Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Se cè una fotocamera con obiettivo fisso di fascia alta che entusiasma le persone, è la serie Fuji X100. Una proposta unica tra le fotocamere compatte, il suo stile a telemetro, il mirino senza pari e la finestra fissa da 35 mm sul mondo la rendono diversa da qualsiasi altra cosa. È un po retrò moderno.

Ora nella sua forma di quarta generazione, lX100F ha il trucco principale che ha reso i suoi predecessori tali successi, ma ha un layout rinnovato e funzioni di messa a fuoco automatica migliorate che lo portano a un livello superiore in termini di controllo. Tuttavia, anche il prezzo sale di un livello: a £ 1.249 è una fotocamera potente e costosa in questi giorni. Vale ogni centesimo?

Recensione Fujifilm X100F: cosa cè di nuovo?

  • Sensore X-Trans CMOS III da 24 megapixel (aumento della risoluzione del 50% rispetto a X100T)
  • Nuova leva di messa a fuoco posteriore
  • Nuova ghiera ISO impilata allinterno della ghiera dellotturatore
  • La compensazione dellesposizione aggiunge la personalizzazione (C)
  • Nuovo sistema di messa a fuoco automatica a 325 punti (49 punti di rilevamento di fase)

Il frontale e lX100F sembrano identici al precedente X100T . Ha le stesse dimensioni, con la stessa costruzione del pannello superiore in magnesio e si sente come un robusto cuneo di qualità nella mano. Lobiettivo da 35 mm (equivalente) e il mirino ibrido ottico/elettronico (maggiori dettagli in seguito) rimangono gli stessi di prima, con solo una frequenza di aggiornamento più rapida per la sua vista elettronica che aggiorna il set di funzionalità.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 13

Capovolgi la fotocamera, tuttavia, e rivela le sue nuove caratteristiche di design. Cè una leva di messa a fuoco sul retro, che è più o meno la stessa che troverai nelle fotocamere compatte di Fuji, come lX-T2 . È davvero comodo da usare per la regolazione rapida del punto, mentre una pressa consentirà la regolazione della dimensione del punto di messa a fuoco, che è controllata utilizzando la rotella posteriore per scorrere le cinque opzioni di dimensione.

In alto, lX100F rivela alcune delle sue altre nuove funzionalità, per quanto sottili. Laggiunta principale è il controllo della sensibilità ISO dallinterno della ghiera della velocità dellotturatore: basta tirarlo verso lalto e ruotarlo per regolare tra sensibilità ISO automatica, bassa/alta e individuale (tra i terzi di stop). La compensazione dellesposizione ha anche una posizione "C" personalizzata oltre il suo controllo +/- 3 EV, che puoi utilizzare tramite la rotella per apportare invece regolazioni a +/- 5 EV.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 11

Sotto quel guscio in magnesio, lX100F ospita lultimo sensore X-Trans CMOS III da 24 megapixel. Si tratta di un aumento della risoluzione del 50% rispetto al modello X100T , che può essere utilizzato con grandangolo da 35 mm (equivalente) o con equivalente a 50/70 mm (solo in JPEG) utilizzando lanello dellobiettivo anteriore. In questo modo si ritaglia limmagine, quindi si ottiene una risoluzione inferiore, ma si supera uno dei limiti dei modelli X100 della generazione precedente, ovvero lassenza di zoom.

Recensione Fujifilm X100F: cosa manca?

  • Nessun video 4K
  • Nessuno schermo LCD ad angolazione variabile
  • Nessun controllo touchscreen
  • Limiti della nitidezza della messa a fuoco ravvicinata
  • Nessun blocco della ghiera di compensazione dellesposizione

Le nuove funzionalità sono certamente benvenute, ma lX100F perde ancora alcune funzionalità adottando leredità delle carenze del suo predecessore.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 9

Il principale di questi è che lobiettivo non è progettato per le riprese ravvicinate alle ampie aperture. Non cè niente che ti impedisca di scattare a f/2.0, ma i soggetti vicini allobiettivo non saranno nitidi, anche se si trovano sul piano focale. La fotocamera non avvisa di questo: è solo qualcosa che devi imparare mentre procedi , come era prima con X100, X100S e X100T .

E non stiamo nemmeno parlando molto, molto da vicino alla telecamera. Anche i soggetti a distanza moderata possono perdere la messa a fuoco cristallina, il che ci ha visto fermarsi a f/4.0 per gran parte del nostro utilizzo, poiché lopzione f/2.0 è davvero utile solo alle lunghezze focali tipiche dei ritratti. Funzionerà per la fotografia di strada, che è più o meno ciò per cui è progettata la X100F, ma non per tutto.

