Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Canon ha impiegato molto tempo per far avanzare la sua linea di mirrorless. Per il 2018 è chiaramente un grande anno perché oltre a EOS M50 che ha ottenuto risultati migliori rispetto ai suoi modelli EOS M minori, lazienda ha anche rilasciato la sua linea di mirrorless full frame EOS R. Mentre questultima potrebbe essere una proposta allettante, il diverso mercato di riferimento e lenorme prezzo vedono lEOS M50 molto più conveniente sedersi nel suo posto degno.

Con i controlli sul corpo e una configurazione più fruibile rispetto a qualsiasi altro modello EOS M fino ad oggi, la M50 riunisce un touchscreen ad angolazione variabile e un mirino elettronico integrato, rendendolo il modello più completo della gamma. Tuttavia, con artisti del calibro di Sony che offrono una messa a fuoco automatica più capace e complessa nella sua A6500 , la Canon è unofferta credibile così in ritardo nel gioco?

Design

  • Attacco per obiettivo EOS M
  • Touchscreen LCD orientabile da 3 pollici
  • Mirino elettronico (EVF) da 0,39 pollici e 2,36 m di punti
  • Interfaccia "UI guidata" aggiornata - per principianti e non solo
  • Corpo: 116,3 x 88,1 x 58,7 mm
  • Slot per scheda SD singola
  • Wi-Fi e NFC

Tutti gli utenti Canon che abbiamo incontrato durante i nostri viaggi si sono immediatamente avvicinati alla M50 e hanno chiesto di toccarla e provarla. Questo per un semplice motivo: questa fotocamera è molto più piccola delle loro fotocamere DSLR. In effetti, labbiamo usato come sostituto per la nostra fotocamera da lavoro e da viaggio per vedere come regge, senza occupare troppo spazio nella borsa.

Pocket-lintCanon EOS M50 recensione immagine 2

Siamo particolarmente affezionati al touchscreen ad angolazione variabile della M50, in quanto può essere riposto allindietro contro il corpo della fotocamera per evitare potenziali graffi (cosa che è ad alto rischio se si inserisce la fotocamera in una borsa piena di altri pezzi). Il touchscreen è abbastanza reattivo, anche se a volte può essere premuto accidentalmente e spostare il punto di messa a fuoco da qualche parte non desiderato, ad esempio, il che può essere fastidioso. Tuttavia, preferiremmo avere il controllo touch piuttosto che no.

Oltre allo schermo cè un mirino incorporato, che è uno spettacolo più raro a questo tipo di livello. È utile da usare quando si è in piena luce solare per la composizione, mentre la sua alta risoluzione garantisce un livello di qualità decente. Non è il mirino più grande che tu abbia mai visto, ma è sufficiente a questo livello. Cè unattivazione automatica quando locchio si avvicina al mirino, o qualsiasi altra cosa se è per questo: abbiamo scoperto che quando si preme la compensazione dellesposizione (accessibile solo sullo schermo, poiché non cè un quadrante fisico separato) che abbiamo disattivato lo schermo , che, ancora una volta, è stato fastidioso. Ci sono chiaramente alcune debolezze basate sul tocco nel modo in cui è impostata la fotocamera.

Limpostazione del menu si basa sullinterfaccia utente guidata di Canon, che si dice renda più facile per i nuovi arrivati orientarsi nei menu principali. Questo è vero in una certa misura, poiché lampia grafica mostra cosa contiene ciascuna delle quattro aree principali, ma diventa rapidamente solo un altro livello che rallenta la selezione e, sospettiamo, non passerà molto tempo prima che tu lo disattivi. Il sistema di menu che si trova dietro linterfaccia utente guidata è lo stesso di una reflex digitale Canon, così familiare a chi lo sa, o accessibile per i nuovi arrivati che sono felici di andare a scavare.

Pocket-lintCanon EOS M50 recensione immagine 3

Non che tu abbia bisogno di andare a scavare nel menu tutto il tempo. La disposizione dei pulsanti sullM50 consente di assegnare le funzioni. Tuttavia, per impostazione predefinita, i pulsanti direzionali del d-pad attivano solo la modalità Eco, piuttosto che il controllo di compensazione/AF/flash/cancella loro assegnato, quindi dovrai configurarli per i loro usi corretti.

Nel complesso la M50 ha le basi del successo, ma è un conflitto di interessi propri. Installalo correttamente e sembra abbastanza naturale, ma alcune barriere delle impostazioni predefinite e debolezze del touchscreen possono renderlo un fastidio occasionale.

Prestazione

  • Dual Pixel CMOS AF avanzato: fino a 149 aree di messa a fuoco
  • Scatto a raffica 7,4 fps (continuo) / 10 fps (singolo)
  • Sistema di stabilizzazione dellimmagine a 5 assi integrato

Abbiamo portato la M50 in una varietà di posti: alla presentazione di Audi e-tron ; alla presentazione di Kia ProCeed ; e lho usato per la fotografia del prodotto su Pocket-lint per una serie di articoli . A questo proposito si è dimostrato abbastanza abile per il lavoro, con alcuni avvertimenti.

Pocket-lintCanon EOS M50 rivedere le immagini immagine 3

Per prima cosa, la durata della batteria è scarsa. Sembrava decente, ma il display a tre barre per la durata della batteria è estremamente impreciso: una volta che un "terzo" si è esaurito, i "due terzi" finali non durano nemmeno lontanamente e lampeggerà in rosso in pochissimo tempo. Al lancio dellAudi, di conseguenza, la batteria si è completamente esaurita, il che non è stato particolarmente utile, poiché non ne avevamo una di riserva. Sì, potresti portare un ricambio per negare questo, mentre la modalità Eco prolungherà la vita, ma è difficile monitorare la vita - che è il problema più grande che abbiamo avuto.

