Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Lascesa della fotocamera compatta di fascia alta sta prendendo piede, con una gran quantità di modelli che vale la pena dare unocchiata nel 2014. Nonostante offra già molti prodotti di qualità, Canon ha impiegato un po più di tempo per entrare nel ritmo e fornire un sensore di grandi dimensioni ma compatto di piccole dimensioni. Che è esattamente il punto in cui PowerShot G7 X si inserisce nellequazione.

Potremmo non elogiare il G7 X per essere un innovatore, tuttavia, dato che abbiamo già visto la progressione della linea RX100 di Sony (ora alla sua terza generazione) e alternative come la serie Fujifilm X messe in abbondanza allinizio opera. Ma il tentativo di Canon di realizzare un sensore compatto da 1 pollice è stato inevitabile; è il modello per premere il grande pulsante di ripristino rosso e rendere la serie G ancora più rilevante nel mercato di oggi.

Dopo aver usato il G7 X per una settimana, siamo arrivati a trovarlo una fotocamera compatta affascinante, ben costruita e ampiamente capace. Ma non perfetto. È un buon primo colpo al mercato da 1 pollice, ma con la concorrenza più calda che mai è il pugno da 1 pollice di Canon o una reazione ritardata che non riesce a battere la concorrenza?

Il nostro parere veloce

Mentre la guerra delle fotocamere compatte di fascia alta si accende, il primo tuffo di Canon nel mercato dei sensori da 1 pollice è un solido sforzo. Se fosse stato il 2013, Canon avrebbe fatto centro con la PowerShot G7 X. Ma che differenza fa un anno, per la Sony Cyber-shot RX100 III è un passo avanti in diversi reparti: è leggermente più piccola, ha un nel mirino e, per i nostri soldi, offre immagini di qualità migliore su tutta la gamma.

Ovviamente la Canon G7 X non è così costosa, il suo schermo ad angolo di inclinazione è sia sensibile al tocco che selfie-capace, e il suo obiettivo equivalente da 24-100 mm f / 1.8-2.8 ha anche la portata più lunga rispetto alla Sony. Scelte, scelte. E con la Panasonic Lumix LX100 e la Fujifilm X30 proprio dietro langolo , ci sono molti possibili contendenti da prendere in considerazione.

Ma per quanto possiamo dividere i peli su quale fotocamera fa questo o quello meglio, ciò che è chiaro con la Canon G7 X è che è una spinta in avanti positiva per la serie G; uno che prende immagini di buona qualità e viene fornito in bundle in un corpo tascabile e ben costruito con controlli personalizzabili. Anche se non cè il mirino, la G7 X è una delle fotocamere Canon della serie G più importanti da diversi anni.

Recensione Canon PowerShot G7 X

Recensione Canon PowerShot G7 X

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Ottima qualità costruttiva
  • Anello di controllo dellobiettivo personalizzabile
  • Qualità dellimmagine ISO medio-bassa decente con elaborazione delicata
  • Obiettivo veloce 24-100 mm f/1.8-2.8 (equiv)
  • Più piccolo di molte fotocamere della serie G
  • WiFi funziona bene
  • Angolo di inclinazione del touchscreen Schermo a cristalli liquidi
Contro
  • Nessun mirino o funzione per aggiungerne uno
  • Qualità dellimmagine ISO elevata (oltre ISO 1600) non tutto questo
  • Controllo di commutazione dello zoom anziché ghiera dello zoom dellobiettivo
  • La batteria è solo così così
  • Sony RX100 III un passo avanti
  • Dove sono il livello successivo funzioni di messa a fuoco automatica?

