Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - È stata una corsa sulle montagne russe per tutto il 2018 e nel 2019 mentre i marchi di fotocamere si spingono nel mercato mirrorless full-frame (ci sono state la Panasonic S1 , la Nikon Z7 e la Canon EOS R che si sono unite alla mischia). Ma, sai una cosa, ora è lì che risiede la maggior parte degli interessi. Non tutti vogliono un sensore enorme, un corpo macchina enorme come risultato, né alcuna delle spese consequenziali che ne derivano.

Fujifilm è stata a lungo un fornitore del mercato dei sensori di ritaglio, fornendo fotocamere della serie X in stile retrò per molti anni. Fa anche un ottimo lavoro: l X-T3 mostra ciò che è possibile , gran parte del quale si riversa nellX-T30 ancora più piccolo, come mostrato in anteprima qui.

Come aggiornamento allX-T20 del 2017 , cosa offre lX-T30 alla festa in questo mondo allettante ora full frame. È la fotocamera mirrorless APS-C da considerare?

Cosa cè di nuovo: X-T30 vs X-T20?

  • Nuovo sensore X-Trans CMOS 4, risoluzione 26,1 MP (da 24,3 MP X-Trans CMOS III)
  • Nuovo design posteriore: D-pad sostituito dal controllo del joystick, pulsante Q per sporgere sul lato
  • Mirino più luminoso (800 nit e 100 fps, da 500 nit e 60 fps)
  • Autofocus Gen 4.1 (migliora il rilevamento del viso e degli occhi)
  • Aggiunge la ricarica USB-C (nessuna base di ricarica inclusa)

A prima vista lX-T30 sembra identico allX-T20. Beh, dal davanti, se ignori comunque il nuovo badge. Capovolgi questo bambino, tuttavia, e lultimo modello ha avuto una revisione: il d-pad è sparito, sostituito da un joystick più pratico; il pulsante Q (che serve per laccesso rapido al menu) viene spostato di conseguenza, ora prominente sulla propria sporgenza sporgente.

Pocket-lintFujifilm X-T30 recensione scatti del prodotto immagine 3

Cè dellaltro dietro quelle quinte (di cui parleremo più in dettaglio più avanti in questa recensione). LX-T30 ha lo stesso sensore che si trova nellX-T3, il che significa che è sia a una risoluzione più alta che più sensibile rispetto ai suoi predecessori (è illuminato sul retro, quindi può funzionare con obiettivi di apertura molto più ampia - potenzialmente utile quando un f /1.0 arriverà ad un certo punto in futuro).

Altrove le modifiche allautofocus vedono miglioramenti nel tracciamento, mentre il mirino è stato reso un po più luminoso di prima. Oh, e ora è la ricarica USB-C, quindi non cè una base separata per la ricarica della batteria inclusa: è tutto fatto allinterno della fotocamera (a tre ore, aggiungendo 30 minuti al processo precedente).

Schermo e mirino

  • Mirino elettronico OLED da 0,39 pollici e 2,36 m di punti integrato (aggiornamento di 100 fps, luminosità di 800 nit)
  • Schermo LCD a doppio asse da 3 pollici, risoluzione di 1,04 m
  • Risposta del touchscreen migliorata

Troviamo che il nuovo design renda anche una migliore esperienza utente, in gran parte grazie a quel controllo joystick. Rende lo spostamento, ad esempio, del punto di messa a fuoco molto più rapido rispetto alluso del tasto direzionale. Tuttavia, a volte può essere un po complicato - poiché agisce come un pulsante deprimente, a volte premendolo si otterrà un movimento indesiderato, quindi cè qualche messa a punto da fare lì per le generazioni future.

Non che tu debba usare il joystick per la regolazione della messa a fuoco automatica. LX-T30 ha anche controlli touchscreen, che presumibilmente sono stati migliorati rispetto allX-T20 in termini di reattività. Riteniamo che sia reattivo, ma non ancora smart da smartphone. E quando un viso preme contro lo schermo, ad esempio il naso o qualsiasi altra cosa quando usi il mirino, a volte può anche spostare inavvertitamente il punto di messa a fuoco.

Pocket-lintFujifilm X-T30 recensione scatti del prodotto immagine 10

Lo schermo è ben arredato, proprio come lo era quello trovato sullX-T20. La staffa a doppio asse è utile, anche se preferiremmo un design ad angolo variabile con staffa laterale per una maggiore versatilità. Detto questo, lX-T3 ha uno schermo che può essere regolato in tutte le direzioni, quindi se lo desideri, dovrai solo pagare i soldi extra per acquistare il modello step-up e i suoi progressi di conseguenza.

