Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Durante la primavera del 2019 abbiamo trascorso settimane a girare con la Nikon Z6 nella regione vinicola del Sud Africa e ci siamo praticamente innamorati di quella superba fotocamera full frame.

Quindi, quando Nikon ha annunciato il suo seguito, la Z6 II, appena 18 mesi dopo il debutto delloriginale, ci siamo chiesti cosa potesse portare in tavola di più. La risposta è una maggiore potenza di elaborazione, per una maggiore velocità nelle riprese a raffica, insieme a un buffer più ampio per acquisire più scatti consecutivamente e due slot per schede.

Non pensare alla Z6 II come a una fotocamera aggiornata, quindi, pensala solo come loriginale migliorata per i nuovi acquirenti. E anche la fotocamera lo è. Ma con una forte concorrenza, è la fotocamera mirrorless full frame che dovresti considerare di acquistare?

Cosa cè di nuovo?

  • Motore di elaborazione Dual Expeed
  • Doppio slot per schede (1x SD (UHS-II), 1x XQD)
  • Modalità burst a 14 fps, buffer a 200 JPEG Fine / 112 Raw
  • Acquisizione 4K 60p in arrivo nel 2021

Quindi lo Z6 II - che è "due", non "segna due" in alcun modo, ci viene detto - aggiunge un motore di elaborazione Dual Expeed. È la prima volta che Nikon inserisce un doppio sistema in una delle sue fotocamere mirrorless, il che significa che la Z6 II può scattare fino a 14 fotogrammi al secondo (rispetto ai 12 fps delloriginale Z6). Non solo, ma una maggiore dimensione del buffer significa fino a 200 file JPEG Fine o 112 Raw.

Ma uno dei maggiori cambiamenti allo Z6 II è qualcosa che non puoi vedere dallesterno: sotto lo sportello laterale ci sono due slot per schede, uno per XQD, uno per SD (UHS-II), il che significa che la scelta è tua quando arriva in formato - o usa entrambi se desideri backup automatici o una divisione JPEG/Raw.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione foto 6

Inoltre, il modello II è dotato di un autofocus potenziato - con riprese in condizioni di scarsa illuminazione a -6EV, che si dice sia "quarto di luna" - per consolidare ulteriormente il suo fascino. Anche se, come vedremo, non troviamo che il sistema si senta così diverso nelluso rispetto alloriginale.

Design

  • montaggio serie Z; Adattatore FTZ disponibile per la compatibilità con attacco F
  • Coperture anteriori, posteriori e superiori in lega di magnesio; impermeabile
  • Mirino elettronico da 3,6 m di punti (FoV 100%, ingrandimento 0,8x)
  • Touchscreen LCD con angolo di inclinazione da 3,2 pollici

Quando si tratta di design ed estetica, la Z6 II è limmagine speculare del suo originale mirrorless. Ciò significa che lo stesso innesto dellobiettivo della serie Nikon Z, che offre un potenziale di qualità eccellente: è un innesto grande, ma non troppo grande, più piccolo di quello Leica utilizzato nella Panasonic S1 ; mentre gli obiettivi Z non sono massicci come quelli di Canon EOS R.

La Z6 II è ben costruita, robusta, resistente alle intemperie, ha tutti i pulsanti e le manopole al posto giusto, quindi è familiare da usare per qualsiasi utente Nikon o principiante/appassionato. Ci piace particolarmente la levetta sul retro che è lideale per le regolazioni rapide - ed è posizionata bene se usi la fotocamera fino allocchio.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione foto 4

Come abbiamo detto delloriginale Z6, però, cè ancora un piccolo cambiamento che faremmo: sebbene lo schermo LCD da 3,2 pollici sia di buona qualità, cambieremmo il suo meccanismo di inclinazione con uno completamente variabile per maggiore flessibilità.