Quando si utilizza la fotocamera, abbiamo anche riscontrato che la continua mancanza di uno schermo LCD ad angolazione variabile e lassenza di controlli touch sono un peccato. Anche gli altri modelli che Fuji ha presentato nel 2017 - la fotocamera mirrorless di medio formato mirrorless GFX 50S e X-T20 - sono dotati di controlli touchscreen. Sembra che lX100F dovrebbe ora offrire questo - solo perché sembra retrò non significa che le funzionalità moderne non dovrebbero essere presenti.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 18

Nonostante la fotocamera funzioni più velocemente - il mirino elettronico funziona a 60 fps anziché i 30 fps del precedente X100T, ad esempio - lX100F non è in grado di sfruttarlo per lacquisizione di video 4K. Realisticamente questa è una fotocamera purista, quindi non ci interessa molto. Tuttavia, sembra una caratteristica che dovrebbe essere plausibile e lestrazione di immagini fisse da un flusso di video può essere una caratteristica utile (4K è circa 8 MP, che è perfettamente buono per molte situazioni).

Recensione Fujifilm X100F: come si comporta?

  • Mirino ibrido ottico/elettronico in stile telemetro unico per questa serie di fotocamere
  • lunghezza focale 35 mm (equivalente); Opzioni di ritaglio da 50/70 mm (equivalente) disponibili
  • Nuovo sistema di messa a fuoco automatica a 325 punti (49 punti di rilevamento di fase)

Per quanto riguarda le fotocamere compatte di fascia alta, tuttavia, adoriamo lX100F. A volte è il cuore sopra la testa. Ma abbiamo sempre avuto un debole per questa serie di fotocamere e ora, soprattutto grazie alla nuova leva di messa a fuoco, è più facile e intuitivo da usare che mai.

Il nuovo sistema di messa a fuoco automatica offre unenorme diffusione di punti di messa a fuoco in tutto il respiro dello schermo e, con la possibilità di regolarne le dimensioni, funzionano in modo abbastanza preciso. Se solo lassoluzione della messa a fuoco ravvicinata non fosse un tale enigma.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 16

Dei 325 punti, cè unopzione a 91 punti, mentre i 49 punti più centrali sono a rilevamento di fase per prestazioni ottimali. I punti più sensibili sono delineati come quadrati distinti e più grandi in modo da sapere cosa è cosa.

Tuttavia, vorremmo che la messa a fuoco su schermo offrisse unanteprima dello zoom al 100%, poiché questo tipo di funzionalità è disponibile allinterno del mirino.

Ed è quel mirino che vende veramente lX100F. È sempre stato lapice nel suo genere: offre una visione ottica più ampia del 100%, così puoi prevedere cosa sta entrando nellinquadratura, grazie a un bordo digitale che delinea i bordi dello scatto che stai per catturare . Assicurati solo di tenere docchio quel contorno bianco digitale, poiché è lì che avviene la magia dellimmagine.

Quando si regolano le opzioni di ritaglio di 50/70 mm, quel bordo digitale si sposta: lo vedrai rimpicciolire allinterno della vista, per rappresentare la nuova area di acquisizione. Anche la regolazione del parallasse è adatta in questa situazione, il che significa che il bordo dellinquadratura si sposterà di conseguenza se hai messo a fuoco un soggetto più vicino (necessario dato il diverso posizionamento della finestra del mirino e lallineamento attraverso lobiettivo al sensore è diverso) per concentrarti con precisione su ciò che intendi. Ciò annulla uno dei vecchi problemi del passato del telemetro a pellicola.

Pocket-lintFujifilm x100f recensione immagine 17

Un semplice tocco dellinterruttore del mirino dellX100F, che è posizionato verso la parte anteriore, apre una finestra di anteprima in stile telemetro allinterno della fotocamera nellangolo in basso a destra, che può essere utilizzata per visualizzare lintero fotogramma, o un ingrandimento di 2,5x o 6,5x per vedere esattamente cosa stai facendo (è quello che vorremmo vedere minimizzato nella visualizzazione dello schermo LCD, ma al momento non lo è). Scorri linterruttore del mirino dallaltra parte e lintero mirino diventa completamente elettronico, il che può essere utile, poiché significa zero errori di parallasse (tutto funziona attraverso lobiettivo), ma preferiamo di gran lunga la visione più fluida del mirino ottico con la sua sovrapposizione elettronica. È una cosa di bellezza.

