Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Il boss di Xbox Phil Spencer ha fatto una dichiarazione audace in vista della prossima grande guerra delle console: PlayStation non è più il suo più grande concorrente.

Né lo è Nintendo .

Invece, crede che i servizi cloud di Amazon e Google forniranno le maggiori minacce in futuro: "Quando parli di Nintendo e Sony, abbiamo un enorme rispetto per loro, ma vediamo Amazon e Google come i principali concorrenti", ha detto protocollo.

"Non per mancare di rispetto a Nintendo e Sony, ma le società di gioco tradizionali sono un po fuori posizione. Immagino che potrebbero provare a ricreare Azure, ma negli anni abbiamo investito decine di miliardi di dollari nel cloud".

Confronto tra le GPU GeForce RTX serie 30 di Nvidia e i suoi modelli serie 10

Spencer crede chiaramente che il cloud gaming o linterazione cloud con i giochi tradizionali saranno al centro dellindustria dei giochi in futuro, anche quando si tratta di Xbox Series X o di altri dispositivi hardware rilasciati da Microsoft. E Sony Computer Interactive è in svantaggio quando si tratta di infrastruttura cloud. Infatti, lanno scorso SIE ha firmato un accordo con Microsoft per utilizzare la sua rete cloud Azure per futuri servizi di gioco.

La palla è molto, quindi, nel campo dellazienda proprietaria dei data center, piuttosto che in quella che paga per utilizzarli.

E non sta parlando dellattuale generazione di cloud gaming, come Stadia , ma di quello che potrebbe seguire: "Non voglio litigare per guerre di formato con quei ragazzi mentre Amazon e Google si stanno concentrando su come far sì che i giochi si sette miliardi di persone in tutto il mondo", ha aggiunto.

Quindi, mentre le battaglie Xbox Series X vs PS5 stanno per iniziare, Spencer sta chiaramente guardando molto più in là.

Scritto da Rik Henderson.