Prestazione

  • Stabilizzazione interna ai 5 stop dichiarati (VR; riduzione delle vibrazioni)
  • 273 punti di rilevamento di fase, che coprono il 90% del frame

Mentre Canon tende a optare per una semplice area di messa a fuoco su molti dei suoi modelli di fotocamere mirrorless, lapproccio Nikon è un po più vario e preciso. La Z6 II non offre solo 273 punti di messa a fuoco automatica a rilevamento di fase, che coprono il 90% dellinquadratura, ma è possibile regolare la messa a fuoco da auto a wide-area, a singola area o pin-point.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione foto 3

È la modalità pin-point che abbiamo trovato davvero utile, specialmente in condizioni di scarsa illuminazione, poiché con un sensore full frame a tua disposizione è fondamentale che la messa a fuoco e la selezione dellapertura siano a punto per una messa a fuoco nitida. Le modalità automatiche sono ancora molto buone per afferrare un soggetto e mettere a fuoco rapidamente.

Passa alla messa a fuoco automatica continua ed è qui che Nikon afferma che la Z6 II ha migliorato le cose rispetto al suo predecessore. Apparentemente è più abile nel seguire i soggetti in movimento, ma abbiamo riscontrato una leggera differenza al punto da non accorgercene davvero - sarebbero necessari alcuni obiettivi più lunghi nei test per vedere davvero la differenza.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione di immagini di esempio foto 6

Tuttavia, il sistema è capace, ma non il più completo sul mercato. Come abbiamo detto delloriginale: non possiamo scrollarci di dosso il fatto che la Sony A7R III offre un incredibile tracking del soggetto dal suo sistema di messa a fuoco attiva - e quel sistema ha ormai un paio di anni.

Un altro grande vantaggio della Z6 II è la stabilizzazione dellimmagine allinterno del corpo. Più grande e risoluto è un sensore, più vantaggiosa è la stabilizzazione dellimmagine a livello di immagine. Certo, non puoi vedere il vantaggio attivo della stabilizzazione come faresti con una soluzione basata sullobiettivo, ma avere quellulteriore garanzia che gli scatti a mano libera saranno estremamente nitidi anche con velocità dellotturatore abbastanza basse è una rassicurazione.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione foto 9

Quando si tratta di scatti a raffica, la Z6 II offre 14 fps, alzando la posta in gioco rispetto al modello originale. Anche il buffer è molto più capiente, quindi se stai scattando file Raw, la capacità è aumentata molto: con la fotocamera originale ne giravamo tre dozzine in una singola raffica, ma con la Z6 di seconda generazione è oltre il triplo -figura segno, rendendolo tre volte più capace nelle nostre mani.

Un altro ovvio vantaggio di questa fotocamera mirrorless è che può essere completamente silenziosa, quindi se stai girando, ad esempio, a golf o stai cercando di essere discreto mentre sei per strada, la sua opzione di otturatore elettronico è perfetta. Labbiamo usato per sparare alle prese da eremita su una spiaggia, illuminandole con un telefono cellulare, e una volta che hanno tirato fuori la testa dal guscio, lotturatore non è stato un problema - e sono rimaste fuori!

Qualità dellimmagine

  • Sensore CMOS full frame da 24,5 MP (formato FX)
  • Sensibilità ISO 100-51.200

La Nikon Z6 II ha esattamente lo stesso sensore al centro della Z6 originale. Vale a dire che eccelle davvero per la qualità dellimmagine.

Ciò è dovuto a una combinazione di cose: il sensore e lelaborazione delle immagini sono una parte importante, ma linnesto Z ha già mostrato alcuni dei migliori obiettivi che abbiamo mai visto nello spazio della fotografia di consumo.

Oltre alla nitidezza, cè la pura profondità offerta da questo sensore full frame. Quella dimensione extra crea solo sfondi sfocati e una profondità di campo pronunciata che non può essere ottenuta da un kit minore. Dovrai essere ipercritico riguardo alla messa a fuoco, come abbiamo detto prima, ma ne vale la pena.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione immagine campioni foto 10

Altrettanto impressionante è come regge la sensibilità ISO. LISO 100 più basso (che è nativo - non è richiesta limpostazione "Basso") offre scatti incontaminati con una buona quantità di gamma dinamica, anche se ti consigliamo di scattare in Raw per tirare lombra e mettere in evidenza i dettagli. Aumenta la sensibilità a ISO 800 ed è difficile dire la differenza rispetto allISO di base. Degno di nota.