Design tascabile

Se hai visto gli ultimi modelli Canon PowerShot G1 X MkII o G16, il G7 X è un meraviglioso rifugio da dimensioni così ingombranti. Sebbene la Canon sia leggermente più grande della Sony Cyber-shot RX100 III, il suo ingombro di 103,0 x 60,4 x 40,4 mm è solo una questione di millimetri in più, creando un design tascabile. Lanello dellobiettivo sporge sempre dal design, ma è solo quando si accende la fotocamera che lottica si estende dal corpo.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 12

Cè un peso rassicurante sul corpo (è 304 g, quindi più o meno quello di due smartphone) e visivamente, anche se è una semplice finitura nera, i pulsanti in metallo, i quadranti e lanello di controllo dellobiettivo aggiungono una certa classe che ci si aspetta da un compatto di fascia alta. Dopotutto, questo è un kit del valore di £ 579.

A differenza della Sony RX100 III, il G7 X non ha alcun tipo di mirino integrato, né la possibilità di aggiungerne uno. Un hotshoe non avrebbe alcun senso in questo design, tuttavia, poiché lo schermo LCD da 3 pollici posteriore si inclina completamente verso lalto di 180 gradi, quindi, se lo desideri, puoi persino fare un selfie. Sì, è il 2014 e sembra che tutti ne siano ossessionati.

Tuttavia, la mancanza di tali disposizioni sul mirino pone le specifiche Canon dietro i suoi pari, quindi se stai cercando qualcosa di completo, allora questa Canon potrebbe non essere adatta.

Controlli personalizzabili

In termini di layout, la PowerShot G7 X racchiude numerosi controlli fisici: uno stack a due quadranti per le modalità di scatto e una compensazione dellesposizione dedicata nella parte superiore; un d-pad rotazionale sul retro per scorrere le impostazioni; e un anello di controllo dellobiettivo sul davanti abbinato a un "Ring Func." pulsante sul retro per una personalizzazione completa.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 9

Vale la pena evidenziare quanto può essere personalizzato con lanello di controllo, dallimpostazione predefinita (cioè la priorità dellapertura regola lapertura e così via), fino a ISO, messa a fuoco manuale, bilanciamento del bianco, zoom graduale, correzione ombra/DR o persino selezione del rapporto di aspetto . Forse la cosa migliore è la sezione Personalizzata in cui la priorità dellapertura (Av), la priorità dellotturatore (Tv) e il programma automatico (P) possono avere le rispettive impostazioni programmate. Lazione predefinita cade invece sulla rotazione del d-pad posteriore, in modo da non perdere funzionalità quando si utilizza la fotocamera indipendentemente dalla scelta dellimpostazione primaria e queste impostazioni personalizzate rimangono salvate.

Ma nonostante sia affabile con i suoi controlli, lobiettivo equivalente da 24-100 mm f / 1,8-2,8 è controllato utilizzando linterruttore dello zoom attorno al pulsante di scatto. Non cè niente di chiaramente sbagliato in questo, ma siamo piuttosto affezionati agli obiettivi fisici con barilotto di torsione per girare attraverso lo zoom a un ritmo maggiore. Perché, in questo momento, il controllo dello zoom del G7 X non è particolarmente veloce da estendere fino allintero intervallo a meno che non si opti per la funzione di zoom graduale. Un po più di velocità per favore.

PowerShot per natura

Nonostante il suo considerevole prezzo richiesto, lutilizzo del G7 X a volte ha lessenza di "solo un altro PowerShot" - quasi come un PowerShot S120 più professionale. E mentre viene in mente "Se non è rotto, non aggiustarlo", abbiamo rimuginato sullidea di alcune opzioni più soddisfacenti. Prendiamo ad esempio la Panasonic Lumix LX100, che adotta la messa a fuoco automatica e le impostazioni di menu di specifiche più elevate di quellazienda come tratte dalla sua linea di fotocamere di sistema compatto.

LEGGI: Anteprima Panasonic Lumix LX100

È un piccolo punto da chiarire, poiché lutilizzo del Canon ha in gran parte successo. Ma dovè la disposizione dellautofocus più complessa che lascerà la concorrenza a terra? Anche in questo caso la G7 X è molto simile alla PowerShot S120: lopzione semplicistica dellAF a 1 punto con dimensioni dellarea di messa a fuoco piccole/normali o la priorità di rilevamento del volto sono lintera gamma delle sue opzioni AF (più larea automatica in modalità Auto) .

