Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Saluta la Olympus OM-D E-M10 per il suo terzo inning, in forma Mark III.

Questa nuova aggiunta alla famiglia OM-D vanta molte delle stesse caratteristiche che amiamo della gamma OM-D: il sensore Micro Quattro Terzi e una serie di obiettivi disponibili, stabilizzazione dellimmagine allinterno della fotocamera e uno splendido stile retrò, insieme a un processore di immagini aggiornato, acquisizione video 4K e più punti di messa a fuoco rispetto al suo predecessore Mark II.

Abbiamo preso la E-M10 Mark III per un test per vedere se è il miglior modello OM-D accessibile fino ad oggi, o se è un piccolo aggiornamento da consigliare.

A chi è rivolto?

  • Mark III aggiorna il predecessore con video 4K e messa a fuoco automatica migliorata
  • Corpo in metallo con design delle piastre superiore/inferiore in plastica
  • Attacco obiettivo Micro Quattro Terzi

Olympus ha due distinte categorie di prodotti: la gamma Pen, per coloro che desiderano una fotocamera dallaspetto trendy con controlli semplici e una qualità dellimmagine decente (è probabile che ne trovi una che penzola dal collo del fashion blogger); e la gamma OM-D, che si rivolge al fotografo appassionato più avanzato.

Pocket-lintOlympus OM-D E-M10 Mark III immagine 6

Sia la Olympus Pen-F che la OM-D E-M10 Mark III occupano una sorta di via di mezzo nelle rispettive categorie, con qualche incrocio tra di loro. Ciascuno è progettato per essere facile da usare, ma consente anche ai fotografi che desiderano migliorare le proprie capacità fotografiche di farlo. Questa è la bellezza del sistema Micro Quattro Terzi (MFT), poiché ci sono un sacco di obiettivi che puoi acquistare.

La E-M10 Mark III non è la più avanzata della gamma dellazienda - una corona riservata allimpressionante E-M1 Mark II - ma è un modello accessibile e conveniente con alcune grandi caratteristiche a bordo, aggiornando il modello Mark II dal 2015 È un peccato che non ci sia tenuta alle intemperie e che le piastre superiore/inferiore in metallo del modello precedente siano state sostituite con plastica, però. Tuttavia, la nuova fotocamera presenta unimpugnatura più pronunciata, che migliora notevolmente la maneggevolezza e rende la fotocamera più sicura nella mano.

Caratteristiche principali

  • Sistema di stabilizzazione a 5 assi (efficace fino a 4 stop)
  • Mirino elettronico da 2,36 m di punti
  • Touchscreen ad angolazione variabile da 3 pollici e 1.040k punti

Una delle maggiori attrattive della gamma Olympus OM-D è la stabilizzazione dellimmagine: la Mark III dispone di una stabilizzazione a 5 assi con unefficienza fino a 4 stop. Che cosa significa? Il sistema Olympus rileva beccheggio, imbardata e rollio, oltre ai movimenti del sensore orizzontale e verticale. I 4 stop significano che sarai in grado di ottenere uno scatto nitido a mano libera con quattro impostazioni dellotturatore diverse rispetto allo scatto senza il sistema. Quindi, ad esempio, una velocità dellotturatore a 1/4 di secondo dovrebbe essere lequivalente di 1/60 di secondo. È impressionante, anche se se il soggetto si muove nellinquadratura, è probabile che sia sfocato.

Pocket-lintOlympus OM-D E-M10 Mark III immagine 4

Poi cè il mirino integrato. Nella E-M10 III è una risoluzione di 2,36 milioni di punti, la stessa della OM-D E-M5 Mark II e della OM-D E-M1 Mark II . Tuttavia, lingrandimento è di 1,23x, leggermente inferiore rispetto ai modelli più avanzati, il che significa unimmagine complessiva leggermente più piccola per locchio.

Sul retro del Mark III cè il touchscreen da 3 pollici, che è luminoso da guardare e reattivo al tatto, e viene montato su una staffa ad angolo di inclinazione, quindi può essere utilizzato con facilità per quegli scatti ad alto e basso angolo .

