Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - Adoriamo lodore delle voci al mattino. Call of Duty è uno dei pochi mammut franchise di gioco che rilascia quasi sempre un titolo allanno, anche se a volte si alternano tra voci principali e remaster o giochi con un po meno clamore.

Ai vecchi tempi, questo ha stabilito un ritmo "tick-tock" in stile Apple tra i titoli di Modern Warfare di Infinity Ward e la serie Black Ops di Treyarch, ognuno dei quali ha portato il franchise in direzioni leggermente diverse.

I giochi di Black Ops sono iniziati con una storia ambientata durante la Guerra Fredda e prevedevano missioni in Vietnam, e ora sembra che Call of Duty potrebbe tornare in quel teatro.

Da tempo circolano voci secondo cui il prossimo COD sarà un soft reboot della serie Black Ops o almeno unaltra voce che tornerà a tempi più contemporanei.

Perché il Corsair One i300 potrebbe essere il perfetto PC da gioco compatto

Ora, sembra che possiamo essere ancora più fiduciosi su questo fronte. Jason Schreier, ora di Bloomberg, ha rivelato alcuni fatti chiave sul gioco che ha avuto direttamente da fonti che ci lavoravano.

Come puoi vedere, non sembra che sia sicuro che sia un gioco di Black Ops, ma il fatto che sia ambientato in Vietnam sembra essere certo. In altri tweet, Schreier conferma che luscita del gioco è prevista entro la fine dellanno, in attesa di eventuali ritardi dovuti alle condizioni di lavoro, e che ha limpressione che non si tratti di un riavvio.

Anche se questo lascia ancora alcuni dettagli un po confusi, significa che possiamo aspettarci presto un titolo COD ambientato in Vietnam, almeno, e immaginiamo che non passerà molto tempo prima che Activision renderà ufficialmente noti alcuni fatti . Dopotutto, con vari spettacoli di giochi cancellati questestate, non cè nulla che impedisca a sviluppatori ed editori di svelare titoli sulle proprie linee temporali.

Scritto da Max Freeman-Mills.