Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Amazon ha depositato un interessante brevetto per una tecnologia che raggrupperebbe i giocatori tossici sullo stesso server multiplayer. In sostanza, costringere i giocatori tossici a giocare insieme e quindi migliorare il gioco per tutti gli altri.

Il brevetto è stato originariamente depositato nel 2017 ma da allora è stato approvato dallUfficio brevetti e marchi degli Stati Uniti. Descrive in dettaglio come i tradizionali sistemi di matchmaking per i giochi multiplayer online tendono a concentrarsi su raggruppamenti basati sulle abilità. In altre parole, mettere insieme giocatori con livelli di abilità simili in modo che il gioco sia divertente e non unilaterale.

Tuttavia, il brevetto suggerisce che questa classica logica di matchmaking non si traduce necessariamente nel divertimento del giocatore:

"Anche se i giocatori possono divertirsi a competere con altri con un livello di abilità simile, tali sistemi presumono ingenuamente che labilità sia il principale o lunico fattore per il divertimento dei giocatori. Contrariamente a questa ipotesi, il divertimento dei giocatori può dipendere fortemente dai comportamenti di altri utenti con cui sono accoppiati, come la propensione degli altri giocatori a usare volgarità o a impegnarsi in altri comportamenti indesiderati".

È la settimana del PC Gaming in associazione con Nvidia GeForce RTX

Il suggerimento è quindi di isolare tutti i giocatori "tossici" in un pool di giocatori separato e quindi assicurarsi che i giocatori tossici siano solo accoppiati tra loro.

Naturalmente, anche il concetto di "tossico" è unidea soggettiva. Un giocatore potrebbe essere felice di sopportare un linguaggio volgare, ma potrebbe considerare altre azioni in-game, come luscita anticipata dal gioco, come molto più tossiche. Un altro giocatore potrebbe non badare alle azioni, ma odiare sopportare imprecazioni e troll.

Il sistema proposto, quindi, suggerisce di consentire ai giocatori di votare su ciò che è tossico e di impostare preferenze per ciò che ritengono accettabile o meno.

È sicuramente un concetto interessante. A questo punto non è chiaro se Amazon lo implementerà o dove potremmo vederlo, ma lidea di avere lobby online amichevoli è sicuramente allettante.

Scritto da Adrian Willings.