Pocket-lint è supportato dai suoi lettori. Quando acquisti tramite i link sul nostro sito, potremmo guadagnare una commissione di affiliazione. Scopri di più

Questa pagina è stata tradotta utilizzando l'intelligenza artificiale e l'apprendimento automatico prima di essere revisionata da un redattore umano nella vostra lingua madre.

(Pocket-lint) - Sembra che Corsair stia facendo sul serio con la K70 Pro Mini, una tastiera sostituibile a caldo ricca di specifiche e funzionalità in un formato minuscolo.

Si tratta di un'offerta interessante per una serie di motivi, e non solo perché è la prima volta che l'azienda offre questo livello di personalizzazione.

-

Il mercato è ormai pieno di opzioni capaci sia per il gioco che per la produttività, quindi come si colloca l'ultimo sforzo di Corsair?

Lo abbiamo testato nelle ultime settimane per scoprirlo.

Il nostro parere veloce

La K70 Pro Mini Wireless è una tastiera fantastica se vi piace il fattore di forma del 60%.

Ci piace l'aggiunta di interruttori sostituibili a caldo, ed è bello vedere un grande marchio che introduce questa funzione in una tastiera da gioco.

Anche le specifiche tecniche di questa tastiera sono molto apprezzabili e l'esperienza di gioco e di digitazione in generale è ottima.

Il prezzo potrebbe scoraggiare alcuni e non è adatta a chi ha intenzione di sostituire gli interruttori a cinque pin, ma la K70 Pro Mini Wireless è la scelta migliore.

Recensione del Corsair K70 Pro Mini Wireless: Compatto e personalizzabile

Recensione del Corsair K70 Pro Mini Wireless: Compatto e personalizzabile

4.0 stelle
Pro
  • Design degli interruttori sostituibili a caldo
  • Interessante barra di illuminazione RGB
  • Controlli multipli a bordo
  • Esperienza di digitazione confortevole
  • Attuazione rapida per il gioco
Contro
  • L'RGB non è luminoso come standard
  • Accetta solo interruttori a tre pin

squirrel_widget_12853992

Specifiche importanti

  • Hyper polling a 8.000 Hz; scansione dei tasti a 4.000 Hz
  • 2,4 GHz Slipstream wireless o Bluetooth 4.2 a bassa latenza
  • 8 MB di memoria a bordo per 50 profili e 20 effetti di illuminazione a strati

A prima vista, si potrebbe pensare che la K70 Pro Mini sia solo una versione wireless della K65 RGB Mini. Ci sono alcune somiglianze: entrambi sono dotati di interruttori Cherry MX di serie e hanno specifiche che includono una frequenza di polling di 8.000 Hz e la promessa di una trasmissione dei dati a bassa latenza.

Considerate però la K70 Pro Mini Wireless come il fratello più costoso e sofisticato della K65. L'aspetto è simile, ma in realtà l'offerta è molto più ampia.

Pocket-lintCorsair K70 Pro Mini Wireless foto 13

Ovviamente, per cominciare, è wireless, il che significa che potete abbandonare il cavo USB-C a meno che non dobbiate ricaricarlo (il che avviene ogni 30 ore circa con l'RGB acceso o 200 con l'illuminazione spenta). È inoltre possibile scegliere tra Bluetooth a bassa latenza o wireless a 2,4 GHz, e c'è anche una modalità speciale progettata appositamente per PlayStation 5.

Promette inoltre prestazioni iperveloci grazie a una frequenza di polling di 8.000 Hz, alla scansione dei tasti a 4.000 Hz e all'Intelligent Frequency Shift per scansionare e passare al volo al canale wireless più pulito. Tutto questo si traduce in un segnale veloce (0,25 ms) e preciso dalla tastiera al PC di gioco. Ciò significa che non potrete incolpare l'hardware per i vostri errori di gioco.

Come se non bastasse, c'è anche una memoria onboard da 8 MB che consente di salvare fino a 50 profili diversi per la tastiera (ad esempio, impostazioni diverse per i vari giochi) e di sovrapporre fino a 20 effetti di illuminazione diversi.

Pocket-lintCorsair K70 Pro Mini Wireless recensione foto 7

La Corsair K70 Pro Mini Wireless sarà anche piccola, ma ha molte funzioni extra racchiuse nello strato secondario. Ciò significa che con la pressione di un doppio pulsante si può fare di tutto, tra cui controllare la durata della batteria, registrare macro, attivare la modalità PlayStation, passare al Bluetooth e altro ancora.

