Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Sony ha cambiato le carte in tavola quando ha debuttato il controller DualSense insieme alla PlayStation 5 nel 2020, offrendo nuovi livelli di immersione grazie al feedback aptico dei grilletti che combattono contro di voi mentre giocate.

Per oltre un anno è stato l'unico modo per giocare su PS5. Ora, però, sono arrivati i controller PS5 di terze parti.

-

Il Reflex di Scuf è probabilmente il più famoso tra questi. Ma è abbastanza buono da indurvi a rinunciare al vostro DualSense?

Lo abbiamo usato per scoprirlo.

Il nostro parere veloce

Il controller di Scuf è un ottimo ingresso sul mercato e, a nostro avviso, dovrebbe essere la scelta obbligata per la maggior parte dei giocatori in cerca di un aggiornamento importante. Le sue opzioni di personalizzazione sono davvero eccellenti, ma anche il controller di serie è un'ottima scelta.

L'aggiunta dei paddle fa fare enormi passi avanti in termini di opzioni di controllo - e la facilità di riprogrammazione non va trascurata - mentre l'offerta di diversi profili per i layout è un altro tocco superbo.

Grazie al controllo sul suo aspetto e sul suo utilizzo, la Reflex potrebbe essere uno strumento davvero potente nelle mani di un aspirante giocatore professionista o semplicemente di qualcuno che vuole avere un vantaggio sulla concorrenza nei server pubblici.

Avremmo preferito che fosse un po' più economico, ma potrebbe comunque essere il nuovo standard per chi vuole fare il salto di qualità con la PS5.

Recensione di Scuf Reflex: Spinge tutti i tasti giusti

Recensione di Scuf Reflex: Spinge tutti i tasti giusti

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Personalizzazione incredibile
  • Paddle superlativi
  • Sensazione di qualità superiore
Contro
  • Molto costoso
  • Tasti del viso un po' spugnosi

Design

  • Completamente personalizzabile o disponibile in stock
  • Reflex Pro aggiunge un'impugnatura antiscivolo
  • 300g

Scuf ha lanciato il Reflex a grande richiesta e, per i primi mesi, era disponibile solo in alcuni colori di serie. Ora la situazione è cambiata. È possibile ordinarlo liberamente e personalizzare quasi ogni elemento del controller a proprio piacimento.

Pocket-lintRecensione di Scuf Instinct: Perfezione su PS5? foto 2

Ciò significa che è possibile combinare i colori per ricoprire non solo il frontalino del controller, ma anche i grilletti e i pulsanti, i thumbstick e persino il tasto home, il che offre una grande libertà di scelta tra semplicità e complessità.

Sono disponibili anche alcune opzioni di decalcomanie jazz, che abbiamo scelto per la nostra unità. Come per la maggior parte dei controller personalizzati, il rovescio della medaglia è evidente: ogni elemento personalizzato va ad aumentare il prezzo della Reflex, che può diventare spaventosamente alto con ogni aggiunta.

Il Reflex Pro aggiunge una bella impugnatura antiscivolo al controller, che lo fa sentire davvero bene in mano, e la personalizzazione di Scuf vi permette di aggiungere tutto questo senza problemi.

Pocket-lintRecensione di Scuf Instinct: Perfezione su PS5? foto 3

L'aggiunta dei paddle sul retro e dell'impugnatura rende il controller più pesante di soli 20 g rispetto al DualSense di serie, quindi non si dovrebbe notare una differenza eccessiva durante il gioco.

Abbiamo già provato un controller PS5 di livello professionale con il pad PS5 di AimControllers e, sebbene anche questo fosse eccellente, lo Scuf è in vantaggio in termini di qualità, con un maggior numero di dettagli e una finitura di qualità superiore.

Come AimControllers, anche Scuf consente di scegliere un'opzione incentrata sugli FPS per dare al Reflex grilletti cliccabili. Questo non è l'ideale per i giochi di corse o altri giochi che utilizzano il grilletto in modo variabile, ma è l'ideale per gli sparatutto in cui si vuole solo il minimo tempo di spostamento.

