Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico.

(Pocket-lint) - TomTom ha aggiornato i suoi dispositivi di navigazione, introducendo nuove funzionalità e alcune modifiche allinterfaccia utente per semplificare la vita ai conducenti che cercano di spostarsi da A a B.

Da diversi anni si afferma che il dispositivo di navigazione personale dedicato è sullorlo dellestinzione. Con la maggior parte degli smartphone che ora offrono la navigazione guidata gratuita, la maggior parte delle persone ha accesso alle funzioni che un tempo erano appannaggio di aziende come TomTom.

Ma lazienda olandese non sta ferma: sta evolvendo i suoi prodotti, cercando modi per rendere la vita più facile ai conducenti e fornire non solo mappe con indicazioni, ma le aggiunte e lesperienza per rendere la guida meno stressante.

Anche se qui stiamo recensendo il Go 510 da 5 pollici, la funzionalità è la stessa del Go 610, che, come suggerisce il nome, offre un display di un pollice in più.

Il nostro parere veloce

Il TomTom Go 510 è un gradito aggiornamento per la famiglia di dispositivi Go, il suo schermo da 5 pollici è la dimensione ideale per la navigazione a colpo docchio. In confronto, pensiamo che il Go 610 da 6 pollici sia troppo grande per la maggior parte delle auto.

Il TomTom Traffic in diretta è eccellente e, finché hai uno smartphone con una connessione dati, tutto funziona molto bene. Per la massima comodità, o per coloro che sono preoccupati per i costi dei dati in roaming (in particolare allestero), il Go 5100 standalone con la sua SIM dati integrata potrebbe essere di maggiore interesse, se riesci a ingoiare il costo aggiuntivo di £ 90.

Ma così comè, il Go 510, al prezzo di £ 169, è più conveniente rispetto al modello della generazione precedente al momento del lancio e meglio abilitato a rendere la guida meno stressante. La sincronizzazione tramite il cloud con MyDrive semplifica la preparazione per un viaggio o riempi rapidamente il dispositivo con le posizioni che devi raggiungere, senza dover fare tutto sul dispositivo stesso. Per quelli con un Go 500, questo forse non è un incentivo abbastanza completo per laggiornamento al 510: è solo una comodità davvero fuori dal dispositivo che supererai il vecchio dispositivo.

In sintesi, le modifiche minori allinterfaccia rendono il Go 510 più informativo, MyDrive lo rende più conveniente e TomTom è ancora il nostro dispositivo preferito per la navigazione. Cè spazio per miglioramenti attraverso il servizio MyDrive, ma così comè il TomTom Go 510 ha ancora un posto sul cruscotto della nostra auto. Dove rimarrà.

Recensione TomTom Go 510: ottima navigazione, ora più connessa

Recensione TomTom Go 510: ottima navigazione, ora più connessa

4.5 stars - Pocket-lint recommended
Pro
  • Traffico eccellente
  • Ottima navigazione
  • Buona grafica
  • Modifiche dellinterfaccia benvenute
  • Pianificazione offline utile
Contro
  • La ricerca in MyDrive potrebbe essere più dinamica

Design

Letica del design di TomTom per il Go 510 si attiene allo stesso formato del Go 500 lanciato nel 2013 . È identico a guardarlo, ma non è un male: non ha senso cambiarlo se non ha bisogno di essere cambiato.

Cè una montatura efficiente (sempre la stessa di prima) che, avendo usato la vecchia montatura negli ultimi anni, possiamo tranquillamente dire che è abbastanza sicura. Fissando saldamente il Go 510 al parabrezza della tua auto, un anello di bloccaggio a torsione lo rende ancora più sicuro. Lunica volta che ci ha fallito è stato quando fa freddo, soprattutto se cè condensa allinterno del parabrezza.

Pocket-linttomtom go 510 recensione immagine 6

Lattacco magnetico tra il TomTom e il supporto è abbastanza sicuro, ma facile da rimuovere quando lasci lauto. La durata della batteria è stimata in 2 ore, ma la maggior parte delle volte sarà sulla base di ricarica collegata al parabrezza.

Il dispositivo stesso misura 144,5 x 90,5 x 22,2 mm, il che lo rende abbastanza considerevole rispetto alla maggior parte degli smartphone. Il Go 510 è rifinito in plastica e cè il display touch da 5 pollici nella parte anteriore, che pensiamo abbia un contrasto migliore rispetto ai dispositivi più vecchi, offrendo più impatto visivo.

Cè un pulsante di accensione nellangolo in alto a destra, ma per il resto cè poco altro da menzionare sul design. Dallutilizzo del Go 500, abbiamo avuto poco di cui lamentarci e lo stesso vale per il Go 510.

Più connesso

Il punto in cui il Go 510 fa davvero un passo avanti è nella connettività, cercando di colmare il divario tra il tuo smartphone o PC e il dispositivo che hai nella tua auto. Questo ha senso, poiché è qui che alternative come Google Maps sono davvero convincenti.