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 18

Recensione Canon PowerShot G7 X, immagine di esempio a ISO 1600, fare clic per ritaglio JPEG a dimensione intera | raccolto crudo

Seleziona larea di messa a fuoco di dimensioni normali, puntala in qualsiasi punto dello schermo grazie al pannello sensibile al tocco reattivo e di solito è veloce trovare la messa a fuoco, nonostante il minimo ritardo di tanto in tanto. Sostituisci la piccola area di messa a fuoco automatica e quel ritardo sembra leggermente più esteso - e mentre stiamo parlando di frazioni di secondo qui, questo può essere sufficiente per perdere soggetti in movimento o scene più complicate.

Abbiamo utilizzato la fotocamera a Hong Kong, dove la Nikon D750 era la nostra compagna principale, ma la Canon sarebbe venuta fuori per quei viaggi più brevi o per le passeggiate notturne quando non volevamo una DSLR ingombrante con noi. È qui che la natura tascabile del G7 X diventa la sua qualità da star, anche se la velocità dellautofocus rallenta inevitabilmente in condizioni di scarsa illuminazione. E i soggetti in movimento sono un dolore da conquistare.

LEGGI: Recensione Nikon D750

Mentre giravamo per le strade, abbiamo trovato particolarmente utile lo schermo inclinabile. Poggiandolo sulle nostre ginocchia e catturando scene di strada nascoste, le dimensioni ridotte della fotocamera aiutano a renderlo meno visibile.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 21

Recensione Canon PowerShot G7 X, immagine di esempio a ISO 125 (f/1.8), fare clic per ritaglio JPEG a dimensione intera | raccolto crudo

Ma volevamo solo qualcosa in più in termini di prestazioni; qualcosa di speciale in più per vedere la Canon al galoppo. Così comè non è tutto lì, in particolare per i soggetti in movimento (cercando di fotografare macachi e ci siamo semplicemente arresi, tornando alla DSLR), anche se spunta un sacco di scatole e fa le cose secondo i suoi libri ben consolidati.

Stranezze aggiuntive

Ci sono anche tutti i tipi di impostazioni aggiuntive a bordo che vale la pena dare unocchiata. A differenza di alcuni dei sensori Canon molto più grandi, mi viene in mente loriginale PowerShot G1 X , il G7 X offre una modalità di messa a fuoco ravvicinata abbastanza decente. A 24 mm può scattare a 5 cm dallobiettivo sporgente, scendendo a 40 cm quando esteso allequivalente di 100 mm. Ci è sembrato abbastanza accurato nei nostri test, anche se potrebbe essere necessario attivare la modalità macro tramite un clic sinistro del d-pad per ottenere una messa a fuoco così ravvicinata per funzionare bene.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 6

Canon è stata anche impegnata a migliorare la sua offerta Wi-Fi. Dopo aver scaricato lapplicazione Canon CameraWindow (solo iOS/Android) su un dispositivo smart, è facile condividere le immagini o persino controllare in remoto il G7 X da lontano (ovviamente dipende dalla rete). Abbiamo attivato NFC e condiviso facilmente le immagini con il nostro smartphone compatibile, anche utilizzando il Wi-Fi della nostra rete domestica anziché la connessione diretta del dispositivo per fornire limmagine. Punti extra per il controllo touchscreen che semplificano anche limmissione della password.

Tuttavia, non siamo rimasti particolarmente colpiti dalla durata della batteria. Va bene, dopotutto è una fotocamera compatta, ma poche centinaia di scatti dalla piccola batteria NB-13L (1250 mAh) ed è finita. Tuttavia, non siamo gli utenti più efficienti, spesso lasciamo la fotocamera accesa tra uno scatto e laltro pronta per il prossimo momento imperdibile, ma è così che lavoriamo e una batteria migliore farebbe molto.

Altrove ci sono vari effetti immagine incorporati, acquisizione video 1080p a 30 fps e se vuoi sfruttare al meglio quellobiettivo veloce e utilizzare lapertura il più ampia possibile alla luce del giorno, cè anche una densità neutra incorporata ( ND) filtro. Ci piace.

