Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Nintendo sembra intenzionata a terminare il supporto dell'app Switch Online per gli utenti di iPhone e iPad che non utilizzano il software più recente.

Come confermato dall'account Twitter giapponese di Nintendo, l'app sarà presto sottoposta a un aggiornamento che richiederà determinati requisiti del dispositivo. Attualmente è in grado di funzionare su qualsiasi dispositivo compatibile con iOS / iPadOS 12 o successivo, mentre la prossima versione funzionerà solo se l'utente ha almeno iOS / iPadOS 14 o successivo.

Non è stata fornita alcuna motivazione per il cambiamento, ma solo una nota che suggerisce che le modifiche avverranno quest'estate. Ciò significa che c'è ancora un po' di tempo per aggiornare il proprio dispositivo al software più recente se si utilizza spesso l'app.

Apple indica che solo il 4% circa degli iPhone e il 10% degli iPad utilizza un software che non soddisfa i nuovi criteri di Nintendo, il che rende più facile per gli sviluppatori abbandonare il supporto, ma questo rappresenta comunque un gran numero di modelli.

Naturalmente c'è anche una buona fetta di dispositivi più vecchi che non possono essere aggiornati al software più recente, anche se Apple è molto brava a mantenere il supporto anche anni dopo il lancio.

Per coloro che hanno un dispositivo compatibile, tuttavia, è sufficiente avviare il processo di aggiornamento andando in Impostazioni > Generali > Informazioni su e controllando quale versione è attualmente in esecuzione.

Una volta aggiornata, si potrà continuare a godere di tutti i piaceri dell'app Switch Online.

I migliori giochi per Xbox One 2022: i migliori titoli che ogni proprietario di Xbox One S e X dovrebbe giocare.

Scritto da Conor Allison.