Si tratta di un'ottima notizia, dato che il 60% delle tastiere è un po' complicato da gestire per alcuni usi e pressioni di tasti standard. Semplici elementi come le frecce direzionali possono essere nascosti in altri pulsanti e per accedervi è necessario premere prima FN. Tuttavia, il posizionamento è buono e logico.

Questa tastiera include anche alcuni controlli bizzarri, come i movimenti del mouse e i clic nell'area WASD, che sono insoliti e intriganti.

Fin qui tutto bene. Il punto forte per noi, tuttavia, come avrete capito, sono gli interruttori sostituibili a caldo.

Pocket-lintCorsair K70 Pro Mini Wireless recensione foto 3

Sostituibili a caldo fino a un certo punto

  • Gli interruttori standard sono Cherry MX RGB Red o Speed Silver
  • Interruttori Cherry MX a tre pin sostituibili
  • Layout standard della riga inferiore
  • Include un keycap e un estrattore per gli interruttori a chiave

Una delle caratteristiche più interessanti della K70 Pro Mini Wireless è la possibilità di sostituire gli interruttori. Di serie, viene fornita con una scelta di due interruttori:

  • Cherry MX RGB Red - forza di azionamento di 45 g, azionamento di 2 mm, corsa di 4 mm.
  • Cherry MX Speed Silver - 45 g di forza di attuazione, 1,2 mm di attuazione, 3,4 mm di corsa.

Si tratta di interruttori a tre pin che possono essere rimossi con l'estrattore incluso e sostituiti con interruttori di propria scelta. Si tratta di un'ottima soluzione se si desidera aggiornare o sostituire gli interruttori difettosi in futuro, anche se va notato che accetta solo interruttori a tre pin, non a cinque, il che potrebbe limitare le opzioni.

Inizialmente volevamo utilizzare le creme Novelkeys lubrificate per modificare la sensazione (e il suono) della tastiera, ma non è stato possibile perché si tratta di interruttori a cinque pin. Si è trattato quindi di una triste battuta d'arresto.

Potrebbe sembrare una piccola lamentela, ma la più economica NZXT Function MiniTKL accetta sia interruttori a tre che a cinque pin. È comunque bello vedere questa opzione inclusa in una tastiera mainstream, dato che la maggior parte dei grandi marchi di giochi non ha ancora fatto questa mossa.

L'altro vantaggio del design della K70 Pro Mini Wireless è che ha un layout standard della fila inferiore, per cui è possibile provare diversi keycaps personalizzati per cambiare l'aspetto e la sensazione della tastiera.

Pocket-lintCorsair K70 Pro Mini Wireless foto 14

squirrel_widget_4715350

La tastiera è dotata di serie di keycaps in PBT double shot o in policarbonato (a seconda della regione) e, secondo la nostra esperienza, l'illuminazione non traspare altrettanto bene con la configurazione in PBT spesso. La K65 RGB Mini presentava un bel po' di RGB bleed grazie al backplate bianco, ma questo non è presente nella K70 Pro Mini Wireless, e questo è un vero peccato.

Abbiamo provato alcuni set di keycap diversi e quelli colorati di Corsair sembrano un po' più belli, ma, ancora una volta, non lasciano passare la stessa luce. Dal lato, tuttavia, è possibile notare che questa tastiera è dotata di una barra di illuminazione RGB LightEdge a 360 gradi con 28 LED per aggiungere un'illuminazione d'accento.

Pocket-lintCorsair K70 Pro Mini Wireless foto 17

Abbiamo constatato che non aggiunge molto splendore alla nostra scrivania, ma è comunque un tocco di stile in più per la tastiera.

Con la possibilità di impilare gli effetti luminosi, avremmo preferito una migliore visualizzazione di serie, soprattutto se si considera che la K65 RGB Mini ha un aspetto più gradevole già dalla confezione.

squirrel_widget_12853962

Tuttavia, è possibile ottenere un miglioramento utilizzando qualcosa come i PrismCaps di SteelSeries. I keycaps Pudding aggiungono un'illuminazione molto più gradevole e un'estetica migliore.

squirrel_widget_12853992

Per ricapitolare

Questa è forse la tastiera più interessante rilasciata da Corsair e racchiude in un piccolo formato ogni sorta di specifiche e caratteristiche interessanti. Non aspettatevi però un RGB super luminoso o il supporto di interruttori a cinque pin.

Scritto da Adrian Willings. Modifica di Conor Allison.