste cose che nessuno smartphone può offrire - e quando togli le immagini dal piccolo schermo da 3 pollici della fotocamera GR e le guardi su una scala più ampia, è possibile sentire la magia che sta accadendo. Molto dipende dalla profondità di campo; come uno scatto altrimenti banale di lattine di Coca Cola in un frigorifero presenta improvvisamente più profondità e qualità filmica di quanto sia possibile vedere ad occhio in questo momento.

Ricoh ci tiene a sottolineare che tutto è nuovo per questa fotocamera: nuovo sensore, nuovo processore di immagini, nuovo obiettivo.

Quando abbiamo usato il GR originale molti anni fa, ci siamo divertiti piuttosto, ma abbiamo trovato alcune aberrazioni nelle immagini (ombre marginali viola al minimo) che sono assenti nei JPEG che abbiamo visto dal GR III. Sebbene la natura grandangolare dellobiettivo causi una certa distorsione, la nitidezza rimane forte nella maggior parte dellinquadratura. Allora cè un segno di spunta nella casella "nuovo obiettivo".

Anche il nuovo sensore e il processore si combinano per fare un buon lavoro in generale. Il bilanciamento del bianco automatico è eccezionale. Il dettaglio è ottimo senza uneccessiva nitidezza. Il rumore dellimmagine è trattenuto un po meglio rispetto alle precedenti iterazioni, ma non è certamente assente, con la luce del giorno e gli scatti con luce media che offrono risultati nitidi e profondi.

Pocket-lintRicoh GR III esamina i campioni della fotocamera immagine 3

Perché, oh perché, cè unopzione di sensibilità ISO 102.400, tuttavia, non lo sappiamo - anche nel file JPEG è uninfarinatura di rumore di colore che è come una nuvola di locuste colorate. Attenersi alle sensibilità più basse fino a quattro cifre e i risultati sono comunque eccellenti. La GR III sarà unottima fotocamera in condizioni di scarsa illuminazione per luso a mano libera a causa della sua apertura rapida, non delle sensibilità ISO ultra elevate.

Cè anche la stabilizzazione a tre assi per la prima volta in una fotocamera Ricoh GR. È stato preso da Pentax, senza dubbio, il che significa che è del tutto capace, ma non così avanzato come i sistemi a cinque assi di alcuni concorrenti che sono usciti da un certo numero di anni. Tuttavia, avere lopzione della stabilizzazione è meglio che no, quindi siamo lieti che ora abbia un posto donore.

Le migliori fotocamere DSLR 2022: tutte le migliori fotocamere con obiettivi intercambiabili disponibili per l'acquisto oggi

Prime impressioni

La Ricoh GR III è una fotocamera compatta che tira le corde del cuore di fascia alta. Per gli utenti che hanno familiarità con la line-up, questa fotocamera evocherà le stesse sensazioni di una volta: è molto particolare nelluso, molto focalizzata con il suo obiettivo fisso, molto capace di fornire immagini potenti e impressionanti.

È anche un po più al passo con i tempi grazie ai controlli touchscreen che trasformano la velocità e la facilità duso, mentre la condivisione Wi-Fi e Bluetooth e la connettività e la ricarica USB-C aggiungono un tocco di grandezza moderna.

Come sempre, però, arriva con un avvertimento: la GR III è una fotocamera di nicchia a causa del suo obiettivo fisso (sì, non cè lo zoom qui). E in un mondo di smartphone il pubblico complessivo per una fotocamera del genere è più che probabile che stia diminuendo. Ma come prodotto di nicchia con un pubblico di nicchia, pensiamo che Ricoh, nel complesso, abbia abbassato questo prodotto, dimostrando che cè ancora vita nel classico.

Considera anche

Pocket-lintPanasonic Lumix LX100 Mark 2 immagine principale 2

Panasonic Lumix LX100 Mark II

squirrel_widget_145441

Una proposta diversa: se vuoi un po di zoom (24-75mm) e un po più di controllo (ghiera dellobiettivo e ghiera dei diaframmi) allora lLX100 II, con il suo sensore Micro Quattro Terzi (un po più piccolo dellAPS-C, ma non da carichi) e mirino integrato, è una proposta interessante. Tuttavia, il modello di seconda generazione non ha revisionato il modello di prima generazione e questa fotocamera non è tascabile come la Ricoh.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 1

Fujifilm X100F

squirrel_widget_140051

Unaltra proposta molto diversa: lX100F offre un obiettivo fisso e dimensioni del sensore APS-C, ma in un corpo che è dominato dal suo mirino a doppio formato (è più ampio della scena, ma può sovrapporre componenti digitali per aiutare con linquadratura), il che rende per un modo di lavorare molto diverso. Ci piace, ma non sarà per tutti. Oh, e anche qui le riprese macro sono fuori dalla finestra.

Scritto da Mike Lowe.