In termini di prestazioni, Canon è sempre sembrata piuttosto timida con la serie EOS M. La sua configurazione della messa a fuoco automatica è piuttosto semplicistica, offrendo rilevamento del viso/tracking AF, zona AF o 1 punto AF.

Il sistema di messa a fuoco automatica Dual Pixel CMOS è scattante, ma non cè unenorme quantità di varietà o complessità. La serie Alpha di Sony è molto più considerata. È come se Canon non riuscisse a far sì che la EOS M corrisponda alla sua linea di reflex digitali, perché risiede sullo stesso tipo di configurazione delle fotocamere compatte dellazienda, che non è al livello che dovrebbe essere a questo prezzo .

Pocket-lintCanon EOS M50 recensione immagini immagine 9

Anche lesposizione avrà spesso bisogno di un aggiustamento. La M50 è prudente nel sovraesporre, il che è certamente utile se stai scattando in raw, ma spesso abbiamo avuto bisogno di aumentare la misurazione di +0,7-1,0 di stop. È più una questione di curva di apprendimento, in realtà, poiché diverse modalità di misurazione e fotocamere della concorrenza si comportano in modo leggermente diverso.

Per la messa a fuoco automatica continua, la fotocamera posiziona una griglia blu sullo schermo, mostrando attivamente ciò che viene seguito per la messa a fuoco, aggiornandosi rapidamente mentre i soggetti si muovono. È piuttosto abile, ma non del tutto perfetto ( la Fujifilm X-T3 lo batte, per esempio ).

Anche lo scatto a raffica è piuttosto rapido, fino a 10 fotogrammi al secondo (o 7,6 fps con messa a fuoco automatica continua).

Qualità dellimmagine

  • Sensore CMOS APS-C da 24 MP con processore Digic 8
  • Acquisizione di filmati 4K a 30 fps, ingresso microfono da 3,5 mm

Il vero motivo per acquistare una fotocamera di sistema è per la sua qualità dellimmagine. Sotto la scocca della M50 cè una dimensione del sensore APS-C, simile a quella che si trova in molte fotocamere reflex digitali Canon EOS. La qualità, quindi, può spesso essere la stessa.

Beh, a volte. Gran parte della qualità dellimmagine dipende dagli obiettivi montati e, francamente, linnesto Canon EOS M non ha la gamma di vetri per ottenere il meglio della categoria. Lobiettivo del kit da 14-42 mm è nella media, il 18-150 mm che abbiamo utilizzato per gran parte di questo test non è eccezionale alla massima estensione (anche se può chiudere la messa a fuoco piuttosto bene ed è compatto per un obiettivo zoom).

È possibile utilizzare altri obiettivi Canon sulla M50 tramite un adattatore, ma in tal caso potresti anche ignorare del tutto la serie M e acquistare comunque una DSLR Canon o un intero altro sistema, no?

A sensibilità ISO inferiori, generalmente in buona luce, EOS M50 può produrre immagini colorate e naturali con ampi dettagli. Cè qualche elaborazione che vede la mancanza dei dettagli più fini, ma non in eccesso.

Pocket-lintCanon EOS M50 recensione immagini immagine 11

Man mano che la luce diminuisce e la sensibilità ISO aumenta, i risultati rimangono forti fino a ISO 800. Nella regione di sensibilità a quattro cifre inizierai a vedere un po di grana che si insinua nelle aree dombra, che diventa eccessiva fino a ISO 3200.

Forse la più grande novità è che Canon ha - finalmente! - ha fatto il grande passo e ha introdotto lacquisizione 4K (ovvero la risoluzione Ultra-HD, 3840 x 2160) in una fotocamera di livello consumer. Cè anche un ingresso per microfono, che potrebbe piacere ai vlogger. Non pensavamo che sarebbe successo presto, ma eccolo qui, il posto donore nella M50.

Prime impressioni

La Canon EOS M50 è un passo avanti per la serie M. Ci è voluto del tempo per arrivare qui, ma Canon ha finalmente tra le mani una fotocamera mirrorless APS-C credibile.

Ma è abbastanza buono? Dato quanto sia diventata abile la serie G di Panasonic nel corso degli anni e quanto più avanzata sia la configurazione dellautofocus della Sony A6500 in confronto, Canon non è ancora al di sopra della concorrenza in nessuna area.

Tuttavia, ci sono abbastanza aspetti positivi: il touchscreen ad angolazione variabile e il mirino elettronico integrato sono eleganti, mentre la qualità dellimmagine è decente e lautofocus è in grado. È importante sottolineare che la configurazione dei controlli è più gestibile rispetto a qualsiasi altra EOS M precedente, il che rende lutilizzo della fotocamera molto migliore.

Canon non ha ancora perfezionato la sua gamma di mirrorless, questo è certo, ma la EOS M50 si avvicina per un soffio ai buoni libri. Almeno possiamo vedere che le cose stanno migliorando, quindi, se la serie M dovesse sopravvivere, questo sarebbe il trampolino di lancio verso il futuro della serie.

Considera anche

Pocket-lintSony A6500 recensione immagine 1

Sony A6500

squirrel_widget_139263

La potente mirrorless di Sony è più costosa della Canon, ma per lutente giusto varrà la pena. Farai fatica a trovare una fotocamera mirrorless con una messa a fuoco automatica più rapida, mentre anche la qualità dellimmagine è ottima.

Scritto da Mike Lowe.