Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Sono trascorsi 19 anni sbalorditivi dallultima volta che abbiamo avuto un gioco Metroid 2D - Metroid Fusion per Game Boy Advance - e anche se da allora abbiamo avuto un sacco di derivazioni e i superbi titoli Metroid Prime, è bello vedere la serie tornare alle sue radici alla fine.

Metroid Dread è, in effetti, un sequel diretto di quelluscita GBA del 2002, ma non preoccuparti se non hai mai avuto la possibilità di giocarci. Sebbene sia anche la fine di un arco narrativo in cinque parti iniziato con loriginale del 1986, i nuovi arrivati troveranno facile saltare a bordo, anche in questa fase avanzata. Beh, lo faranno se non si aspettano che questo gioco sia una passeggiata nel parco...

Lalba del terrore

In effetti, la trama è in gran parte hokum e comunque ottieni una spiegazione abbastanza lunga allinizio. Il nostro eroe Samus si reca sul pianeta ZDR dopo che i rapporti indicano che i cattivi di Fusion, il parassita X, stanno riemergendo lì. Tuttavia, le cose prendono una brutta piega e lei finisce intrappolata in una base labirintica con la maggior parte dei suoi potenziamenti e delle sue armi ridotte alle origini.

Il gioco essenzialmente ti incarica di fuggire dalla base, mentre scopri perché sei stato convocato in primo luogo. E devi rimpinguare il tuo arsenale lungo la strada - tariffa standard di un platform dazione, penseresti. Tranne che è lontano dallo standard: questo è Metroid, metà del tag Metroidvania dato a molti che giacciono nellombra della serie. Ha boss duri come la roccia, enigmi astuti e più di una grande, nuova sorpresa lungo la strada.

Il terrore che cammina

Uno di questi si presenta sotto forma di EMMI: robot inviati a ZDR prima di te per scoprire anche cosa sta succedendo. Sfortunatamente, sembrano essersi corrotti dopo il loro arrivo e si sono trasformati in guardiani mortali pronti a trasformarti in un kebab Samus.

Non puoi ucciderli con le armi standard - solo potenziamenti a colpo singolo che devi scoprire - quindi devi evitarli dove possibile e scappare da loro quando no. Puoi deviare un attacco diretto con una pressione di un pulsante superbamente cronometrata, ma è così una frazione di secondo che è estremamente difficile.

Questo aggiunge un senso di furtività al gioco che ci ricorda in qualche modo Alien: Isolation . Se un EMMI ti vede o ti sente, ad esempio quando salti o spari con unarma, ti inseguirà per la mappa. Fortunatamente, ognuno dei robot è intrappolato in una certa zona, quindi puoi evitarli, ma questo è di per sé un enigma da risolvere.

Unaltra novità di Metroid Dread sono un paio di nuove abilità per Samus. Ora può scivolare, per passare attraverso piccoli spazi e sotto i nemici. Può anche puntare la sua pistola in qualsiasi angolazione, puntando attraverso la levetta sinistra.

NintendoMetroid Dread recensione schermate foto 7

Ciò significa che inizialmente avrai molti controlli a cui abituarti, ma alla fine il gameplay è ancora migliore. Tuttavia, i giovani potrebbero lottare con la complessità, quindi la classificazione PEGI "Teen" non è lì solo per il gusto di farlo.

Il giorno del terrore

Ad essere onesti, è probabile che le prime ore di gioco ti infastidiscano in generale. Oltre alle nuove mosse di Samus, lo sviluppatore Mercury Steam nasconde alcuni importanti aspetti della progressione dietro blocchi sparabili che non sono sempre ovvi. Inoltre, gran parte della navigazione nella stanza si basa sulla ricostruzione dello stesso percorso più e più volte, e con i nemici che si rigenerano a ogni visita può diventare un po frustrante.

NintendoMetroid Dread recensione schermate foto 2

Ma, una volta che inizi a raccogliere nuove abilità e poteri, il gioco prende un po il ritmo e, dobbiamo ammetterlo, non cè sensazione migliore che trovare finalmente una nuova stanza o un interruttore sul pavimento che sblocchi il tuo percorso. Fino a quando non scopri uno dei capi, cioè.

Il sistema di combattimento è eccellente in Metroid Dread, con la nuova mira direzionale di Samus e la possibilità di regolare il tipo di munizioni (dalle esplosioni ai razzi) semplicemente tenendo premuto il paraurti destro. Funziona bene, è fluido e, anche in modalità portatile, è intuitivo. Tuttavia, come la maggior parte dei giochi Metroidvania, le battaglie contro i boss in questo caso sono durissime.

Paura o vivo

I boss generalmente richiedono tutto ciò che hai imparato finora, oltre a ogni nuova abilità e uno studio approfondito dei modelli di attacco e delle vulnerabilità. Ottieni tutti questi giusti allo stesso tempo e vincerai. Non farlo e morirai. Questultimo accadrà molto, soprattutto quando ti occuperai della sequenza degli eventi, ma è davvero normale. Sicuramente aumenta il tempo di gioco.

NintendoMetroid Dread recensione schermate foto 3

Raccomandiamo che, se soffri continuamente, potrebbe valere la pena riprovare in modalità TV (a meno che tu non abbia uno Switch Lite , ovviamente, poiché non puoi). Abbiamo giocato su un nuovissimo modello Switch OLED , con il suo display da 7 pollici, ma anche in quel caso alcuni dei movimenti sottili di un boss erano più facili da contrastare su uno schermo più grande e con un controller wireless.

Ad ogni modo, non entrare in Metroid Dread pensando che sarà una passeggiata. E assicurati che i tuoi livelli di tolleranza siano corretti, altrimenti il nuovo Switch OLED potrebbe diventare un costoso fermacarte.

La casa del terrore

Per un gioco 2D, Metroid Dread è bellissimo. Lanimazione sul personaggio principale e sui nemici più grandi è fantastica, mentre gli sfondi possono spesso essere sbalorditivi. Brilla particolarmente sullo Switch OLED, grazie alla saturazione del colore extra, ma ha comunque un bellaspetto su uno Switch standard o anche sul display del Lite più piccolo.

NintendoMetroid Dread recensione schermi foto 4

Il gioco gira a 60 fotogrammi al secondo in modalità portatile e TV, rispettivamente a 720p e 1080p, anche se sembra che le scene tagliate siano renderizzate a 30fps. Tuttavia, passano perfettamente con lazione, quindi non ti dispiace molto.

Laudio è ottimo, specialmente la colonna sonora opportunamente cinematografica. Si parla poco, quindi è necessario che la musica si alzi e si abbassi per impostare il tono di ogni segmento. Puoi anche attivare il rombo del controller per unimmersione extra e luso di Amiibo è incluso.

Prime impressioni

Metroid Dread è un ritorno molto gradito allo spirito della serie originale, con le qualità per renderlo orgoglioso sia per i nuovi arrivati che per i fan.

Può essere frustrante, specialmente con percorsi di progressione non sempre chiari, ma la ricompensa spesso vale le ore di grattacapi.

Sì, il gioco può essere diabolicamente duro, specialmente con le successive battaglie con i boss, ma questa è lattrazione del genere in primo luogo. E lindizio è piuttosto nel nome in realtà.

Non è per tutti, ma chi ha voglia di una sfida lo apprezzerà di sicuro. È, in quellespressione particolarmente inglese, terribilmente buono.

Scritto da Rik Henderson. Modifica di __LASSAVED.