Per collegare questo dispositivo, il Go 510 dipende da una connessione dati tramite il tuo smartphone (il più costoso Go 5100, tuttavia, è dotato di una SIM integrata, quindi non ha bisogno di un telefono per la connessione).

Pocket-linttomtom go 510 recensione immagine 10

Questa connessione dati fornisce le funzionalità che aveva in precedenza, vale a dire portarti il traffico in tempo reale e le posizioni degli autovelox sul tuo dispositivo. Ha anche TomTom Traffic a vita (precedentemente chiamato HD Traffic) e lo abbiamo trovato spaventosamente affidabile, ma ne parleremo più avanti.

Per stabilire una connessione con il tuo smartphone, dovrai accoppiarlo tramite Bluetooth, ma anche dire al tuo smartphone di condividere la sua connessione dati tramite Bluetooth, che è un processo semplice. Il Go 510 ti informa che è connesso e ci sono icone visive nel menu per mostrare lo stato della connessione ai servizi offerti.

TomTom MyDrive

Oltre agli elementi di traffico che abbiamo menzionato, la tua connessione dati ora porta con sé una nuova funzionalità, chiamata TomTom MyDrive. Questo colma davvero il divario tra il tuo dispositivo in auto e il resto del mondo, portando TomTom nel cloud.

Per molto tempo TomTom ha offerto la mappatura in molti luoghi diversi. Cè il sito web, i navigatori dedicati e lapp per smartphone. Chiunque può cercare un percorso online, ma ciò che fa TomTom MyDrive ora è fare il salto anche sul tuo dispositivo in auto.

Ciò significa che se ti stai chiedendo dove si trova qualcosa e lo cerchi sul sito web, puoi salvare quella posizione in I miei luoghi e poi sincronizzarla con il tuo dispositivo. Ciò è particolarmente utile, ad esempio, se stai andando in vacanza in auto e vuoi trovare e salvare hotel, campeggi e così via.

Non sei nemmeno limitato alla ricerca sul dispositivo: puoi ricontrollare tutto sul tuo computer e quindi salvare la posizione, il che lo rende ottimo per la pianificazione.

Pocket-linttomtom go 510 recensione immagine 8

Lopzione successiva non è solo quella di salvare le posizioni, ma anche di pianificare il percorso sul tuo computer e inviarlo al tuo dispositivo. Si sincronizza semplicemente in background, il che significa che quando accendi il dispositivo nella tua auto, è pronto per navigare senza la necessità di collegare la tua destinazione.

Quando pianifichi il percorso su MyDrive, hai la possibilità di impostare anche lorario in cui vuoi arrivare o partire, il che è utile, e lo abbiamo spesso usato quando eravamo seduti alla scrivania in ufficio, preparandoci a partire per una riunione. Con il percorso pianificato, i tempi confermati, è tutto pronto sul tuo dispositivo non appena inizi a guidare.

Tuttavia, ci sono alcune limitazioni allo stato attuale. La ricerca di TomTom non è così dinamica come troverai su Google Maps, ad esempio. Ti darà strade e codici postali, ma incollerà un intero indirizzo e non capirà. Chiedigli di trovare un punto di interesse (POI), come Stonehenge, e non ce lha, solo strade con il nome Stonehenge. Non cè nemmeno una vista satellitare, quindi non puoi incrociare visivamente la destinazione mentre fai potrebbe con Google.

Ci siamo trovati a trovare la destinazione anche in Google Maps e a fare controlli incrociati con le mappe TomTom per assicurarci di avere la posizione corretta prima di salvarla, soprattutto per le località lontane. Per il tuo codice postale medio del Regno Unito, non è necessario, ma per un hotel nella Francia rurale, assicurati di arrivare nel posto giusto, non a circa 500 miglia di distanza su una strada con lo stesso nome.

Pocket-linttomtom go 510 recensione immagine 9

La sensazione di doverlo fare pone TomTom MyDrive in leggero svantaggio, poiché puoi facilmente cercare posizioni, salvarle e sincronizzarle su Google Maps quasi senza alcuno sforzo, e questo è sincronizzato su tutti i dispositivi Google che hai firmato in.

La gestione del percorso offre anche più opzioni sul dispositivo TomTom rispetto al sito web. Sul Go 510 è possibile pianificare un percorso e quindi aggiungere una sosta lungo il percorso, ma tramite il sito Web è solo da punto a punto. Ci piacerebbe essere in grado di creare percorsi più complessi e inviarli, poiché questo è il fascino di utilizzare uninterfaccia più grande come il tuo PC.

Aggiornamento dellinterfaccia utente di TomTom

Gran parte della mappatura sul TomTom Go 510 rimane comè da diversi anni. Questo utilizza la nuova interfaccia utente (UI) introdotta nel 2013, progettata per essere migliore per il controllo touch. A quel tempo, molte delle opzioni superflue furono rimosse, per concentrarsi principalmente sulla navigazione e ridurre il disordine.

