Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - The Legend of Zelda: Majora's Mask, uscito originariamente per Nintendo 64 nel lontano 2000, arriverà a febbraio su Nintendo Switch.

Considerato in gran parte come uno dei migliori titoli di Zelda di tutti i tempi nel roster di Nintendo, il titolo ha già avuto una riedizione digitale per Nintendo Wii U nel 2016.

Ma conosciamo tutti il destino di quell'ex piattaforma Nintendo e, con un numero molto maggiore di utenti di Switch, la prospettiva di giocare a questo titolo sulla sapiente console-meeting-portatile di Nintendo sarà allettante per molti.

Majora's Mask uscirà come parte dello Switch Online+ Expansion Pack di Nintendo, il servizio di abbonamento online dell'azienda giapponese, completo di una serie di titoli classici - il più recente dei quali è la riedizione di Banjo-Kazooie - che parte da un prezzo molto ragionevole di 3,49€/ 3,99€ al mese.

Il nome del servizio, come molti possessori di N64 ricorderanno, è un'eco del prodotto Expansion Pak - di fatto una memoria RAM aggiuntiva in una cartuccia (aumentata da 4MB a 8MB (sì, Megabyte, ricordate l'inizio del millennio?) - che si inseriva nella classica console a 64 bit. È possibile vederla sull'edizione originale di Majora's Mask per N64, come mostrato nel tweet di Nintendo America qui sopra.

Al momento non sarà possibile acquistare Majora's Mask per Switch come titolo completo su cartuccia o tramite download. Si tratta di un titolo che si basa sul driver di Switch Online + Expansion Pack. Il che è comprensibile, dato che il servizio dovrebbe ricevere decine di altri titoli classici in futuro, da Kirby 64 a F-Zero X.

Non ci sono dettagli sulla data esatta in cui Majora's Mask per Switch sarà disponibile, al di là della conferma di "febbraio", né sulla presenza di grafica aggiuntiva, texture o upscaling. In ogni caso, non vediamo l'ora di rivisitare una delle avventure più oscure di Link; speriamo che sia bello come lo ricordiamo e che non si tratti solo di ricordi nostalgici repressi.

Scritto da Mike Lowe. Modifica di Adrian Willings.