Pocket-lintRecensione di Scuf Instinct: Perfezione su PS5? foto 5

Infine, è possibile scegliere tra diverse altezze di thumbstick per evitare di dover ricorrere a un accessorio come il thumbstick KontrolFreek, e il controller viene fornito con dei ricambi per non essere vincolati alla propria scelta. Inoltre, è possibile sostituirli facilmente grazie a un pannello rimovibile sulla Reflex.

Il controller viene fornito con una bella custodia per il trasporto e il trasporto, che è molto apprezzata, insieme a un buon cavo di ricarica da USB-A a USB-C, anch'esso abbastanza utile.

Una nota veloce per chi ha già una configurazione di ricarica fissa: probabilmente il Reflex Pro non si adatta ai dock che si usano per i normali pad DualSense, poiché l'unità paddle cambia la sua forma quel tanto che basta per renderla troppo grande.

Caratteristiche

  • Paddle programmabili
  • Tre profili utente

L'aspetto del Reflex è fantastico, ma non è questo l'aspetto principale dei controller, bensì il loro utilizzo effettivo.

Pocket-lintRecensione di Scuf Instinct: Perfezione su PS5? foto 6

Su questo fronte, le cose sono in gran parte eccellenti. Il fulcro del controller è probabilmente costituito dalle quattro piastre posteriori, aggiunte senza soluzione di continuità al telaio.

Sono ottimi per fare clic e abbastanza facili da muovere con le dita, pur possedendo una resistenza sufficiente a proteggere dagli input accidentali. Inoltre, sono completamente riprogrammabili attraverso un processo molto semplice, il che è estremamente utile.

La cosa migliore è che è possibile salvare tre profili di pulsanti distinti per passare facilmente da un layout all'altro per diversi giochi sul controller. Si tratta di un'ottima funzione per la qualità della vita e funziona perfettamente. Inoltre, grazie a una luce LED, è possibile sapere quale si sta utilizzando.

Pocket-lintRecensione di Scuf Instinct: Perfezione su PS5? foto 7

Per quanto riguarda gli altri pulsanti, abbiamo scelto di utilizzare i normali grilletti e funzionano bene, replicando l'eccellente tensione del DualSense per rendere reali gli scontri a fuoco e le azioni nei giochi che li utilizzano correttamente. Questo vale anche per l'aptica in generale, che è dettagliata e reattiva.

Anche i thumbstick sono una delizia, con opzioni sia concave che convesse, e la variazione di altezza è perfetta per chi ama regolare la propria configurazione.

L'unica nota stonata che abbiamo riscontrato è che un paio di pulsanti della faccia (al posto di quadrato, cerchio, croce e triangolo) sono leggermente più spugnosi di quanto ci saremmo aspettati: il clic del normale DualSense sembra leggermente più soddisfacente, anche se siamo disposti ad accettare che potrebbe trattarsi solo di memoria muscolare.

Pocket-lintRecensione di Scuf Instinct: Perfezione su PS5? foto 8

Nel complesso, però, si tratta di un upgrade perfetto rispetto al controller standard. La differenza è enorme quando si gioca a giochi come Call of Duty: Warzonedove la possibilità di muovere la mira con la levetta destra e di utilizzare i pulsanti sul retro del controller rappresenta un enorme vantaggio.

Ma non è tutto: in un gioco come Elden Ring, dove lo schema di controllo può diventare un po' contorto, è un ottimo modo per evitare una presa ad artiglio che altrimenti si potrebbe impiegare per allontanarsi dai nemici a metà combattimento.

Il controller può anche essere facilmente collegato al PC o al Mac, e anche al telefono Android o iOS, quindi non è limitato alla PS5, il che è fantastico. Dopotutto, l'ergonomia del DualSense è altrettanto eccellente, quindi se state cercando un controller professionale per queste piattaforme, siete fortunati.

È la settimana del PC Gaming in associazione con Nvidia GeForce RTX

Per ricapitolare

Se siete alla ricerca di un controller di livello professionale per la PS5 o per i giochi su PC, non c'è niente di meglio di questo, soprattutto grazie alle opzioni di personalizzazione offerte.

Scritto da Max Freeman-Mills. Modifica di Conor Allison.