In breve: non cè proposta di mirino più interessante sul mercato di quella che troverai nellX100F. Funziona solo in una fotocamera come questa a causa della natura dellobiettivo fisso, ovviamente, e potrebbe essere troppo complesso per alcuni, ma per i tradizionalisti che lo sanno, è una meraviglia.

Recensione Fujifilm X100F: comè la qualità dellimmagine?

  • Sensore X-Trans CMOS III da 24 megapixel

Aumentare la risoluzione del 50% rispetto al suo predecessore potrebbe sembrare molto, ma con 24 megapixel in offerta è allincirca lo standard attuale sul mercato per un sensore di queste dimensioni (APS-C).

È lo stesso sensore che troverai nellX-T2 , ad esempio, quindi abbiamo molti dubbi su quanto sia buona la qualità.

Allevento di anteprima di Fujifilm siamo stati in grado di girare una varietà di scene con la fotocamera, tra cui un modello maschile (non Zoolander) e vari oggetti intorno alla casa con illuminazione mista. Non era una giornata particolarmente luminosa, quindi era loccasione ideale per testare le capacità della fotocamera in condizioni di scarsa illuminazione.

La qualità è ancora molto impressionante anche a sensibilità ISO così elevate. Una statua di un cane, con molti toni medi e neri, mostra quanto possano essere nitide le immagini da quellobiettivo, senza eccessivo rumore dellimmagine - cè solo un sussurro sullo sfondo.

Abbassa la sensibilità, come lo scatto del modello ISO 400 che abbiamo scattato (con il flash esterno alla fotocamera) e le cose sembrano ultra pulite e chiare, con ampia nitidezza. Lobiettivo è davvero ottimo, supponendo che il soggetto sia abbastanza lontano.

Questo è lunico problema che continuiamo ad avere con la serie X100, tuttavia: la messa a fuoco ravvicinata è difficile da giudicare, poiché le aperture ampie risultano sempre morbide a meno che la distanza dalla fotocamera non sia accettabile. E a parte la conoscenza, non esiste alcun meccanismo sullo schermo/nel mirino per avvisarti che le scelte delle impostazioni potrebbero risultare morbide. Tieni le cose a una distanza di un braccio e preparati a chiudere, quindi, poiché f/2.0 non è sempre utilizzabile.

Un altro vantaggio dellX100F è lotturatore a lamelle allinterno dellobiettivo. Questo si apre con un movimento verso lesterno dal centro, piuttosto che verso lalto sul piano focale, il che significa che sono possibili velocità di sincronizzazione del flash molto più elevate. È ottimo per catturare soggetti illuminati dal flash mentre lo sfondo non riceve lo stesso grado di illuminazione e, quindi, fornisce un aspetto più scuro, come se il soggetto fosse evidenziato al di là di esso, anche nelle scene allaperto.

Dalla nostra prima uscita con lX100F, abbiamo utilizzato la fotocamera a Detroit per catturare la città e abbiamo trovato che la sua stravaganza fosse perfettamente adatta. Certo, ha dei limiti, ma in un certo senso rafforzano quella magia della creazione di immagini della vecchia scuola: costringendoti a fare un passo avanti o indietro invece di regolare uno zoom, considerando linquadratura più precisa di quasi qualsiasi altra fotocamera moderna e godendoti lattenzione che i passanti regalano una macchina fotografica in stile cinematografico dallaspetto così vecchio. È magico come le immagini prodotte dallX100F.

Prime impressioni

Non si può ignorare che lX100F è un prodotto di nicchia che non si adatta a molte persone. Non cè lo zoom ottico. Le riprese ravvicinate non sono eccezionali con lapertura più ampia, a causa della morbidezza risultante. È anche estremamente costoso a £ 1.249 (un risultato dellaffondamento della sterlina rispetto ai climi politici).

Ma per coloro che si adattano, lX100F sarà un sogno. Ha molto da offrire rispetto a nientaltro sul mercato. È davvero unico, una parola che raramente non usiamo mai. La sua qualità costruttiva non è seconda a nessuno. Il mirino ibrido ottico/elettronico è eccezionale, così come la modalità in stile telemetro. Lautofocus migliorato è altrettanto buono della concorrenza. E la nuova leva di messa a fuoco lo rende ancora più veloce da controllare.

Potrebbe essere necessario essere ricchi come un re per comprarne uno, ma poi lX100F è davvero il re delle compatte a obiettivo fisso. Nientaltro è paragonabile a questa fotocamera unica nel suo genere.

Scritto da Mike Lowe.