Il touchscreen può essere utilizzato in modo efficace, anche quando si utilizza il mirino per scattare. Quando si guarda attraverso il mirino, la fotocamera ha una modalità in cui è possibile selezionare e spostare il punto AF utilizzando il touchscreen trascinando un dito su di esso, rispetto al punto in cui si desidera che sia il punto AF. Questo è molto utile per regolare la selezione del punto AF senza dover abbassare la fotocamera e cambiare nulla.

Prestazione

  • Sistema di messa a fuoco automatica con rilevamento del contrasto a 121 punti
  • Scatto in sequenza a 8,6 fps (AF singolo) / 4,8 fps (AF continuo)
  • 330 colpi per carica
  • Connettività Wi-Fi

La velocità e lautofocus sono una delle aree chiave in cui lO-MD Mark III ha apportato solidi miglioramenti. La fotocamera alza la posta con un sistema di rilevamento del contrasto a 121 punti (il suo predecessore era un sistema a 81 punti), che è abbastanza veloce da bloccare i soggetti in modo rapido e preciso, sia in autofocus singolo che continuo. Il suo unico punto debole è che rallenta inevitabilmente in condizioni di scarsa illuminazione.

I tipi di messa a fuoco semplificano anche le riprese in alcuni scenari. La priorità al volto è uno di questi esempi, che sarà una funzione utile per molti fotografi hobbisti. In questa modalità, quando la E-M10 III rileva volti o occhi, li mette a fuoco e assicura che siano sempre nitidi, eliminando lo sforzo della messa a fuoco fine per lo scatto perfetto.

Pocket-lintOlympus OM-D E-M10 Mark III immagini immagine 9

Se vuoi realizzare qualche scatto, il processore della E-M10 III è allaltezza del compito. La sua velocità di scatto più veloce di 8,6 fotogrammi al secondo (ridotta a 4,8 fps con messa a fuoco automatica continua) è una velocità rispettabile. Anche se non è molto una spinta rispetto al modello Mark II.

Con così tante funzioni che lavorano duramente, la durata della batteria non è buona come quella di un concorrente DSLR. La sua valutazione di 330 scatti per carica è abbastanza ragionevole in questa categoria, ma probabilmente vale la pena fare scorta di alcune batterie extra per lunghi viaggi. Fastidiosamente, Olympus ha rimosso la modalità di sospensione rapida che abbiamo visto sulla E-M10 Mark II, quindi aspettati che le tue batterie si scarichino più velocemente! Inoltre, Olympus ha cambiato la connessione USB sul lato della fotocamera in una Micro-USB, ma questa connessione non accetta la ricarica della batteria, dovrai invece utilizzare il caricabatterie di rete nella confezione.

Uno degli altri problemi che Olympus ha è il suo sistema di menu. Certo, ha semplificato i menu in una certa misura rispetto a prima, ma è ancora terribilmente complicato. Prende il primo posto per la disposizione più complicata del sistema/pulsante di qualsiasi produttore di fotocamere. Se non hai familiarità con il marchio, ti farà male la corteccia cerebrale - anche se imparerai a orientarti, abbiamo pensato che per i fotografi dilettanti a cui è destinata questa fotocamera, è probabile che significhi che la modalità automatica è selezionata più spesso di non.

Pocket-lintOlympus OM-D E-M10 Mark III immagine 9

Nessuna fotocamera nel 2017 sarebbe completa senza la connettività Wi-Fi. Olympus è sempre stata brava quando si tratta di questo tipo di tecnologia e la E-M10 III non è diversa. Può essere utilizzato con lapp Olympus OI Share (disponibile su IOS e Android). Ciò consente agli utenti di inviare foto e video direttamente dalla fotocamera al telefono o al tablet. Inoltre, gli utenti possono controllare la propria fotocamera dal proprio smartphone o tablet utilizzando lapp. Tra le tante app Wi-Fi disponibili per le fotocamere, Olympus ne ha una delle più semplici e affidabili.

