Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Se cè una cosa di cui non puoi accusare la serie Resident Evil, è prendersi troppo sul serio. Resident Evil 7 avrebbe potuto fondare le cose in un viaggio in prima persona più grintoso e spaventoso rispetto alle storie piene di azione che lo hanno preceduto, ma alla fine le cose erano ancora molto esplosive.

Ora la storia di Ethan Winters sta continuando, questa volta calata in un ambiente freddo e spaventoso dellEuropa orientale (nessuno menziona la Transilvania!) - e si trova di fronte a una galleria di orribili antagonisti. È una grande corsa e riesce a cambiare felicemente il suo tono in tutto.

Gli inverni del nostro malcontento

Povero vecchio Ethan: la sua fuga dalla Louisiana non è stata affatto pulita, come ricorderanno i veterani del gioco precedente (Resi 8 ha un pratico video di riepilogo nel caso in cui tu sia confuso sui dettagli).

Riunito con la moglie Mia e la figlia Rose, è nella protezione testimoni in Europa quando le cose vanno male. Mia è fuori dai giochi e Rose viene rapita nientemeno che da Chris Redfield. Le cose prendono una piega peggiore quando il loro convoglio si schianta ed Ethan si sveglia da solo in un villaggio terrificante (la fonte del titolo di Resi 8, comunque).

I giocatori prendono il controllo per guidare Ethan attraverso il tugurio infestato dai Lycan e alla fine ottengono laccesso al vicino Castello Dimitrescu, dimora di una vampira gigante, Alcina Dimitrescu, e delle sue orribili figlie. Le sue speranze di recuperare suo figlio in sicurezza non sembrano esattamente incoraggianti, è sicuro dirlo.

Il gioco ha una struttura quasi episodica, infatti, poiché Ethan riesce ad entrare in una serie di nuove località che si diramano dal villaggio, ma il Castello è un buon riassunto di ciò che ognuna offre.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 8

È un ambiente reso meravigliosamente che quasi trasuda dettagli e inizialmente sembra labirintico prima di iniziare a capire i suoi angoli e fessure. In pratica, solo unaltra posizione più avanti nel gioco sembra altrettanto espansiva, insieme al centro del villaggio stesso, e imparerai ognuna di esse al tatto.

La storia di Resident Evil Village non è mirata alle stelle: è roba consapevolmente polposa che ha molti colpi di scena e uninfarinatura quasi costante di sangue e stile visivo per coronare i suoi ritmi.

Sia che tu stia scoprendo le motivazioni di mostri ripugnanti, scoprendo di più sul coinvolgimento di Chris, o semplicemente scoprendo come potresti essere in grado di salvare Rose, langoscia di Ethan è compensata dalla recitazione gloriosamente campy del resto del cast.

È molto divertente, fondamentalmente, e si fa strada verso un atto finale piacevolmente banale che è esplosivo come qualsiasi cosa la serie abbia mai offerto. Eppure questo non toglie nulla alle parti molto più silenziose e inquietanti delle parti precedenti del gioco. È un atto di equilibrio impressionante.

Comunque, ho iniziato a sparare

Con una prospettiva in prima persona che ritorna dallultimo gioco, anche molte delle sue meccaniche. Ancora una volta, Ethan è un lento che ha bisogno di un attento controllo, e ancora una volta il tuo arsenale di armi inizia al minimo e richiede un attento investimento e una ricerca sulla mappa per crescere.

Resident Evil Village ha alcune sequenze straordinarie che sono davvero spaventose e queste si dividono in due ampi campi. In primo luogo, lesperienza comune di sgattaiolare intorno a unarea che non hai ancora ripulito, spesso quasi al buio, senza mai sapere quando un nemico ti salterà addosso o quando stai per scoprire un tipo completamente nuovo di nemico da superare.

Gli altri momenti, più rari, vedono il gioco spogliarti completamente delle tue armi o lanciarti così tante cattiverie che correre per la tua vita, nasconderti dietro di te e cercare una via duscita, diventa la scelta ovvia. Queste sequenze sono elettrizzanti - anche perché un giocatore esperto può scegliere di resistere e combattere se vuole davvero provarci - e viscerali.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 3

È latmosfera precedente e più tranquilla che è la più coerente, tuttavia, anche una volta che hai qualche pistola più potente a cui ricorrere: continuerai a contare le tue munizioni, a destreggiarti tra gli slot dellinventario e a trattenerti dalla creazione di nuove attrezzature fino a quando non ne avrai assolutamente bisogno esso.