Questo è stato uno shock per alcuni utenti, poiché non cè distrazione nella ricerca di POI, nessun percorso attraverso le categorie; sebbene le informazioni sui POI siano ancora presenti, devi solo utilizzare lopzione di ricerca universale.

La pianificazione del percorso e la guida sono molto buone. Siamo stati a lungo fan delle mappe di TomTom e delle immagini che ti vengono fornite durante la guida. Lindicatore di corsia è ottimo e le informazioni che ti vengono fornite, come i nomi e i numeri delle strade, sono utili. Ad esempio, ottieni anche rappresentazioni della segnaletica agli svincoli autostradali, così puoi vedere rapidamente che la tua destinazione è elencata.

Pocket-linttomtom go 510 recensione immagine 7

Il grande cambiamento nellultima interfaccia utente di TomTom è unespansione nella barra delle informazioni a destra. In now ti mostra lora attuale, lora in cui arriverai a destinazione e il tempo di percorrenza rimanente, oltre alla distanza. È molto utile quando qualcuno chiama, chiedendo quando sarai lì.

Questa sovrapposizione di destra è quasi il doppio della dimensione delliterazione precedente e fornisce maggiori dettagli sugli incidenti lungo il percorso. La distanza dal prossimo ingorgo è elencata, ad esempio, quindi sembra più completa di prima.

Lesperienza dellautovelox è molto simile, mostrandoti la tua velocità, il limite di velocità, la distanza dallautovelox e il display di sfondo del Go 510 che cambia per riflettere la tua velocità allavvicinamento. Se è uno sfondo rosso, ti consigliamo di rallentare.

La migliore esperienza di navigazione

Rimane la domanda se un dispositivo autonomo abbia ancora posto nel mondo moderno. Abbiamo utilizzato molte soluzioni di navigazione basate su smartphone, ma continuiamo a pensare che TomTom sia il migliore per portarti dove stai andando, attraverso il percorso migliore, nel più breve tempo possibile.

Il reindirizzamento è automatico, rapido, preciso e il percorso viene aggiornato per riflettere il traffico rilevato lungo il percorso. Se dice che arriverai in un momento particolare, lo farai, anche se cambia dinamicamente come fa il traffico sul tuo percorso.

Se abbiamo una critica al reindirizzamento, è che a volte ti verrà offerto un percorso diverso che è 1 o 2 minuti più veloce. In unora di viaggio, questo non è davvero importante e molto spesso è innescato da un incidente stradale da qualche parte durante il viaggio che poi si risolve. In questi casi, vogliamo che TomTom eviti quella distrazione. Se si tratta di un risparmio di 10 minuti, vale la pena considerarlo.

TomTom a volte inciampa anche quando chiedi al Go 510 di portarti in un posto lontano dalle rotte principali. Ti porterà lungo strade B che sono minuscole in parti remote della Cornovaglia, quando in realtà la tangenziale sarebbe stata una guida più facile. Si dice spesso che "siamo sulla rotta TomTom" quando si percorrono percorsi a binario singolo attraverso il retro dellaldilà. Puoi scegliere di evitare autostrade, strade a pedaggio, puoi scegliere di prendere il percorso economico, il percorso più veloce o il percorso più breve, ma queste opzioni non sempre evitano le strade che potrebbero rendere più difficile la guida.

Pocket-linttomtom go 510 recensione immagine 2

TomTom Traffic è molto buono e siamo stati colti di sorpresa a non fidarci. Potresti andare piano sullautostrada M25, e questo è frustrante, ma spesso è più veloce che tuffarti dallo svincolo più vicino e negoziare la strada suburbana.

Abbiamo imparato a fidarci dei tempi e dei percorsi di TomTom per la maggior parte del tempo, dopo aver testato il Go 510 su Google Maps utilizzando due auto che percorrono lo stesso viaggio contemporaneamente. Usando la conoscenza locale abbiamo evitato un ingorgo, solo per imbatterci in un altro. La seconda auto, attenendosi alle istruzioni di TomTom, è arrivata 10 minuti prima. È aneddotico, ma tipico dellesperienza di navigazione che otterrai da TomTom Go.

Molti altri sistemi offrono traffico, ma questi possono essere lenti da aggiornare. Abbiamo percorso molte miglia utilizzando Google Maps Navigation e, sebbene offra una ricerca molto più dinamica e aggiornata di TomTom, il percorso è spesso più lento e i tempi sono quasi sempre sbagliati.

Alla fine usiamo ancora entrambi e immaginiamo che molte persone lo facciano. Fino a quando TomTom non offrirà la ricerca a livello di Google Maps o Google non offrirà percorsi, orari e traffico a livello di TomTom, la situazione di stallo rimarrà.

Per ricapitolare

TomTom Go 510 offre uneccellente navigazione, con modifiche allinterfaccia utente riviste e la comodità della pianificazione offline. Questo è ancora un dispositivo di navigazione molto avvincente, ora aggiornato per una maggiore comodità.

Scritto da Chris Hall.