Qualità dellimmagine e del video

  • Sensore Micro Quattro Terzi da 16 megapixel
  • Processore di immagini TruePic 8
  • Acquisizione video 4K (a 25 fps) / 1080p (a 60 fps)

Come il suo predecessore, la Olympus OM-D E-M10 Mark III è dotata di un sensore Micro Quattro Terzi da 16 milioni di pixel. Questo è lo stesso sensore che è sempre stato utilizzato nella serie E-M10: è vero, non è cambiato dalloriginale OM-D E-M10 nel 2014, solo lelaborazione delle immagini è stata ottimizzata e migliorata.

Sembra un po deludente che non ci siano miglioramenti hardware, ma in tutta onestà la gamma E-M10 ha dimostrato il suo standard di qualità dellimmagine nel corso degli anni. Tuttavia, non andare con laggiornamento da 20 milioni di pixel rende la fotocamera un aggiornamento modesto rispetto al modello Mark II.

Durante i test abbiamo riscontrato che le immagini sono decenti: la fotocamera acquisisce una buona quantità di gamma dinamica a sensibilità più basse, anche se se le condizioni di illuminazione limitate aumentano questa sensibilità, la qualità diminuisce.

Lunico vero cambiamento di qualità rispetto ai precedenti modelli E-M10 è dovuto al nuovo processore di immagini TruPic 8 a bordo. È lo stesso utilizzato nellammiraglia E-M1 Mark II, che fornisce unelaborazione delle immagini JPEG più efficiente rispetto a prima, anche se sospettiamo che alcuni troveranno gli scatti un po troppo nitidi.

Pocket-lintOlympus OM-D E-M10 Mark III immagini immagine 11

Unaltra area che la E-M10 Mark III prende in prestito dalla flaship E-M1 II è il reparto delle specifiche video. Può scattare con risoluzione 4K a 25 fps, Full HD fino a 60 fps o 720 p a 120 fps. Tuttavia, non cè una porta per microfono o una presa per le cuffie, quindi non sarà la prima chiamata per i videografi, ma per gli utenti che cercano di catturare video di alta qualità durante i loro viaggi spunta le caselle di qualità giuste.

Prime impressioni

Se stai cercando una fotocamera mirrorless con obiettivo intercambiabile di bellaspetto in grado di catturare ottimi scatti in condizioni di illuminazione ragionevoli, lOlympus OM-D E-M10 Mark III fa un ottimo lavoro. Labbiamo portato fuori in una serie di battute di pesca, una settimana di vacanza, ed era perfetto per una piccola borsa da viaggio.

Il problema è che ci sono molte altre fotocamere mirrorless allaltezza di questo compito, mentre i miglioramenti della Mark III rispetto al suo predecessore sono al massimo sottili. Inoltre non fa troppo caldo quando si scatta in condizioni di scarsa illuminazione, che è il punto in cui una fotocamera con sensore di grandi dimensioni entrerebbe in gioco e i sistemi di menu sembrano inutilmente complessi rispetto alla concorrenza.

Nel complesso, lOM-D E-M10 Mark III è una fotocamera mirrorless decente per il prezzo. I miglioramenti di autofocus, video e design sono tutti i benvenuti. Tuttavia, sembra un po troppo complicato per lutente amatoriale.

Alternative da considerare

Panasonic Lumix G80

È più DSLR in termini di stile, ma pensiamo che la Panasonic sia una fotocamera mirrorless a punto medio più facile da prendere e utilizzare. Ha un sacco di funzioni, tra cui lacquisizione di video 4K e un sistema di messa a fuoco automatica che rivaleggia facilmente con lOlympus.

Leggi la recensione completa: Panasonic G80

Pocket-lintFujifilm x t20 recensione immagine 7

Fujifilm X-T20

Forse la scelta più astuta da fare, dato il connubio tra stile, accessibilità e ciò che, in definitiva, può portare a immagini migliori e ad alta risoluzione della Fuji. Ci sono meno obiettivi nella gamma rispetto allinnesto Olympus/Panasonic Micro Four Thirds, ma ciò che Fuji ha da offrire è di grande qualità.

Leggi la recensione completa: Fuji X-T20

Scritto da Mike Lowe.