Alla fine, però, dovrai iniziare a combattere, e il gunplay è un ottimo mix tra accessibile e finnicky. Le pistole possono essere precise quando vengono sparate con ritmo e un po di calma ma, quando i nemici barcollano o ti saltano addosso, è facile perdere la calma e sbagliare - molto.

Questo consuma munizioni e, prima che tu te ne accorga, ti ritroverai a rompere le ultime scorte di lavoro per creare più proiettili, alimentando un ansioso ciclo di pericoli che tira fuori il meglio del gioco.

Ciò è leggermente minato dal fatto che puoi mettere in pausa e controllare il tuo inventario o la mappa ogni volta che vuoi, ma Capcom presumibilmente ha ragionato sul fatto che portare via questa coperta di sicurezza sarebbe stato troppo traumatizzante per la maggior parte dei giocatori.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 10

Forse il miglior trucco di Resi 8 è come riesce a mantenere le cose varie, però. Nessun ambiente supera il suo benvenuto, anche se stai estirpando fino allultimo frammento di tesori nascosti opzionali, e ognuno ha le sue meccaniche e le sue enfatizzazioni da padroneggiare.

Uno spettacolo horror di nuova generazione

I paesaggi, gli ambienti e i nemici di Resident Evil Village sono un piacere da guardare, nonostante tutto il sangue e la volgarità di alcune delle loro apparenze reali.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 2

Questo è un gioco sontuoso e sembra il migliore sulla prossima generazione. Abbiamo giocato su una PlayStation 5 e ci siamo goduti 60 fps per lo più stabili con ray tracing attivo (per unilluminazione che a volte è abbagliante) e risoluzioni precise, che sono rispecchiate su Xbox Series X. Le console meno potenti faranno concessioni su entrambi i fronti, ma ti consigliamo di scegliere le opzioni di frame rate più elevato se puoi scegliere: avrai bisogno di quella fluidità!

Sembra brillante, a prescindere, in particolare quando Capcom si degna di farti godere un po di luce, che si tratti delle bellissime sale di rappresentanza del castello o del sole che irrompe tra gli alberi spogli per illuminare il villaggio stesso.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 7

I dettagli sulle tue armi, sulle statue e sui monumenti, sui costumi e sullarchitettura, sono tutti di primordine e si uniscono per rendere questo mondo un po ridicolo e infuso di orrore quanto più reale che potresti sperare.

Trasudando con extra

Una volta che hai finito la storia per la prima volta, che probabilmente ti porterà da qualche parte vicino alle 10 ore, sarai accolto da risme di scatole di informazioni che rivelano tutte la stessa grande verità: che cè molto altro in cui affondare i denti.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 6

Che si tratti di modalità di difficoltà più difficili - pensiamo che la difficoltà normale avrebbe potuto essere più impegnativa man mano che il gioco andava avanti - o di sfide specifiche, cè ampia motivazione per rivisitare la storia.

Avrai la possibilità di affrontare richieste apparentemente quasi impossibili come giocare con armi solo da mischia o cercare ogni oggetto da collezione e nota possibile, il tutto per guadagnare più contenuti extra come concept art e modelli 3D dettagliati da visualizzare.

Inoltre, il gioco ha riportato la modalità Mercenari preferita dai fan per un extra ancora più sostanziale. Ti porta in luoghi della storia per sconfiggere ondate di nemici prestabiliti entro i limiti di tempo, con modificatori di gioco e controllo sul tuo equipaggiamento.

CapcomResident Evil Village recensione: Una foto in crescendo cruento 1

È molto divertente, soprattutto come purificatore del palato rispetto alla storia più impegnativa e con poche munizioni, e ci sono ancora una volta molte sfide da completare e voti da guadagnare.

Incorona anche una selezione di contenuti extra che è davvero impressionante e accattivante, dato che quasi tutti i piccoli bonus potrebbero probabilmente essere sfuggiti senza che nessuno si lamenti troppo.

Ottieni prezzi incredibili su giochi digitali come FIFA 22 su Gamivo

Prime impressioni

Ogni volta che inizi a sentirti sicuro e familiare in uno degli ambienti di Resident Evil Village, il gioco ti fa cadere in uno nuovo o ti chiede di giocare in un modo diverso, creando un buffet di paura, e tutto si costruisce in un crescendo che è allo stesso tempo elettrizzante e folle.

Se sei sul treno Resident Evil, questo è un altro tour de force; e se non lo sei, è un punto di partenza sorprendentemente accogliente. Il gioco si diletta nel suo tono, offrendo un mondo da incubo dellEuropa dellEst che è un vero spasso da giocare, sia che si insinui con cautela sia che si dia fuoco alle armi.

Scritto da Max Freeman-Mills. Modifica di __LASSAVED.