Qualità dellimmagine

Un motivo chiave per spendere un sacco di soldi su una compatta di fascia alta è il sensore, nel caso del G7 X una versione da 1 pollice più grande del normale. Sebbene questo da 20,2 megapixel suoni simile alla Sony Cyber-shot RX100 III sulla carta - e potrebbe essere lo stesso, se le voci sono vere (un caso raro, dato che Canon in genere produce i propri sensori) - non può del tutto secondo noi, il Sony nella fascia più alta dello spettro di sensibilità.

LEGGI: Recensione Sony Cyber-shot RX100 III

Dire che i risultati sono molto buoni, parte del motivo è che lobiettivo equivalente da 24-100 mm f/1.8-2.8. Lampia disponibilità di apertura in tutto lo zoom apre la possibilità di sfondi sfocati con bokeh uniforme e, forse la cosa più utile di tutte, può significare lopzione di scattare a tutta apertura in condizioni di scarsa illuminazione per mantenere bassa la sensibilità ISO.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 33

Recensione Canon PowerShot G7 X, immagine di esempio a ISO 640, fare clic per ritaglio JPEG a dimensione intera | raccolto crudo

Lapertura massima f/2,8 è forzata a entrare in gioco dallequivalente di 60 mm e oltre - f/2 a 28 mm, f/2,2 a 35 mm e f/2,5 a 43 mm equivalenti se sei interessato - ma la stessa capacità di avere un tale unapertura luminosa fino allestremità superiore dello zoom pone probabilmente la Canon un passo avanti rispetto alla Sony RX100 (la prima e la seconda generazione delle quali sono scese a f/4,9 ai loro equivalenti di 100 mm).

Lobiettivo del G7 X offre risultati decenti, anche se non può essere sempre considerato estremamente nitido durante la visualizzazione su una scala del 100%. Lo definiremmo alla pari con la Sony RX100 III che è tornata indietro e ha esaminato una varietà di immagini da quella fotocamera.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 15

Recensione Canon PowerShot G7 X, immagine di esempio a ISO 125, fare clic per ritaglio JPEG a dimensione intera | raccolto crudo

In parte i risultati sono dovuti alla leggerezza del tocco che Canon ha assunto con lelaborazione delle immagini, a cui in realtà siamo piuttosto affezionati. Gli scatti non sono nitidi di un pollice della loro durata, né la riduzione del rumore è particolarmente pesante: abbiamo scattato fotogrammi JPEG con grana chiara visibile in essi che, attraverso un intervallo ISO 125-1600, sono appena distinguibili dalla barra delle controparti grezze per aumentare il contrasto e le ombre. Anche noi pensiamo che sia una buona cosa.

Ma se è lelevata sensibilità ISO che desideri di più, abbiamo scoperto che gli scatti da ISO 3200 e superiori (massimo a ISO 12.800) richiedono un po di picchiata nel reparto qualità. Spesso dovremmo forzare la fotocamera a dover utilizzare tali sensibilità (data la disponibilità di unapertura ampia), ma il livello di rumore dellimmagine e la mancanza di dettagli sono tuttaltro che ideali. Gli scatti a ISO 6400, ad esempio, presentano grandi chiazze di rumore cromatico che si intrecciano in modo sottile in tutta limmagine, ad esempio visibili in cieli scuri o superfici pallide.

Pocket-lintcanon powershot g7 x recensione immagine 30

Recensione Canon PowerShot G7 X, immagine di esempio a ISO 6400, fare clic per ritaglio JPEG a dimensione intera | raccolto crudo

Che cos'è il Pocket-lint daily e come lo ricevi gratuitamente?

Allo stesso tempo, siamo stati in grado di scattare con la sensibilità ISO 125 più bassa per le strade di notte scegliendo di scattare con lapertura completamente aperta, quindi cè un equilibrio nel modo in cui la fotocamera risponde date le sue specifiche di fascia alta.

Scritto da Mike Lowe.