Le sensibilità ISO più elevate mantengono una fantastica quantità di dettagli senza eccessivi disturbi dellimmagine. Vedrai più grana da ISO 1600 fino a ISO 6400, ma gli conferisce una qualità cinematografica, mentre il rumore di colore aumenta, ma è solo marginale.

Spingilo a ISO 16.000 ed è meno impressionante, mentre lISO 51.200 di fascia alta non è una cancellazione totale, ma è di uso davvero limitato. Anche così, dai unocchiata allo scatto a 10.000 ISO di una farfalla fatta di perline che abbiamo scattato durante le vacanze.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione immagine campioni foto 8

Se 24,5 megapixel non sono abbastanza per te, allora lo Z7 II è probabilmente il percorso migliore per te, con il suo sensore da 45,7 megapixel. Non funzionerà altrettanto bene in condizioni di scarsa illuminazione, mente, né è a fuoco rapido, ma questo è il compromesso da considerare (oh, e senza dimenticare il notevole aumento dei prezzi).

Specifiche video

  • Capacità video 4K a 30/25/24 fps, Full HD a 120/100/60/50/30/25/24 fps
  • Uscita HDMI a 10 bit (con N Log / HLG)
  • 4K 60p in arrivo a febbraio 2021

Nikon ha una lunga storia con lacquisizione di video dalla sua fotocamera. È stato il primo a metterlo in una DSLR. Ma poi in gran parte non è riuscito a tenere il passo. Lo stesso tipo di suoni è vero con lo Z6 II: è realizzato, in grado di catturare filmati 4K, ma il suo aggiornamento a 60p non sarà disponibile fino a qualche tempo nel 2021. Non è un problema, di per sé, ma con Sony che naviga in avanti in questo settore è difficile da ignorare.

Pocket-lintNikon Z6 II recensione foto 10

Lo Z6 II offre attualmente funzionalità 4K a 30, 25 o 25 fotogrammi al secondo al momento della scrittura, insieme a un massimo di 120 fps in Full HD (1080p). Cè anche unuscita HDMI pulita a 10 bit e N Log, insieme a due jack da 3,5 mm per cuffie e microfono, quindi è ben equipaggiato per acquisizioni di qualità, sia casuali che su un rig.

Le migliori fotocamere DSLR 2022: tutte le migliori fotocamere con obiettivi intercambiabili disponibili per l'acquisto oggi

Prime impressioni

La Nikon Z6 II è, proprio come loriginale Z6, una fotocamera potente e impressionante. Questo perché questa mirrorless full frame offre il vantaggio di un incredibile innesto dellobiettivo, offrendo una qualità dellimmagine eccezionale dagli obiettivi giusti.

Tuttavia, il modello di seconda generazione non aggiunge una quantità enorme rispetto alloriginale. Sì, è bello avere lelaborazione Dual Expeed per un frame rate più veloce e un buffer più grande. Sì, questa volta è fantastico avere due slot per schede. Ma questo è più o meno il tuo destino. Quindi non pensare a questa fotocamera come a un aggiornamento e va bene così.

Tuttavia, non è ancora una fotocamera del tutto perfetta. Ci piacerebbe vedere ulteriori miglioramenti continui dellautofocus perché non si può negare la presa di Sony in questarea. E dovè il corretto schermo LCD ad angolazione variabile?

Nel complesso, la Z6 II è una delle fotocamere mirrorless full frame più capaci sul mercato. Ha linnesto dellobiettivo giusto, la qualità giusta e, nonostante la forte concorrenza e non essendo un grande aggiornamento rispetto al modello originale, è semplicemente eccezionale in così tante aree.

Considera anche

Nikon Z6

squirrel_widget_147435

È a malapena diverso - e la qualità dellimmagine è la stessa - quindi se vuoi risparmiare qualche centinaio e puoi trovarlo su un affare, scegli invece il modello di prima generazione.

Scritto da Mike Lowe.