Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Facebook potrebbe avere in programma di entrare nel mercato sempre più affollato del cloud gaming , dopo aver confermato lacquisto del servizio spagnolo PlayGiga.

Lacquisizione è stata annunciata dalla divisione gaming di Facebook ed è indicativa del desiderio allinterno dellenorme social network di aumentare la sua presenza nei giochi.

Un rapporto di Cinco Días ha valutato laffare a 70 milioni di euro, circa 78 milioni di dollari o 59,5 milioni di sterline. Anche se questo non è un piccolo cambiamento, le casse senza fondo di Facebook lo rendono una somma un po insignificante.

Facebook stesso non sta ancora commentando cosa farà PlayGiga per questo, ma l annuncio della società di gioco contiene un piccolo indizio.

Perché la tecnologia DLSS di Nvidia è perfetta per prestazioni ed efficienza maggiori

Il suo sito web ora afferma che sta "continuando il nostro lavoro nel cloud gaming, ora con una nuova missione". Questo, ancora una volta, indica che lintenzione è quella di continuare a indagare sul cloud gaming, piuttosto che su forme di gioco tradizionali come quelle offerte dalle console domestiche.

Tuttavia, se ciò significa che Facebook sta pianificando di lanciare effettivamente il proprio servizio di cloud gaming e se un tale servizio offrirebbe giochi per console tradizionali, sono entrambe sconosciute in questa fase.

Linfluenza di Facebook sui giochi è stata probabilmente in gran parte limitata ai giochi sociali leggeri, con il picco di popolarità del simulatore di gestione del tempo Farmville nel 2010 che rappresenta potenzialmente un punto culminante. Quando si tratta di esperienze di gioco più tradizionali e dettagliate, tuttavia, Facebook non è stato davvero un grande giocatore.

Se può offrire unesperienza di gioco cloud stabile, offrirebbe concorrenza a artisti del calibro di Google Stadia e Project xCloud di Microsoft, entrambi ancora nelle fasi iniziali. Sebbene Stadia sia effettivamente in circolazione, non ha ancora la più ampia gamma di titoli disponibili.

Scritto da Max Freeman-Mills.