La regolazione più grande per lX-T30 rispetto allX-T20 è nel mirino. Certo, il pannello è lo stesso da 2,36 m di punti di prima, ma ora è più luminoso e fluido di prima, grazie a una frequenza di aggiornamento di 100 fps e a una luminosità di 800 nit. I numeri non sono ciò che è veramente importante qui: è come agisce quando contro i tuoi occhi (supponendo che sia impostato sulla modalità Boost per il massimo aggiornamento, altrimenti è meno) nel fornire immagini nitide, pulite e fluide senza ghosting in condizioni di scarsa illuminazione. Ci sono cercatori più grandi là fuori, ma per il prezzo questa è unottima soluzione.

Come si comporta lX-T30?

  • Sistema di messa a fuoco automatica fino a 325 punti (anche 117 punti selezionabili)
  • Pixel autofocus a rilevamento di fase sul sensore da 2,16 m
  • Scatto a raffica a 8 fps (30 fps con otturatore elettronico)
  • Messa a fuoco automatica fino a -3EV in condizioni di scarsa illuminazione

Quindi, ecco uno dei maggiori punti di forza dellX-T30: si comporta in modo molto simile al suo fratello maggiore più costoso, lX-T3. Questo perché ha lo stesso sensore di quarta generazione, con milioni di pixel a rilevamento di fase sul sensore utilizzati per lautofocus. Coprono il sensore da un bordo allaltro, offrendo unottima messa a fuoco automatica su tutta lampiezza, con unacquisizione della messa a fuoco fino a -3EV per le riprese in condizioni di scarsa illuminazione.

Pocket-lintFujifilm X-T30 recensione scatti del prodotto immagine 4

Come abbiamo detto dellX-T3, tuttavia, questa figura di ripresa in condizioni di scarsa illuminazione non è infallibile. LX-T30 è in gran parte efficace, ma allinterno di un club londinese poco illuminato facevamo fatica a bloccare la fotocamera su soggetti con contrasto medio quando larea di messa a fuoco era particolarmente piccola. In modalità automatica, o con un punto AF più grande selezionato, la fotocamera è più abile nellinquadrare i soggetti al buio. È sicuramente migliore nel complesso rispetto allX-T2 e allX-T20, ma è quella raffinatezza che ha ancora bisogno di miglioramenti, qualcosa che Panasonic ha padroneggiato oltre ogni altro.

Diciamo che lX-T30 si comporta in modo molto simile al suo cugino X-T3, ma per alcuni aspetti funziona meglio . Sì, avete letto bene. Questo perché lX-T30 è dotato di messa a fuoco automatica "Gen 4.1", che aggiunge miglioramenti al tracciamento e al rilevamento degli occhi rispetto al fratello maggiore X-T3, miglioramenti che arriveranno su quella fotocamera a metà aprile, quindi nessuno perderà nulla. La casella di rilevamento degli occhi ora è più fluida nei movimenti, è più difficile interferire con gli oggetti che passano e quando è selezionato Solo AF Eye non avrai attivato anche una casella di rilevamento del volto completo.

Tuttavia, lautofocus di rilevamento degli occhi può essere confuso. Se lo lasci attivo, potrebbe trovare occhi/volti, ad esempio, nei baldacchini degli alberi, e quindi sovrascriverà la tua preferenza di messa a fuoco, il che può essere irritante. Pertanto consigliamo di posizionare la funzione Eye AF su un controllo del pulsante funzione (Fn), per rendere lattivazione e la disattivazione piacevole e facile. Cè un bel po di ricerche nel menu necessarie per farlo accadere, cosa che pensiamo potrebbe essere semplificata per renderla più accessibile.

Laddove lX-T30 non è abile come il fratello X-T3 con le sue capacità di buffering e burst shoot. LX-T30 è ancora in grado di raggiungere 30 fps con lotturatore elettronico e fino a 8 fps con lotturatore meccanico, il che è davvero abbastanza buono, ma la capacità del buffer è circa la metà di quella dellX-T3, quindi non sarai in grado di frullare altrettanti colpi in uno. Ancora una volta, non lo vediamo come un problema, più come una scelta: puoi pagare un extra e ottenere lX-T3 se vuoi.

Sia X-T3 che X-T30 dispongono di una varietà di opzioni di messa a fuoco automatica basate su scenari (schermate nella galleria sopra) per consentire alla fotocamera di conoscere il comportamento del soggetto per la regolazione ottimale della messa a fuoco automatica. Funziona davvero bene, come abbiamo visto con lX-T3.

Comè la qualità dellimmagine dellX-T30?

  • Sensore CMOS 4 X-Trans da 26,1 megapixel con processore X 4
  • ISO da 160 a 12.800 (da 80 a 51.200 estesa)
  • Acquisizione video 4K a 30 fps (uscita 4:2:2 a 10 bit tramite HDMI / 4:2:0 a 8 bit su scheda SD)

Dopo aver trascorso circa 45 minuti con la fotocamera per scattare alcune foto, non possiamo offrire un verdetto definitivo su come sarà la qualità dellimmagine. Dopotutto, dipende in gran parte dallobiettivo e stavamo scattando solo con lobiettivo del kit da 18-55 mm (che, come gli obiettivi del kit, è abbastanza decente, include un anello di apertura ed è silenzioso per la messa a fuoco).

Quello che possiamo dire è che lX-T30 ha lo stesso sensore che troverai nellX-T3. Non cè differenza, quindi, nel potenziale della qualità dellimmagine con gli obiettivi giusti sulla parte anteriore della fotocamera più economica.

In futuro ci saranno alcuni grandi vantaggi possibili grazie al sensore retroilluminato al centro dellX-T30. Lampia incidenza che il sensore X-Trans CMOS 4 può ricevere la luce lo rende pronto per f/1.0, afferma Fujifilm, il che non è una sorpresa in quanto lazienda ha un obiettivo a focale fissa da 33 mm f/1.0 in lavorazione. Anche senza quellobiettivo ancora esistente, la gamma ampliata delle ottiche di Fujifilm significa che cè qualcosa per più o meno ogni situazione.

Tuttavia, è in buone condizioni di illuminazione in cui i risultati brillano davvero. La sensibilità della linea di base ISO 160 non è ancora bassa come vorremmo, ma cè unopzione ISO 80 estesa per aiutare a mantenere lapertura ben aperta quando necessario quando il sole è fuori.

Anche le condizioni di scarsa illuminazione sono ben gestite, grazie alla struttura del sensore, con sensibilità ISO a quattro cifre che offrono molti dettagli. Basta non esagerare: cè unopzione ISO 51.200 estesa che, beh, non è particolarmente utile - vedrai il rumore dellimmagine presente ovunque - ma, detto questo, la qualità è alla pari con molte fotocamere nonostante il capacità di scattare in condizioni di scarsa illuminazione di circa otto volte.

Pocket-lintFujifilm X-T30 esamina le immagini di pre-produzione dallimmagine della fotocamera 3

Abbiamo sempre elogiato Fujifilm per la sua abilità nella qualità dellimmagine. E lX-T30, come lX-T3, è perfettamente a posto qui. No, non è full-frame come tanti nuovi concorrenti, ma metti lobiettivo grandangolare giusto sulla parte anteriore e non ti dispiacerà un colpo. Soprattutto da qualcosa di così piccolo, leggero, ben progettato e di bellaspetto come questo.

Le migliori fotocamere DSLR 2022: tutte le migliori fotocamere con obiettivi intercambiabili disponibili per l'acquisto oggi

Prime impressioni

Di fronte a così tante chiacchiere sulla fotocamera full frame - la Canon EOS RP è stata annunciata appena unora prima della presentazione dellX-T30, evidenziando proprio questo punto - lultima fotocamera Fuji di livello medio ha molto peso sulle sue spalle. Ma non cè da preoccuparsi: se stai cercando qualcosa che sia elegante e capace, allora lX-T30 non ha paragoni (abbiamo sempre parlato molto bene del Panasonic G80 - ma ora ha circa tre anni e probabilmente a causa di un sostituzione).

I nostri lamenti minori sono pochi e distanti tra loro: lautofocus a punto singolo, se impostato su piccolo, potrebbe essere più preciso nella sua risposta (specialmente in condizioni di scarsa illuminazione); alcuni concorrenti opereranno a -5EV o -6EV e, quindi, sono migliori esecutori in condizioni di scarsa illuminazione; e la messa a fuoco del tracciamento oculare dovrebbe essere più facile da disattivare.

Ma come lX-T3 aveva già dimostrato - e lX-T30 prende le redini in questo senso - è possibile ottenere uneccezionale capacità di messa a fuoco automatica, anche per i soggetti in movimento (leye-tracking è davvero una caratteristica solida), con una grande qualità dellimmagine da un piccolo pacchetto, e tutto a un prezzo ragionevole. Cè davvero poco che manca allX-T30. È retrò fatto bene ancora una volta.

La Fujifilm X-T30 verrà lanciata il 20 marzo 2019, al prezzo di £ 849 solo per il corpo, £ 899 con lobiettivo del kit da 15-45 mm, £ 1199 con lobiettivo del kit da 18-55 mm. Un modello in argento antracite seguirà a maggio 2019, con la stessa struttura dei prezzi. Verrà lanciato anche un nuovo obiettivo 16mm f/2.8 R WR, al prezzo di £ 349.

Scritto da Mike Lowe.